” Ma sei scemo? ” Nontirare (cane) docciata mentre dormiva.

Stamattina sveglia all’alba, erano lei sei, bisogna bagnare l’orto. Non so quanto duro, sveglia alle sei e prima di mezzanotte non vado a dormire.

Nontirare ” Andiamo a spasso ? ” mi chiede ” ma va a cagare ” le rispondo ” C’è modo e modo di rispondere” mi dice offesa e va via .

Il lavoro procede velocemente, man mano ci sto prendendo il verso giusto , il lavoro procede più spedito “dai c’è tempo anche per il giardino” mi dico, dirotto l’acqua sul tubo che arriva nel giardino. Nontirare è sulla sua sdraia ancora offesa che fa finta di dormire e non mi degna di uno sguardo, errore madornale, ho la manichetta in mano la distanza è quella giusta, farle la doccia è obbligatorio. L’acqua arriva copiosa e freddissima, Nontirare è colta di sorpresa, non può più far nulla per evitare di essere bagnata” Ma sei scemo?” grida, mentre cerca una fuga dall’acqua. Nontirare scappa lontana ” sei scemo ” continua a gridare da lontano

Finito di bagnare cerco Nontirare, ma è sparita, la chiamo ” Dai che andiamo in giro” grido, non arriva, ne approfitto e torno a casa caffè e battuta del giorno.

Quando esco e lì ad aspettarmi ” sei scemo lo sai ? ” mi chiede ” ti sembrano scherzi da fare? Acqua ghiacciata così di sorpresa ?” rido ” era uno scherzo , dai andiamo” le dico.”scemo” mi risponde.

Arrivati sul fiume , la prima cosa che fa Nontirare dopo la pisciatina d’obbligo è cacciarsi nell’acqua gelata.

“Tante storie per un po’ d’acqua e ora ti sei gettata da sola nell’acqua gelata? ” la provoco ” è diverso, molto diverso” risponde “prrrrrrrrrrr” mi fa, mentre corre felice su e giù dentro il fiume.

Chi sa cosa c’è di diverso ?

Sono arrivate le zanzare. Dolce consorte e la sua guerra personale

Due e trenta del mattino, si accende la luce della camera , dolce consorte è in piedi e sta offendendo una zanzara, con termini poco gentili.

” C’è una zanzara l’ho sentita ” mi dice ” Sicura? ” rispondo ” io non ho sentito niente ” chiaramente oltre le sue offese alla zanzara.

Dolce consorte non prende in considerazione le mie ultime parole, va in bagno e torna con l’asciugamano e comincia la caccia alla zanzara, finché non sarà morta non ci sarà pace ne’ per la zanzara ne’ per me che ero nel sonno dei giusti.

L’asciugamano comincia a volteggiare nell’aria, sui muri, sui mobili, sul sottoscritto, ma della zanzara nulla, il giro si ripete più volte ma della zanzara nessuna traccia.

Ultimamente le zanzare si sono modificate geneticamente, sono più piccole, più rumorose e più stronze, e si nascondono meglio delle vecchie zanzare.

Dolce consorte si rimette a letto, spegne la luce, dopo tre minuti la luce si riaccende ed è di nuovo in piedi “l’hai sentita ? ” mi dice.

Ora le zanzare lo riconosco preferiscono dolce consorte, anche il sangue sarà più dolce.

Ricomincia la caccia, con offese incorporate alla zanzara, le zanzare che pungono sono femmine ricordatevelo.

Della zanzara nulla. Mi giro cercando di dormire ” mi potresti dare una mano ” sento dire e non è la zanzara.

Due pirla in piedi alla ricerca di una zanzara che si sta sbellicando dalle risate.

Dopo l’inutile ricerca, ci rimettiamo a letto nella speranza che la zanzara la finisca lì, dopo tre minuti dolce consorte è nel mondo dei sogni, mentre io sono sveglio aspettando di sentire arrivare la zanzara, ma ormai si sono modificate geneticamente e si vede che sanno quando le persone sono ancora sveglie…..

Stamattina “hai più sentito la zanzara? mi dice ” “no” rispondo ” meno male così abbiamo potuto dormire” finisce di dire .

Sono tornate le lucciole.

Qualcuno sa che al delirio (lavoro) sono tornato all’orario serale, è surreale perché per il momento sono solo con un ragazzino, comunque va bene così.

Mentre tornavo a casa erano quasi le 23, era ormai buio fondo in lontananza le vedo, le lucciole, poche tre o quattro ma ormai era tempo che qua nella mia zona non se ne vedevano proprio più.

Belle obbiettivamente un bel vedere, tutte dell’est. Bionde con un bel fisico e mostravano con generosità parti del loro corpo.

Arrivato a casa sono andato a controllare che la porta del pollaio fosse chiusa,. L’orto era pieno di lucciole centinaia e centinaia, queste erano lucciole tutte nostrane , era anni che non ne vedevo così tante, l’orto al buio era uno spettacolo di piccole luci che si accendevano e si spegnevano. Il cielo era stellato, dopo l’acqua di ieri pomeriggio tutte le nuvole erano sparite per lasciare spazio alle stelle.

Chi vive in città non può godersi uno spettacolo come questo.

Così tante lucciole era da tempo che non se ne vedevano, credo che molto sia dipeso che in quest’anno di pandemia si siano usati meno pesticidi, io sicuramente pochissimi, lo stretto necessario.

Le lucciole si accoppiano di solito dalle 22 fino a mezzanotte. Le femmine aspettano anche per due ore con la loro pancia illuminata i maschi, se non arriva nessuno si ritirano nella loro tana e ci riprovano la sera successiva. Per lucciole lucciole questo periodo è tra giugno e luglio. Per le lucciole non lucciole purtroppo può durare ogni giorno della loro vita.

Solo la pandemia è riuscita a fermare per qualche tempo questa usanza delle lucciole non lucciole.

Da lunedì siamo tornati in zona bianca e come d’incanto sono spuntate le lucciole.

Alcatraz (gallina) sta preparando la squadra e il programma per la sua imminente discesa in campo. Paura nel pollo delle libertà” sono ormai alla frutta” ha dichiarato Alcatraz “votano Meloni”

Alcatraz sta cercando di riunire tutta la sinistra italiana con un programma chiaro e credibile. ” Basta divisioni, moltiplichiamoci ” ha detto con enfasi. Che poi nella sinistra italiana è la stessa cosa.

Vota Alcatraz ” PER UNA VOLTA NON ESSERE TU IL POLLO”

Alcatraz comandante indiscussa,si candida alle prossime elezioni. POLLO DEMOCRATICO contro il POLLO DELLE LIBERTA’ guidato dalla Meloni.

Tutte le galline dormono insieme solo una , la comandante in capo dorme da sola Alcatraz

Fare il capo non è da tutti.

Quando arrivo alla sera e le faccio rientrare, l’ultima che entra è Alcatraz che controlla che nessuna sia rimasta indietro. I veri capi fanno così.

Tutte dormono attaccate una all’altra, l’unica che si distingue e dorme al di là della rete divisoria è Alcatraz come si vede dalla foto. Attenta e pronta ad intervenire.

Abbiamo discusso di una sua prossima candidatura alle elezioni.

Escluso il pollo delle libertà , Alcatraz è di sinistra e poi di là c’è già la Meloni. Nella sinistra c’è bisogno di una figura femminile di carattere e prestigio, chi meglio di Alcatraz?

Alcatraz è pronta a scendere in campo, indubbiamente in questo è un professionista, e a battibeccarsi con tutti.

A breve il suo programma elettorale…..

Al grido di Letta stai sereno, nessuno si accorgerà della tua sparizione, Alcatraz è pronta a prendere il volo e a riunire finalmente tutta la sinistra.

Il pozzo metafora della vita.

Per bagnare l’orto abbiamo due pozzi, uno che va profondo, ma in comunione di beni con altri, e lì bisogna mettersi d’accordo per quando utilizzarlo, il sistema è il primo che arriva lo usa, e un nostro pozzo privato meno profondo, ma che possiamo usare quando vogliamo. In certi periodi di siccità siamo costretti a ricorrere al pozzo in società.

Il pozzo nostrano nasce per via che il suocero non ha voglia di litigare, nonostante quando fosse giovane fosse molto forte, ha sempre avuto paura dello scontro fisico e delle liti in generale.

A quei tempi che gli è stato proibito di usare il pozzo da dei parenti, non sto a raccontarvi la storia, io non c’ero ancora,invece che farsi rispettare e riprendersi possesso del suo diritto( cosa che ho fatto io appena arrivato) insieme a dei suoi amici si è fatto un pozzo nuovo. (anni fa si poteva senza chiedere permessi)

Dolce consorte ricorda la gioia e gli abbracci all’uscita della’acqua.

Molto bene, è molto più comodo, e lo posso usare quando voglio. Non tutti i mali vengono per nuocere.

Già l’anno scorso a metà estate l’acqua aveva smesso di venir su, avevamo pensato vista la siccità che si fosse prosciugato, l’altro pozzo era stato provvidenziale.

Qualche giorno fa dovevo bagnare, e ho messo in funzione il nostro pozzo, ora di acqua ce n’è, ma dal pozzo di acqua neanche una goccia.

Prova e riprova nulla, chiamo l’idraulico che l’anno scorso mi ha fatto l’impianto, forse qualcuno si ricorderà…

Il giorno dopo era lì, prova e riprova nulla ” bisogna cambiare la pompa” dice “ci vogliono 500 euro ” finisce di dire.

Salutato, ho sentito un altro parere.

Ieri sono venuti ,sono due signori anziani simpaticissimi e bravissimi, di loro sarebbero elettricisti, di quelli bravi bravi , ma sanno un po’ di tutto soprattutto uno.

Prova e riprova anche con loro nulla da fare, l’acqua si rifiutava di salire su, quindi anche loro mi dicono che s’informeranno per sapere quanto costa una pompa (Nessuna battuta vi prego, il mio è un blog serio come dice Raffa) sicuramente non 500 euro, ma nel frattempo che dicono questa cosa a quello che sa un po’ di più , viene in mente un’idea ” forse, potrebbe ” dice, e fa un altro tentativo e miracolo l’acqua sgorga dal tubo. Niente abbracci e baci siamo in pandemia , ma l’acqua esce, si è venato un tubo entra aria e quindi non fa pressione e l’acqua non sale, tenendo premuto col dito sulla venatura l’acqua arriva, basta cambiare quel tubo poca spesa, potrei anche farlo io, ma per sicurezza demando a loro l’incombenza.

Ora l’acqua per il momento arriva copiosa.

Metafore

Non tutti i mali vengono per nuocere. Se ci fossi stato io al posto del suocero avremmo solo un pozzo.

Mai fidarsi di un solo parere, soprattutto se costoso. A volte la soluzione è molto più semplice di quello che sembra.

E ora vado a bagnare.

Nontirare (cane ) puzza secondo figlia.

Figlia ha deciso, giovedì prossimo vaccino e oggi lavaggio e tosatura.

Nontirare non è d’accordo, anzi contraria, sia al vaccino che al lavaggio che alla tosatura.

Figlia dice che non è indispensabile che Nontirare sia d’accordo, puzza va lavata e tosata.

Al “puzza” Nontirare si è sentita offesissima, poi si c’è messo anche Guardacomeseigrasso a rincarare la dose ” puzzi puzzona ” continuandola a chiamarla così’ per tutto il giorno.

Stamattina figlia l’ha presa e portata dal tosatore, con la scusa di una passeggiata, sono andati a piedi senza auto. Nontirare è andata fiduciosa finché non ha capito l’inganno, ma ormai era troppo tardi.

Giovedì c’è il vaccino, sarà dura convincerla a salire in auto. Intanto tutta tosata fa ridere. Guardacomeseigrasso è caduto dal tavolo dal ridere. Le galline ” ti hanno spennato anche a te ?” Le hanno detto in coro ridendo. Suocera ” sembri una pecora, che brutta che sei così tosata ” ridendo

Nontirare è offesissima e non parla più con nessuno, è sulla sua sdraio a meditare vendette.

Fave a volontà e disavventure di un maldestro contadinotto.

Suocera dice ” Guarda che in fondo c’è ancora qualche fava ”

Figlia aveva il compito di raccoglierle oltre che di mangiarsele, nelle pause dello studio era un sano movimento.

Ieri primo lavoro raccolto fave, poi in quel pezzo di terreno è prevista una nuova semina….

Quindi con metodo raccolgo e sradico la pianta con la zappetta, qualche fava diventa questo

qualche fava

Saranno una quindicina di chili. O figlia studia troppo o non ha raccolto le fave.

Nella raccolta sono stato accompagnato passo , passo da Nontirare.

Chi mi segue sa che Nontirare ama le fave, e quindi giochiamo, io gli tiro le fave e lei le deve prendere al volo, quando sbaglia la prendo in giro, gli dico che è scarsa, che non mai visto un cane così incapace, lei si offende e dice ” E’ colpa tua che le tiri male apposta” ha ragione, ma non diteglielo.

Finito di raccogliere le fave e sradicare le piante, era la volta di fare i solchi , fagioli e fagiolini erano in attesa di essere piantati.

Fare i solchi dritti senza lenza non è facile, e un po’ quando in mare nuoti al largo e vai a zig zag.

Il principio è lo stesso.

Vi spiego il trucco in mare, io fino a qualche tempo fa facevo nuotate di oltre un’ora, a dirla così sembra un secolo fa, fino a due anni fa, quest’anno non so. Bisogna prendere un punto di riferimento una casa, una roccia ecc ecc e ogni quattro, cinque bracciate dare un occhiata se si è in linea.

Con la solcatrice dovrebbe essere lo stesso, prendi un punto di riferimento e poi lo segui, diciamo che in mare sarebbe stata una discreta linea, nell’orto un po’ meno, verso la fine sono andato a sinistra, a destra mai, impossibile.

Suocera per consolarmi ha detto” sembra” è ha pronunciato il nome di una strada del posto tutta curve.

Così fagioli nani e fagiolini nani hanno trovato la loro casa, nani per vari motivi, quando sono andato avevano solo quelli e non avevo voglia di tornare , ma la suocera è tendenzialmente curva con la schiena, dovrebbe fare meno fatica a raccogliere secondo il mio modesto modo di vedere. Vero che ha già detto che se li voglio me li raccolgo.

La verità che non avevo voglia di mettere su pali e canne, mi hanno garantito che sono buoni e rendono come gli altri, tanto è bastato per convincermi.

Poi è toccata la volta dell’insalata, suocero vuole la canasta, e che canasta sia, piantata.

Poi c’era il problema biscia, e siamo passati al taglio erba, cognato io io io ha cambiato la testina al tagliaerba senza dire nulla, ed ha rotto il serbatoio del tagliaerba, dopo il primo momento di smarrimento, rientrato in casa velocemente, guardato in rete come cazzo si metteva il filo su quel tipo di testina , il lavoro è andato via veloce. “Bisce prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr “direbbe dolce consorte.

Continua oggi, pioggia o non pioggia.

Per far arrabbiare Nontirare fotografia di Guardacomeseigrasso dopo la dieta da croccantini.

La biscia che striscia e che piscia.

Delirio (lavoro) siamo in ufficio a discutere del niente, quando mi arriva un messaggio sul telefonino, il capo nel frattempo si deve assentare un minuto, guardo il messaggio ” Visto una biscia nel giardino ” scrive dolce consorte,rispondo “ci sono sempre state, viviamo in campagna” ” Devono stare a casa loro ” replica dolce consorte. Evito di rispondere per mille motivi, nel frattempo è rientrato il capo e ricominciamo a parlare del nulla, si vede che è giornata.

Alla sera dolce consorte riparte alla carica. Nessuno crederebbe che è cresciuta in campagna, ha paura di tutto. L’unica cosa di cui non ha paura è di rompere i cog……

” C’era una biscia ” inizia ” quando mi ha visto è scappata ” finisce di dire ” era una biscia maschio un biscio e non voleva farsi rompere i cog….. per quello è scappato, io non posso.

” Dobbiamo fare qualcosa ” continua, che equivale al fai qualcosa.

Spiegare a dolce consorte che viviamo in campagna ed è naturale che siano : api, vespe, cimici, topi, ragni, lucertole, gechi, rospi, serpenti e via dicendo è più complicato che spigargli la relatività.

” Io devo camminare intorno a casa senza avere paura d’incontrare serpenti ” dice arrabbiata, la mia faccia non lascia dubbi su quello che sto pensando su quello che dice.

Il mio motto e vivi e lascia vivere. L’anno scorso ne ho ucciso uno, ma era un serpente indisponente e particolarmente lusco. Ora ti do la possibilità di scappare, tu serpente lusco mi sfidi è normale che ti prendi una badilata in testa.

Venerdì prossimo sono a casa, quindi FACCIAMO, che io devo devo pulire dove c’è l’erba alta in torno a casa… dolce consorte ha deciso che l’orto può aspettare.

Domenica 16 maggio pioggia forte , vento e freddo.

Io quando decido che l’estate è arrivata comincio a vestirmi in maniera leggera , maglietta corta, pantaloni leggeri, e se poi torna freddo a me non interessa, ormai ho deciso……

Ieri mattina domenica 16 maggio, pioggia fredda, vento, la temperatura è scesa di almeno 6 o 7 gradi, ma a me la cosa non è importata , il tempo può fare quello che vuole ,siamo a metà maggio e quindi esco in maglietta. Vero anche che a dolce consorte una sua amica che vive nella Val d’Aveto , sono i nostri monti, aveva appena detto che aveva nevicato ed erano in giaccone,ma per me qui da noi al mare ormai è estate.

Con Nontirare ieri mattina in un momento di tregua di pioggia siamo andati a passeggiare sul fiume . ” Non hai freddo?” mi chiede “mettiti una giacca” finisce di dire. “E’ il 16 maggio ” rispondo, e ci avviamo verso il fiume quando ricomincia a piovere e a battere un vento freddo, apro l’ombrello per ripararmi dalla pioggia, Nontirare non si cura di queste cose e va diretta nel fiume a farsi il bagno.L’acqua comincia a cadere copiosa e il vento rende inutile l’ombrello, sono in maglietta corta e nonostante siamo al 16 maggio fa freddo. Penso che oggi i ristoranti possono stare aperti solo se sono all’aperto, m’immagino il pienone, manderanno via i clienti.

La pioggia continua a cadere sempre più forte. ” Andiamo ” grido ” che mi sto bagnando tutto” ” anch’io” mi risponde Nontirare dal mezzo del fiume , sta giocando a guerra con la pietra. ” Andiamo ” grido ” Te l’avevo detto di metterti una giacca ” mi risponde “andiamo” grido più forte ” mi sto congelando” finisco di dire ” ma siamo al 16 maggio di maggio ” risponde ” è estate pirla, non fa freddo ” mi risponde mentre esce dall’acqua e mi viene incontro ” oggi pomeriggio si torna, e tu ti metti una giacca”

Ormai è diluvio corro sotto l’acqua, l’ombrello serve a poco, Nontirare mi segue ridendo ” vedo che stai meglio con la schiena corri anche ” finisce di dire.

Piovuto e fatto vento tutto il giorno.

Lunedì 17 maggio splende un sole fantastico.