Matrimonio con falso invito.

Tra qualche giorno si sposa la figlia di un parente lontano, le nozze erano previste da più di un anno, lo so, sorella lontana mi tiene informato.

Quindici giorni prima delle nozze mi è arrivata la partecipazione con addirittura l’invito alla cena.

Io non sarei andato comunque, ma quindici giorni prima sapendo il tipo di lavoro che facciamo io e dolce consorte, e che abbiamo bisogno di preavvisi molto più lunghi, era chiaro che era una presa per il culo, fatto solo per avere la busta con dei soldi.

Per quanto mi riguarda la storia era finita lì, busta e invito gettato nella carta.

Chiaramente le cose troppo facili non piacciono a dolce consorte.

Il parente lontano con la faccia da culo che si ritrova, ha pensato bene di telefonare per accertarsi che non andavamo al matrimonio, fratello è un buono e si è quasi giustificato di non poter partecipare.

Io non ho risposto al telefonino, era un numero sconosciuto, e io non rispondo mai ai numeri sconosciuti, guardo, se non c’è nome chiudo direttamente, da quando faccio così ho pochissimi fastidi telefonici, nulli direi.

La faccia di culo ha pensato bene di lamentarsi con sorella, dicendo che gli avevo messo giù il telefono.

Per quanto mi riguardava fregava un cazzo, e quindi lungi da me di chiarire la cosa.

Chiaramente le cose troppo facili non piacciono a dolce consorte.

Fratello mi diceva della difficoltà di mandargli dei soldi non avevano non so cosa, aveva telefonato alla promessa sposa.

Di bene in meglio la storia si stava chiudendo nei migliori dei modi, il regalo che dovevo fargli forzosamente, il meno possibile chiaramente, non avrei fatto nemmeno quello.

Per quanto mi riguardava tutto era bello che finito.

Chiaramente le cose troppo facili non piacciono a dolce consorte.

A mia insaputa dolce consorte ha telefonato a sorella lontana, che a sua volta ha avvertito parente……

Oltre che ora c’è un conto dove fare un bonifico, mai farsi i fatti suoi dolce consorte , sono parenti miei, ha parlato col parente lontano, gli ha spiegato come se non lo sapesse che per andare avremmo avuto bisogno di tempi di preavviso più lunghi, senza specificare che io non ci sarei andato neanche dietro minaccia. Ed ha voluto fargli sapere che non gli avevo messo giù il telefono, semplicemente non rispondo ai numeri che non conosco.

Tra qualche giorno si sposano, in meridione hanno tanti matrimoni, che si sposano durante la settimana, e che del green pass al ristorante se ne fottono. Lì nessuno va a controllare ,soprattutto in certe zone se ne guardano bene, non comanda certo lo stato.

Comunque a questo punto, non so però se valgono, tanti auguri agli sposi.

Storia vera verissima. Quando si è un professionista….

Oggi vi vorrei raccontare un episodio che riguarda un giocatore di calcio, un campione che pochi ricordano.

Liam Brady, a molti, soprattutto ai giovani o ai non appassionati di calcio risulterà un nome sconosciuto.

Il calcio con quello che voglio raccontare conta poco….

Lian Brady aveva scelto di giocare alla Juventus e pur di giocare con il club bianconero aveva rifiutato contratti più vantaggiosi.

Lian Brady è un gran giocatore , un regista, ma non è il fenomeno, il campione su quale sognare, ma un gran giocatore affidabile e bravissimo nel suo ruolo, amato dal suo allenatore Trapattoni e dal presidente della Juventus di quei tempi Boniperti.

Due anni alla Juventus e due scudetti.

Ma arriviamo all’episodio.

Tre giornate alla fine del campionato, la Juventus si sta giocando lo scudetto con la Fiorentina, sono a pari punti, quando un sabato Trapattoni lo chiama e gli dice che non fa più parte dei piani della juventus, al suo posto arriverà Michel Platini, voluto da Agnelli e comprato con un blitz personalmente. A quei tempi potevano giocare solo due stranieri per squadra. Liam è stato ceduto alla Sampdoria senza nemmeno chiedere un suo parere.

Ultima giornata di campionato, mancano 15 minuti alla fine della partita col Catanzaro il risultato è zero a zero, la Fiorentina ha gli stessi punti della Juventus e sta giocando a Cagliari e sta a sua volta pareggiando, quando viene assegnato un rigore alla Juventus.

Liam è il rigorista della Juventus, da quel rigore possono dipendere tutte le sorti di un intero campionato, Liam ha tre scelte : decidere di tirare quel rigore, decidere di non tirare quel rigore, decidere di tirare quel rigore e sbagliarlo volontariamente…..

Ora vi prego di mettervi nei suoi panni per quanto potete, e scegliere cosa fare, ricordandovi che siete appena stati scaricati malamente dalla vostra squadra e mandati a giocare in una squadra di rango inferiore senza chiedervi nulla.

Liam decide così

Prenderà il pallone e prendendosi tutti i rischi, anche quello di sbagliare, tirerà quel rigore e sarà scudetto per la Juventus.

Michel Platini è un fenomeno è il campione per eccellenza quello che fa sognare, e gli Juventini scorderanno subito Liam, questa è la vita.

Ma io mi vedo molto in Liam, ogni giorno al delirio, (lavoro) nonostante che non condivida più niente con la mia azienda, be’ ogni santo giorno vado e batto il mio rigore con la massima professionalità.

Ci si può riuscire solo se lo fai per te, per la tua dignità, perché tu sei così e non c’entra il dovere, è un modo di essere, finché ci sono faccio bene il mio lavoro, a prescindere da tutto e soprattutto da quello che fanno gli altri.

La differenza tra me e Liam non sta solo nello stipendio, ma da quanti rigori mi tocca battere , io nei suoi confronti sono quasi un eroe.

E le chiamano ferie queste ferie…Devo ancora andare e sto già pensando che devo tornare.

Devo ancora andare in ferie ed ho già il terrore di tornare al delirio, non è più vita, ora c’è anche il problema del tampone dove farlo, ho scoperta che qui da noi è cosa complicatissima oltre che costosissima, ma non aggiungiamo angosce ad altre angosce e parliamo solo di ferie.

Mi sarebbe stata concessa la mia settimana di ferie, ma al delirio sta succedendo di tutto, e potrebbero anche saltare, oggi si saprà.

Non avendo prenotato da nessuna parte, questa storia del green pass mi è stata utile per non andare da nessuna parte ( tutti i mali non vengono per nuocere), se le ferie saltano per causa di forza maggiore non sarebbe la fine del mondo.

Il problema è che ad oggi in ogni caso non riesco più a godermi le ferie, l’idea che devo tornare al delirio mi toglie ogni piacere.

Devo ancora andare e sto già pensando che devo tornare……

Dolce consorte ha tanto da fare col suo lavoro, che per le ferie a casa ha protestato poca convinta, e spinge solo per due giorni da qualche parte….

Da noi se è bello questo è il periodo migliore , il mare è stupendo, o anche visitare le cittadine turistiche più famose è l’ideale, poca gente in giro e tutto diventa più vivibile.

Resta il fatto che se anche se vado in ferie devo poi tornare al delirio tamponato o vaccinato solo Dio lo sa. Il governo dei migliori dei peggiori sta già pensando a come prolungare la mia agonia al delirio di almeno qualche anno , vogliono togliere la quota 100 .

Con questo stato d’animo che forse vado in ferie….

Il governo dei migliori dei peggiori ha deciso il piatto del giorno: coda alla vaccinara per tutti. ( ricetta )

Per fare la coda alla vaccinara per prima cosa ci vuole il bue.

Gli scappati di casa che ci governano, il governo dei migliori dei peggiori, ha deciso green pass per tutti i posti di lavoro. Hanno deliberato che volontariamente o con le buone o con le cattive ci dobbiamo obbligatoriamente vaccinare. Non hanno messo l’obbligo vaccinale che avrebbe avuto senso, prendendosi tutte le responsabilità, ci mancherebbe, hanno deciso che il vaccino rimane su base volontaria ma lo si deve fare per forza. Il tampone me lo devo pagare, il vaccino è gratis . “Fatti il vaccino che è gratis ” Ora ti dicono ridendo” fregati prrrrrrrrrrrrrrrrrrrr ” dicevano stamattina sbellicandosi dalle risate.

Anche per il vaccino o il tampone essere ricchi conviene.

Chi ne esce peggio è il più scappato di casa di tutti :Salvini.

Due parole su questo scappato di casa.

Lo sputtanamento è totale, tra quello che ha detto e quello che è successo è una sconfitta senza precedenti, per non parlare della sua guerra personale al ministro dell’interno Luciana Lamorgese.

Salvini lei è a processo per via degli sbarchi, la sua difesa è che il blocco era una scelta collegiale, ora capisco che spesso non sa quello che dice, ma prendersela con la Lamorgese è come darsi la zappa sui piedi. Evidentemente far sbarcare le persone è una scelta di questo governo, e ora le do una notizia incredibile, lei Salvini con tutta la lega fa parte di questo governo.

Sul vaccino e green pass non ci sono parole, tra quello successo ieri nel voto nel governo e quello detto da lei fino a un giorno prima.

Spero sempre in un miracolo, che alla prossima visita ad una Madonna lo faccia diventare muto.

Passiamo alla ricetta.

Per fare la coda alla vaccinara ci vuole un bue e in questo paese per fortuna o sfortuna non mancano.

La coda alla vaccinara era un pasto per i poveri, poi per i ricchi , ora è per tutti, anzi volontariamente obbligatoria per tutti.

Per questa ricetta è obbligatorio avere pazienza, la cottura è lunga lunghissima, ma alla fine avrete un ottimo risultato, basta aspettare che si cuocia a puntino.
La ricetta del governo dei migliori dei peggior,i però la carota non la taglia a pezzettini ma la vuole grossa molta grossa e va messa con forza lì appena più sotto da dove inizia la coda, che al bue vaccinaro piaccia o no.

PS Mi vaccino? Per il momento no, anche se non sono contrario al vaccino. Credo che spenderò qualche soldo in tamponi, i miei principi valgono sicuramente di più di qualche centinaio di euro. Aspetterò ancora qualche mese e vediamo che succede.

Un buon muuuuuuuuuuuuuuuuuuu a tutti .

Ricordo a tutti che il vaccino è su base volontaria, ed oggi si è puniti e discriminati se non lo si fa. Se non capite dov’è il problema vi meritate il governo dei migliori dei peggiori. Ma in Italia siamo abituati da anni a questi tipi di governi.

Al delirio(lavoro) avvenimenti deliranti. Ieri chiamato 118 sostituto addetto pulizie sembrava morto.

Il ragazzo (ragazzo si fa per dire) delle pulizie è in ferie ed hanno mandato un uomo sui 50 anni a sostituirlo, un peruviano, simpatico e gioviale, e anche con una grande voglia di lavorare, ho pensato si mette male per il ragazzo delle pulizie……

Ieri il peruviano come il solito è arrivato in anticipo e si è messo subito a lavorare di gran lena…. poi è venuto da me e mentre ognuno svolgeva il proprio dovere abbiamo chiacchierato 5 minuti e sembrava andare tutto bene……

Passata un’ora scricciolo mi chiama e mi mostra alcuni locali dov’era passato il peruviano con la macchina per lavare, erano tutti allagati, aveva versato l’acqua ma si era scordato di aspirarla.

Lo cerchiamo, ma non lo si trova più, invece troviamo scope spazzoloni sacchetti della spazzatura abbandonati ovunque, ma di lui più nessuna traccia.

Vengo chiamato al microfono, ho un lavoro urgente da fare col collega balordo, smetto le ricerche e vado di corsa dal collega che mi sta aspettando fuori.

Mentre svolgiamo il nostro lavoro, siamo in altri locali esclusi ai nostri visitatori, vedo in un angolo semi nascosto, il peruviano sulla macchina per lavare, è seduto con la testa reclinata e non si muove e non da segno di vita. Mi avvicino lo chiamo e gli chiedo se sta bene, nessuna risposta, sembra morto, non noto nessun segno di respiro, chiamo il collega balordo ” Ti sembra morto?” chiedo. Il collega lo guarda da lontano e non si avvicina ” non lo so ” risponde rimanendo lontano.

Mi avvicino e con un dito lo spingo per vedere se reagisce, niente, lo spingo ancora con più forza, nulla, nessun segno di reazione, uso tutta la mano per scrollarlo, niente non si muove.

Prendo il telefonino e telefono al 118, dove una voce di donna mi risponde, è molto gentile e mi chiede di cosa ho bisogno. ” Lavoro in….. c’è qui l’uomo delle pulizie che sembra morto” dico ” Cosa lo fa sembrare morto ?” mi chiede curiosa la donna gentile al telefono. ” Non mi risponde quando lo chiamo, e quando lo scrollo non reagisce” rispondo ” bene non deve stare” finisco di dire , io sono pirla sempre.

La donna la sento ridacchiare “Le mando l’autoambulanza? ” ” faccia lei ” rispondo ” Aspetti che le passo il mio collega”.

Nel mentre il peruviano si muove, il collega balordo rimane sempre a distanza di sicurezza.

Nel mentre arriva la nuova voce ” Pronto che succede? ” mi chiede questa volta una voce di uomo “Avevo qui ( e dico il nome della azienda ) l’uomo delle pulizie che sembrava morto, ma ora si muove” ” Ma come sta? ” mi chiede la voce dall’altra parte del telefono. Nel frattempo il peruviano apre gli occhi.”Come stai ” chiedo in diretta telefonica ” sbiascica qualche parola incomprensibile . ” ” non bene” rispondo al telefono. ” Sono stanco, mi sono alzato presto questa mattina” dice il peruviano, che con uno slancio improvviso scende dalla macchina per lavare, non sta in piedi barcolla. ” Guardi si è alzato” dico” se sta male ritelefono ” provo a dire ” Sicuro?” mi viene chiesto ” Si ” rispondo , se arrivano, e lo trovano ubriaco o fatto perde il posto penso.

Il peruviano barcolla, il collega balordo ” E’ ubriaco perso” mi dice ridendo e tornando a fare il suo lavoro.

” Ma come stai? ” continuo a chiedere ” sono stanco” risponde mangiandosi le parole e continuando a barcollare ” Vuoi l’autoambulanza ?” chiedo “e cosa me ne faccio di un’autoambulanza ? “mi risponde giustamente il peruviano, mentre esce dal locale dove siamo.

Finito il lavoro urgente lo andiamo a cercare, bagni, spogliatoi, locali dove potrebbe essersi infilato, di lui non c’è più traccia, ha lasciato tutto lì in mezzo ed è andato via, di buono c’è che arriva in corriera…..

La domanda è :ma quando ha bevuto se un’ora prima stava bene?

Forse oggi la risposta, se torna……

Nucleare e bollette elettriche aumentate del 40%, quelle del gas solo del 30%. Stiamo tornando alla normalità.

Cingolani “chi cazzo è ?”Si domanderà qualcuno, è il ministro alla transizione ecologica, minchia ci mancava, infatti ha dichiarato che forse il nucleare non è così male, poi si è corretto, si fa per dire.

Ieri è arrivato con la bella notizia: aumento dal prossimo trimestre sia della bolletta dell’elettricità che del gas del 40% e del 30% .

Ma andiamo con ordine.

In Italia ciclicamente si parla del nucleare e del ponte sullo stretto, ci sono dei personaggi definiti seri, io dei seri cretini che ogni tanto escono fuori con questi argomenti.

Il Sicilia e Calabria dove comanda la mafia come tutti ben sanno, meno che il nostro ministro degli interni, che ha dirottato tutte le forze dell’ordine contro i cospiratoti no-vax , non aspettano altro per fare man bassa di appalti, per un opera chiaramente inutile.

Ma il ponte non è argomento del giorno.

Il nucleare si, per l’energia dipendiamo quasi totalmente dai paesi esteri…

In un articolo letto qualche giorno fa sul blog di Barbara, quasi amici oserei direi, non vorrei che si arrabbiasse, che parlava chiaramente di nucleare ho commentato vado a braccio “che siamo un popolo poco serio per permetterci il nucleare. ” Da qui alcuni scambi di vedute, e poi l’intervento di una persona molto preparata (seriamente) non pirla come me, che bontà sua mi spiegava cose a me sconosciute e mi accennava alla centrale di Trino, io per motivi personale sono più affezionato a quella di Caorso, tanti anni fa ho conosciuto una ragazza di Caorso in vacanza al mare da noi……

La centrale di Trino, l’avevo vista qualche tempo fa in TV, stavano facendo un’inchiesta giornalistica, è stata chiusa nel 1990, ha iniziato a produrre nel 1965. Costruita in quattro anni dal 1961 al 1964, chiaramente sto copiando da quello che leggo in rete. La notizia che mi aveva fatto sorridere che non la possono smontare perché non ci sono le istruzioni per farlo. Potete ridere.

Una centrale di questo tipo aveva una vita media di 40, quando è stata costruita si sapeva, ma a nessuno è venuto in mente di scrivere di come smontarla. All’IKEA quando ti vendono un mobile ti danno le istruzioni per montarlo mica per smontarlo. Chiaramente le cose sulle centrali nucleari sono leggermente diverse.

Immagino gli operai ” Dammi sta cazzo di chiave inglese che smonto sto benedetto nucleo che sta qua in mezzo ai coglioni”” mettiti il casco non si “sa mai

Siamo nel 2021 e la ditta che la dovrebbe smontare si è presa dieci anni di tempo per capire come fare, nel 2030 se tutto va bene e nel frattempo non ci siamo già istinti si potrebbe procedere all’opera di smantellamento.

A Caorso, avevo promesso di andarci alla ragazza, ma ho avuto sempre molte difficoltà a muovermi anche per la gnocca, le cose sono andate leggermente meglio stiamo mandando i fanghi radiottivi in Slovacchia, su dei TIR, 12 ore di viaggio su autostrade e strade , per fortuna che non sono passati dal ponte Morandi. Tutto vero, anche per Caorso per il 2031 dovrebbe essere tutto a posto.

Il 2030 comincia a farmi paura.

Il nucleare in un paese serio forse avrebbe tutte le ragioni per esistere, ma da noi è improponibile, sicuramente non con questa classe politica di scappati di casa.

Intanto cominciamo a pagare le bollette, e sperare che questo inverno non faccia troppo freddo.

Sabato giorni di addii, qualche lacrima, tanti sorrisi e qualche va a fanculo.

Sabato per molti sottoposti è stato giorno di addii, finito il contratto sono stati lasciati a casa, come avrebbe detto Cocciante ” Era già tutto previsto” Anche se molti si sono comportati in maniera impeccabile il loro destino era segnato, ormai il mondo del lavoro funziona così. Se sento un altro coglione che dice che non si trova personale per via del reddito di cittadinanza gli tiro una randellata in testa. Ci sono milioni di persone disoccupate a casa che non hanno nessun reddito di cittadinanza, forse con la disoccupazione visto che dopo uno ,due, tre, sei mesi al massimo vengono lasciati a casa nonostante si siano comportati bene.

Il sottoposto tonno finalmente è sparito dalla mia vista, l’ultima settimana mi è toccato sopportarlo, alla fine è tornato da dove era partito, e non c’era neanche il collega balordo per sopportarlo in due, tutto mio.

E’ andato via senza salutarmi……. lo vorrei ringraziare pubblicamente per avermi evitato l’imbarazzo di un saluto di circostanza. Comunque imbecille fino in fondo, d’altronde quello è.

Per la sottoposta dal pianto facile è stata anche per lei l’ultimo giorno, ora non dirò le cose carine che mi ha detto…… Ma racconterò quello che ha fatto scricciolo con le altre ragazze.

Scricciolo è una bella persona e non solo fisicamente.
Chi mi segue sa delle difficoltà della sottoposta del pianto ad integrarsi, poi grazie a me e a scricciolo le cose sono migliorate, tanto che alla fine con molte era diventata un amicona, sorrisi, risate, e disponibilità nell’aiutarsi a vicenda.

Visto che per la sottoposta del pianto facile era l’ultimo giorno, sabato scricciolo le ha comprato una pianta di rosa ancora con i boccioli, come una metafora della vita . La sottoposto dal pianto facile era quello, una rosa che deve anche sbocciare, ma lo sbocciare dipendeva da lei.

Come al solito ha pianto ma questa volta era di commozione, tutte le ragazze hanno partecipato al regalo.

Certo la svolta è dipesa da quando le ho detto che non mi piaceva il suo atteggiamento con le altre colleghe,soprattutto con scricciolo e un’altra sottoposta che si erano mostrate sempre gentili nei suoi confronti.

La prossima settimana sarà la fine del contratto per altri, altri addii altre lacrime … ogni volta è così, il tempo di affezionarti a qualcuno che devi dirgli addio. Questo è il mondo del lavoro oggi.

Blitz dei servizi segreti contro 8 no-vax. Stavano preparando un attentato contro i parlamentari. Un piccione viaggiatore Kamikaze con dei petardi nel culo da far scoppiare sul parlamento.

Tutti avrete sentito la notizia del blitz delle forze dell’ordine per smantellare una organizzazione pericolosissima di no-vax. Tutti i telegiornali l’hanno data come prima notizia giustamente…..

8 pericolosi delinquenti, armati fino ai denti, altro che Rambo.

Nella perquisizione sono state trovate armi a non finire, oggetti incredibili.

Armi , armi pericolose, armi pericolosissime.

Armi: Dopo controlli accuratissimi sono stati trovati coltelli, cucchiai e forchette e uno schiaccia noci. ” Che ci fa con questo coltello grosso da cucina ?” ha domandato il poliziotto addestrato contro i peggiori delinquenti, mafiosi, terroristi. ” Ci taglio il pollo ” ” attacco alle carni bianche ” ha scritto nel verbale il solerte poliziotto.

Armi pericolose : Trincia pollo e batti carne. ” E’ palese il loro intento ad un loro attacco alle carni bianche” Ha scritto ancora il solerte poliziotto.

Armi pericolosissime : In casa delle tre guerriere, scarpe con tacco 21, giarrettiere e calze a rete., body e minigonna ” oggetti da far perdere la testa a un uomo” ha scritto sempre il solerte poliziotto.

Inoltre sono stati trovati altri oggetti atti ad essere usati come armi: delle bocce di ferro, nulla è valsa la giustificazione che il soggetto si dichiarava un giocatore di bocce. Scriveva il solerte poliziotto ” che usava la bocciofila noto posto di estremisti no-vax per trovare nuovi adepti” Dei mattarelli di legno per tirare la sfoglia.” chi tira più la sfoglia? ” scriveva sempre il solerte poliziotto. Inoltre due vasi così brutti che l’unico scopo era di romperli sulla testa di qualcuno.

I pericolosissimi delinquenti sono un custode di condominio, un dipendente di una catena commerciale, un operaio e tre disoccupati, tutti senza legami con qualsiasi gruppo ne’ di destra ne’ di sinistra, ne’ anarchico, e neanche di alcun tipo di delinquenza ,8 imbecilli e basta. due milanesi, due romani, due veneti, uno di Bergamo e uno di Reggio Emilia, che mai si erano incontrati tra di loro.

Inoltre reato gravissimo si erano passiti l’indirizzo di Draghi che come si sa è segretissimo.Nessuno sa dove abita Draghi, forse in qualche caverna, come ogni buon drago.

Ricordo al ministro degli interni che si vede che è ancora alle prime armi…. nel suo lavoro, che i veri terroristi, mafiosi e delinquenti organizzati non stanno a dire cazzate sulle chat pubbliche, E NON ORGANIZZANO ATTENTATI IN QUESTA MANIERA.

Una vera notizia da prima pagina, o meglio un AVVERTIMENTO DA PRIMA PAGINA A TUTTI, MA PROPRIO TUTTI Come dire “ATTENTI A QUELLO CHE DITE E SCRIVETE da ora in poi …..” Forti con i deboli e deboli con i forti mi viene da pensare.

Speriamo che non mi arrivino a casa.

Quando si dice da che pulpito.

Eccellemtissmo, fantasmagorico, sfolgorante, sfavillante presidente della repubblica, non so se mi posso permettermi di farle notare a lei e a quei scappati di casa che ci governano, senza finire nei guai, un piccolo particolare che vi siete scordati.

Mattarella ricuce con la Cina: concerto al Quirinale. Xi: "Commosso"

Vede le foto sopra, sono la sua e della brutta copia del fratello di Montalbano, allora capo indiscusso (battuta si prega ridere) del PD.

Niente di male stringere le mani ai dei rappresentanti cinesi, uomini di libertà mica come i talebani, lì in Cina si che tutti i diritti sono garantiti.

Non divaghiamo, queste foto sono state fatte poco dopo che si era scoperto che in Cina era scoppiato il coronavirus, e mentre qualcuno chiedeva di bloccare gli arrivi dalla Cina, o di mettere in quarantena tutti quelli che arrivavano dall’estero, per salvaguardare la salute pubblica, lei ha pensato bene, eravamo al 13 febbraio del 2020 d’invitare l’ambasciatore Cinese , per ricucire i rapporti dopo che qualcuno del governo aveva proposto di bloccare i voli dalla Cina. Non ricorda ? Bene se non è reato glielo ricordo io. A quei tempi l’economia era più importante della nostra salute ? Ma anche adesso l’economia è quello che conta, non tanto la salute pubblica, certo ma è brutto dirlo, meglio dire che tutto questo si fa per la nostra salute.

Ricordo la stampa e telegiornali soprattutto quelli della RAI, dare dei razzisti a chiunque chiedesse di prendere delle precauzioni. Vignette su vignette dei famosi fumettisti sinestroidi, contro chi predicava prudenza. Chi non si ricorda le foto con io abbraccio un cinese ? Tutto scordato a quanto pare.

Ricordo di quei poveri genitori che avevano chiesto la quarantena per una bambina arrivata dalla Cina da una vacanza, Quanti insulti si erano presi dalla stampa nazionale, ricordo i servizi della RAI contro questi poveretti che avevano solo proposto una cosa di buon senso. I giornalisti gli stessi che oggi ogni giorno scassano la minchia con l’obbligatorietà del green pass, se rinasco deficiente la prossima vita faccio il giornalista RAI. Prevengo le battute è vero sono già deficiente ma non abbastanza da fare il giornalista RAI ed applaudire il presidente della repubblica a ogni sua esternazione. ( chiedo sempre scusa ai giornalisti di REPORT)

Ora tanto per non scordare di quello che diceva il VOSTRO ministro della Salute Roberto Speranza all’inizio della pandemia, ci vuole un libro per tutte le cazzate che ha detto, non ne ha indovinata una, la più grande: che i nostri ospedali erano attrezzati per affrontare una pandemia, che avevamo un piano pandemico. (non è una battuta)

Io dopo aver detto una cazzata così e scoperto che non era vero niente, e lì si migliaia e migliaia di morti, avrei fatto i bagagli e sarei sparito per sempre, lui è ancora in quel ruolo, certe persone non hanno vergogna di niente.

E arriviamo al OMS di cui ci dovremmo fidare, burocrati pagati con i soldi dati dagli stati, che hanno affermato che era una pandemia con mesi di ritardo, non si voleva irritare i cinesi. (non lo dico io)

Eccellentissimo presidente della repubblica tutto questo per dirle che fino a prova contraria io fino adesso (poi non si sa) non ho infettato nessuno e nessuno è morto per causa mia, e sentimi offendere da lei e da tutti gli altri già citati dopo quello che avete combinato, solo perché non ho fatto il vaccino, le ricordo vista l’età, E’ ANCORA SU BASE VOLONTARIA , un po’ (tanto) m’irrita.

PS

Comunque se dopo di lei dovesse arrivare Berlusconi ,viva mille volte Mattarella nonostante tutto.

Storia tragica,ma veramente tragica. Metafora della vita per chi dice che non esiste il destino. Racconto triste tutto da ridere.

Chi mi segue sa che alla mattina io e Nontirare (cane) andiamo a fare la nostra passeggiata quotidiana in un sentiero che costeggia un fiume. Nontirare ama fare il bagno nel fiume anche nei mesi invernali, ma questo non c’entra niente con la storia, era così per dire.

Durante l’estate il fiume se non ci sono precipitazioni tende a prosciugarsi, man mano l’acqua tende a diminuire, se poi la siccità continua come quest’anno il fiume si prosciuga totalmente.

Iniziamo la storia tragica, ma veramente tragica metafora della vita.

Nel fiume vivono molti pesci, si concentrano soprattutto in zone in cui si formano delle grandi conche d’acqua , e qui vivono la loro vita.

Cazzo fanno i peci tutto il giorno ?

Nuotano, perché come tutti sanno fa bene alla salute, non per caso si dice sano come un pesce. Mangiano, bevono, si ma senza esagerare non si conoscono pesci alcolizzati , e poi non fanno un cazzo tutto il giorno, solo durante il periodo della fecondazione fanno sesso. Quindi nuotano, mangiano, bevono e fanno sesso.

Non si conoscono pesci filosofi che stanno a cercare il significato della vita, invece si sa di pesci preti, ma non si sa che religione insegnino.

Ma sto divagando.

Man mano che persiste la siccità, le conche d’acqua diventano sempre più ristrette, e anche l’assembrarsi dei pesci in zone sempre più ridotte diventa sempre più densa. Ma i pesci non sanno della tragedia che gli sta per accadere e vivono felici tutto il giorno, nuotando, mangiando, bevendo, scopando ogni tanto e non facendo altro tutto il giorno.

Ma la siccità persiste, e le pozze d’acqua diventano sempre più piccole e sempre più popolate, qui i pesci, oltre che nuotare, mangiare, bere, e ora mai raramente fare sesso, manca l’intimità, cominciano a bisticciarsi, di buono c’è che essendo muti non si sente urlare.

Oramai la tragedia è alle porte solo delle grandi piogge potrebbero salvare i pesci dalla loro fine…

Cosa mai avrebbero potuto farei i pesci per cambiare il loro destino ?

Visto che questo è un racconto basato sulla realtà

Ma come si sa la vita continua, e gabbiani e altri uccelli a cui piace il pesce fanno di questi un buon pasto facile da procurarsi. D’altronde tutti i nutrizionisti dicono di mangiare il pesce almeno tre volte alla settimana fa bene , certo contro il pare assolutamente contrario dei pesci che negano assolutamente la cosa, o per lo meno i pesci dicono che non fa certo bene a loro essere mangiati.

Pensate veramente che il destino non condizioni la nostra vita ?