La falsa cortesia. O meglio quando chiedi ma non te ne frega niente della risposta.

Ieri mi è successo un fatto strano, quasi surreale.

Ieri, come dicevo ho incontrato una donna, Marta che conosco da quando era bambina, ora è madre di due bambini, conosco i genitori e la sorella certamente molto più simpatica di lei.

Marta con me è sempre stata molto educata e gentile , ma una mia nipote con cui è andata a scuola diceva di Marta “è falsa”.

La nipote in effetti ha moltissimi difetti , ma tutto gli si può dire meno che essere falsa, anzi appenata avuto l’ età ha detto esattamente quello che pensava e mandato a quel paese metà della famiglia, a torto secondo il mio parere, ma quella è stata la sua scelta.

Quando ieri ci siamo visti Marta è stata come al solito molto gentile, era col marito, che era impegnato in altro, quindi Marta si è avvicinata e mia ha chiesto come andava, e poi a sorpresa ha chiesto della zia suora.

La zia suora è morta qualche mese fa a quasi 101 anni. Per i cento anni esattamente un anno fa, tutti noi fratelli eravamo andati a festeggiarla, stava dalle parti di Roma. (già raccontato abbondantemente)

Marta mi ha chiesto com’era andata la festa alla zia.

Con Marta c’eravamo visti l’ultima volta qualche mese fa e giuro che mi aveva fatto la stessa domanda, ma la cosa incredibile al ” La festa è andata bene, la zia nel frattempo è morta” Marta ha risposto esattamente come l’altra volta ” Mi dispiace non sapevo nulla, tua nipote non mi ha detto niente, condoglianze”

Riconosco che il primo sentimento è stato d’irritazione, ma ho sorvolato come era giusto fare.

Marta invece che chiedere di zia avrebbe potuto tranquillamente parlare del tempo, per lei era solo un modo per scambiare due parole.

Salutata Marta e il marito, e detto che la zia era stata felice di morire che si era rotta le scatole di continuare a vivere, che non faceva altro che pregare Dio di portarla con se, e detto che anche noi nipoti eravamo in qualche modo felici che la zia che fosse morta , in modo che Marta si ricordasse la risposta, per non rischiare al prossimo incontro che mi chiedesse ancora . Se mai domandasse , giuro, la zia la faccio resuscitare e la rendo protagonista di avventure strabilianti.

Al delirio ho un collega molto simpatico, che quando gli parli ti sorride e fa cenno col capo di seguire tutto quello che dici, in realtà pensa a tutt’altro, gli puoi raccontare la stessa avventura tutte le volte che vuoi, per lui sarà sempre la prima volta, ti sorriderà sempre e sembrerà ascoltare con interesse , per poi dimenticarsi dopo un secondo tutto quello che gli hai detto. Però al collega va riconosciuto che di sua spontanea volontà non chiede mai niente a nessuno , e tanto meno a me della zia suora.

Battuta del giorno un po’ ipocrita.

Io odio gli ipocriti e tutti quegli stronzi a cui faccio finta di sorridere (Matteo Grandi)

L’ipocrisia è il lubrificante della società (David Hull)

Mai iniziare una frase con le parole ” senza offesa” (Gretchen Rubin)

Non esageriamo con l’ipocrisia degli uomini, la maggior parte degli uomini pensa troppo poco per pensare doppio. (Marguerite Yourcenar)

Il vero ipocrita è quello che non si rende conto di mentire , quello che mente in tutta sincerità.(Andrè Gide)

Te lo dicevo che anche le sigarette elettroniche fanno male. Esplode sigaretta elettronica uomo ricoverato in ospedale.

La notizia è una bomba, una bomba è esagerato, una bombetta.

Un uomo mentre camminava per strada, siamo a Milano otto del mattino circa, ad un certo punto gli esplode in mano la sigaretta elettronica, caso vuole che in quel momento la mano sia vicino ai genitali, lo scoppio ha provocato ustioni di primo e secondo grado alla mano e all’avambraccio sinistro ed anche nella zona dei genitali. L’uomo soccorso dai medici è stato portato in codice giallo in ospedale.

Per prima cosa da oggi niente più cellulare vicino ai genitali.

Lo specialista intervistato affermava che sono cose che possono succedere, tutti gli apparecchi con batteria possono esplodere , certo è una cosa rara ma può succedere.

Uno dei miei più cari amici è un fumatore incallito, almeno due pacchetti di sigarette al giorno, finché non ha deciso di smettere, il dottore era stato chiaro ” o smette di fumare o è inutile che venga qui”

Il mio amico si è messo d’impegno ed oggi fuma due pacchetti di sigarette al giorno, in più ha tre tipi di sigarette elettroniche che fuma in continuazione in presenza di moglie e figlia, o quando ci sono io. Io non sopporto il fumo delle sigarette, nel frattempo il mio amico ha cambiato dottore.

In spiaggia gli avevo creato l’angolo fumatore, doveva poter fumare senza rompermi le scatole, inoltre quando stavamo vicini dovevo mettermi sempre contro fumo.

Il divertimento era fargli sparire le sigarette, dopo un po’ di ricerche impazziva tra le nostre risate, poi quando le trovava dietro mie indicazioni, veloce ne prendeva una l’accendeva e si acquietava.

Guardandolo ho sempre pensato che non era lui a fumare la sigaretta, ma dava l’idea che era la sigaretta a fumare lui.

Battuta del giorno in fumo

Il medico mi dice che se smetto di fumare vivrò un mese in più . Ma almeno in quel mese potrò fumare? ( Maria Luisa Spaziani)

I Cerotti per smettere di fumare funzionano, anche se non è bello andare in giro con la bocca sigillata.(Franco Oreglio)

Prima della scoperta del fuoco, quanto erano nervosi i fumatori? (Kazzenger )

Avevo smesso di fumare. Ora, temporaneamente , ho smesso di smettere.

Ti dispiace se non fumo (Groucho Marx)

I divorzisti italiani lanciano l’allarme:causa confinamento quest’anno il 60% in più di richieste di divorzi. E io che pensavo che finalmente le coppie avrebbero scopato e fatto qualche figlio in più.

I dati sono ufficiali, sono state presentate il 60% di richieste in più di divorzio, il confinamento, e l’obbligo di stare in casa tutto il giorno insieme ha fatto scoppiare moltissime coppie.

Personalmente è una vita che lo dico, che una coppia per durare nel tempo deve vedersi il meno possibile. Vedersi tutti i giorni ma poche ore, il minimo indispensabile.

Dolce consorte la pensa uguale, anche se non l’ammetterà mai.

Certo esistono le coppie che fanno tutto insieme tipo Olindo e Rosa ma alla fine si arriva in ogni caso alla strage .

Olindo e Rosa sono stai condannati per aver sterminato i vicini. Lo dico pubblicamente uno dei più grossi errori giudiziari della storia italiana. Sono innocenti,pirla si, ma innocenti.

Esistono coppie che passano tutto il giorno insieme, tutti i giorni della loro vita e segretamente si odiano, e quella della loro presenza continua che danno al loro coniuge è la giusta punizione che pensano di infliggergli.

In questo periodo i casi di violenza domestica sono aumentati vertiginosamente , metti due che già si sopportano poco e li costringi a stare insieme tutto il giorno, magari in un appartamento piccolino. Altro che stragi.

Visto che questa situazione durerà ancora un po’, nell’autocertificazione per poter uscire dovrebbe essere ammesso – non sopporto più quello stronzo- a e prima di dargli una martellata sulla testa sono uscito- a.

Battuta del giorno divorziamo

Oggi, 10 anni fa stavo per sposarmi e lo rifarei altre mille volte, divorziare intendo. (Dasy Daniela)

Non ho mai creduto nel divorzio finché non mi sono sposata. (Kathleeen Behan)

E’ stato un divorzio piuttosto travagliato il nostro. Per via di un bambino. Lui. (Wendy Liebman)

Ho divorziato per divergenze di carattere religioso: mio marito, contrariamente a quello che pensavo, credeva di essere Dio.(Vera Foster)

A volte il divorzio riesce meglio del matrimonio (Sumner Redstone)

Articolo altamente filosofico. Parliamo di uccelli e di pale e di molto altro.

Figlia qualche tempo fa mi ha parlato di questo argomento, ma non sapevo esattamente come trattarlo, poi l’altra sera una giornalista parlando del Coronavirus ha detto “80000 mila morti, pensate un intero stadio” e lì ho ricordato quello mi aveva raccontato figlia .

Figlia raccontava di come spesso la mente si faccia ingannare da notizie vere.

Le pale eoliche killer degli uccelli.

Io non ne sapevo niente.

Solo negli Stati Uniti 570 000 mila uccelli selvatici sono stati uccisi dalle pale eoliche.

Ho scoperto che la punta delle pale eoliche si muove a 80 metri al secondo , 280 Km /h capite bene che se non si sta attenti si fa una brutta fine. Quando si dice ti girano le pal(l)e.

Ora ricordatevi la cifra 570 000, e sono scoppiate le polemiche in difesa degli uccelli , e si è cominciato a demonizzare le pale eoliche, e a chiederne la sospensione. Le persone sono così, davanti ai numeri grandi tende a non capire più nulla.

L’articolo va avanti, ma sapete quanti sono e qual’è la causa maggiore della morte degli uccelli ? I gatti ne ammazzerebbero solo un miliardo e 300 milioni , e i nostri amici di casa 221 milioni. Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh

600 milioni di uccelli sbattono contro le finestre e muoiono, lasciate le finestre aperte vi prego.

Duecento milioni investiti da voi maledetti automobilisti, andate più piano.

23 milioni dalle linee elettriche, fulminati sul posto, ” sono stanco mi appoggio un attimo” Un attimo che diventa eterno.

Ora torniamo alla cifra 570 000 capite che confrontandole con le altre cause le pale eoliche non fanno certo la parte dal leone. Ma nessuno si è mai sognato di dire di smettere di mettere le linee elettriche, o di costruire grattacieli, e nessuno si sogna di non tenersi a casa un gatto.

80 000 morti di coronavirus in Italia, due milioni nel mondo e le cifre ci sembrano spaventose.

Un attimo, prendiamo fiato ogni giorno nel mondo nascono 250 000 mila persone e ne muoiono 115 000, col virus 150 000 abbondiamo , ogni 24 ore nel mondo ci sono centomila persone in più.

Il problema col coronavirus non sono certo i morti, certo a chi muore e parenti un po gireranno le pal(L)e, ma il problema è e rimane i malati che non li sappiamo dove mettere.

Il fumo nel mondo uccide ogni anno sette milioni di persone quasi quattro volte di più del coronavirus

L’alcool oltre tre milioni di persone.

Se i malati del coronavirus si ammalassero in maniera ordinata tot al mese, tanto da da non intasare gli ospedali non ci sarebbe tutto questo casino, ma si ammalano tutti insieme, questo è il problema.

Torniamo alle pale eoliche , sapete quali sono gli uccelli più colpiti i predatori, quelli che dall’alto vedono perfettamente la preda grazie alla loro vista, ma che incredibilmente proprio per il loro tipo di vista non vedono le pale, si lanciano in picchiata sulla preda e vengono mazziati dalle pale che girano a tutta velocità.

Ora a me la cosa fa un po ridere, immagino la scena dell’aquila che vede la preda giù a terra e si lancia in picchiata, e quando è ormai a un passo dalla cattura bang una palata e l’aquila viene colpita . .Quasi tutti tendiamo a stare dalla parte delle vittime, nei documentari, nei cartoni animati quando vediamo scendere giù il predatore ad acchiappare la vittima infondo quasi sempre tifiamo per le vittime, speriamo che si passano salvare. In natura le cose non stanno così, tutti sappiamo il ruolo importante dei predatori, per mantenere il giusto equilibrio, quello che il genere umano ha rotto.

Nel 2050 saremo circa dieci miliardi, ora abbiamo superato i sette miliardi, e siamo preoccupati perché in un anno in tutto il mondo sono morti due milioni di persone di coronavirus? O siamo solo preoccupati del nostro benessere economico? Evidentemente nell’informazione c’è qualcosa che non quadra, esattamente come con la strage di uccelli con le pale eoliche .

Dodicimila bambini al giorno muoiono di fame nel mondo e non mi pare che i telegiornali aprano il notiziario tutti i giorni con questa notizia veramente vergognosa.

Battuta del giorno convinto

Metteva le sue convinzioni al di sopra di tutto, persino della sua vita. Però aveva spirito di sacrificio, e quando venne il momento , abbandonò volentieri le sue convinzioni per salvarsi la vita. (Karl Kraus)

Lo so, lo so, molti darebbero la mia vita per le loro convinzioni (Brana Crncevic)

Ho conosciuto un uomo senza convinzioni, ma che le difendeva con passione. (Jean Luis Forain)

Consultando abbastanza esperti si può trovare conferma a qualsiasi opinione.

Notte di follia, la colpa è di Nontirare (cane)

Due e mezza di notte, ho guardato l’orologio. Nontirare e tutti i cani del vicinato abbaiano all’impazzata , ma Nontirare la fa da padrona.

Dolce consorte ” Nontirare abbaia” dice ” La sento” rispondo ” cosa pensi di fare ” continua ” dormire” finisco di dire. ” Dovresti andare a vedere perché abbaia in quel modo ” insiste ” Ma abbaiano tutti i cani, ci saranno i cinghiali, il vicino non ha il recinto e riescono ad entrare e vanno a mangiare quello che trovano “spiego “secondo me ti dovresti alzare e andare a vedere, se buttano giù il cancelletto ed entrano da noi ?” mi domanda preoccupata “C’è Nontirare non entrano” dico fiducioso.

I cani continuano ad abbaiare all’impazzata Nontirare in prima fila. Mi alzo, di solito esco in mutande e canottiera, ma che non si dica che non vi ascolto mi metto una maglia ed esco sulla terrazza, un freddo boia, sto invecchiando, sicuramente siamo sotto zero, il cielo è limpido e pieno di stelle è meraviglioso. Guardo nella direzione da dove provengono gli abbai, è troppo buio per vedere qualcosa, allora grido” La smetti di gridare ” dico a Nontirare ” Ma sei tu che gridi, io al massimo abbaio” mi risponde ” vieni ci sono i cinghiali, vieni qui a gridare con me ” continua tutta infervorata ” Piantala di far casino, finché stanno dai vicini fregatene , sono le due e mezzo di notte, svegli tutti” gli urlo ” Secondo me sono si svegliati tutti con le tue grida ” mi risponde .

Vuoi le mia grida vuoi che si sono stufati di sentirci litigare i cinghiali se sono andati ” se ne vanno” dice un po’ delusa Nontirare ” vai a dormire ” gli urlo . Ormai il vicinato è tutto sveglio.

Sono le due e mezza di notte passate e c’è un pirla sul terrazzo, in mutante, canottiera e maglia che guarda le stelle, ma non ha pensieri poetici ma solo un freddo boia…..

Battuta del giorno in un pieno di benzina.

Il fai di te è un sistema che consente, a fronte uno sconto irrisorio, di imbrattarsi le mani e far colare il carburante risparmiato sulla fiancata della macchina . (Giole Dix)

Benzinaio ” Signora le faccio il pieno?” Signora ” Si ma non so se ci sta”(Marco Dorandini)

Benzinaio “Signora mi dispiace ma la benzina è finita ” Signora ” Ma solo da lei o da tutti i benzinai ?” (Marco Dorandini)

Io vorrei sapere come fanno quelli là a trovare il petrolio proprio sotto le pompe di benzina. (I Trettrè)

“Lei è mai stato innamorato? ” ” No, ho sempre fatto il benzinaio” (Beppe Viola )

Fumare mentre fai benzina può aiutarti a smettere per sempre.