Forse è l’ultima volta che spostiamo l’ora, così dice Comeseigrasso (gatto)

Comeseigrasso sta spesso davanti alla televisione con suocera, insieme sgranocchiano qualcosa, e prendono di volume, così stamattina era fuori che spiegava a gli altri due Toglitidaipiedi (gatto) e Nontirare (cane) la novità dell’orario.

Ora gli altri due non capivano a cosa servisse cambiare orario, premesso che nessuno dei tre ha un orologio e nessuno dei tre sa leggere l’ora.

Guardacomeseigrasso spiegava che gli umani sono esseri strani, che la giornata l’hanno divisa in ore, minuti, secondi, e poi corrono dietro a al tempo.oppure sostengono che il tempo non passa mai.

” Beati voi ” ho detto che il vostro unico scopo è mangiare e dormire. I gatti mi hanno guardato male, loro avevano anche un altro scopo…..ma zac zac e ora gli è rimasto mangiare e dormire, e andare a zonzo.

Nontirare ha detto che a lei basta che la porto in giro e che gli do da mangiare, un po prima o un po dopo non fa differenza, l’importante che le cose si facciano nella giornata, prima è meglio è.

Toglitidaipiedi mi ha chiesto ” ma cos’è esattamente il tempo?”

” Il tempo è….. che cazzo di domande fai ? ” ho detto Tutti e tre mi hanno guardato come per dire non lo sa ” certo che lo so ho detto, ma a voi non interessa ” ho continuato ” Ma se te l’ho chiesto vuol dire che m’interessa ” ha detto sogghignando Toglitidaipiedi.

” Il tempo esiste e non esiste, finché ci sei, esiste, infatti si dice questo è il tuo tempo, e se non ci sei più non esiste, o per lo meno per te non esiste più, e quindi tutto è relativo” ho detto. Dire tutto è relativo di solito ti toglie da molte impicci, ma non avevo fatto i conti con i tre loschi animali che mi continuavano a guardare in maniera da presa in giro. ” il mondo e il tempo esistono solo solo se se sei vivo, se non sei nato, o sei morto non esiste o perlomeno a te non frega niente o più niente” ho continuato deciso. ” Ma dopo morto non c’è vita e tempo ?” ha detto Guardacoseigrasso che guarda tutti i programmi di chiesa con suocera ed è un gatto cattolico.

Ora parlare di teologia con cani e gatti di mattina presto non è facile, neanche i l pomeriggio a dire il vero.

” Non si sa , c’è chi dice si, c’è chi dice no, c’è chi dice non lo so ” e sono scappato via prima che facessero altre domande, e prima che mi facessero perdere altro tempo.

Il cognato io io io è andato via di testa.

Il cognato io io io , fratello di dolce consorte, non che vicino di casa, è andato in crisi con il coronavirus, ha smesso di andare a lavorare, anche se potrebbe continuarlo a fare, ha paura d’infettarsi, noi ci parliamo a dieci metri di distanza, avrebbe anche consigliato a dolce consorte di abbandonarmi momentaneamente.

Il problema del cognato io io io è che non è capace di stare senza fare niente, deve per forza fare qualcosa, escluso leggere, ascoltare musica stando comodamente sdraiato, pensare, o tutte le cose che io amo.

Lui deve fare lavori manuali per tenersi sempre impegnato , come ho già raccontato mantiene 5 cavalli, e il suo scopo è di poter così appena alzato andare a spalare merda, tanto per tenersi occupato, ed anche alla sera tornato dal lavoro, andare a dare il fieno, e tutte le cose inerenti ai cavalli, e anni che non cavalca, ama i cavalli dice, in questa sua bella abitudine ha coinvolto i figli, tutti a spalare merda al mattino.

Ha un lavoro in proprio, e di ore garantisco ne fa tante, ma quando ha un minuto libero deve trovare qualcosa da fare, lo vedi girare con ruspe , scavatori, carriole è sempre a fare qualcosa, meno che stare in casa, malignamente penso che dipenda dalla cognata….detta Voce di tuono.

I nostri rapporti sono buoni, ci vediamo il meno possibile, ma se uno ha bisogno siamo presenti .

Non andando a lavorare il suo tempo libero si è ingigantito, per quanto dia da mangiare ai cavalli questi non cagano abbastanza da fargli passare la giornata a spalare merda, quindi si è messo a fare il contadino, suocero come detto non è più in grado e quindi molto terreno è incolto.

L’altro giorno dopo aver usato la motozappa, la motosega, il taglia erbe , la benzina, le semenze del suocero, solo perché il suocero che sta andando in demenza, lo ha rimproverato per come stava facendo dei lavori il cognato ha fatto la sua sfuriata dicendo cose poche carine ” io che non chiedo mai niente” ha finito di dire…. vero, si prende tutto senza chiedere e spesso si dimentica di riportare, anzi quasi sempre, tanto che siamo costretti a nascondere gli attrezzi per poterli avere quando ci servono.

Il bello che il suo ultimo aiuto era dovuto al fatto che il cognato io io io sbagliando a mettere il tipo di benzina, la motozappa non funzionava più, avevamo nascosto quella buona, così impariamo……

Volendo trovare un difetto al cognato io io io , direi che fa parte di quelle categorie di persone corte di memoria, anzi di quelli che se la raccontano a modo loro, e quello diventa vero senza se e senza ma.

Gridava da solo nell’orto, il suocero per fortuna è sordo e non capiva quello che diceva……

Speriamo che torni a lavorare e che abbia meno tempo libero.

Nontirare (cane) protesta vivamente, 100 metri sono pochi.

Nella nuova delibera del comune dove abito, la passeggiata per il cane non può andare oltre i 100 metri dall’abitazione, denuncia penale, vero che hanno vietato anche alle persone di andare al mare, visto le belle giornate e visto che molti sono forzatamente a casa, quelli abitanti a ridosso della spiaggia, giustamente hanno iniziato ad andarsi a prendere il sole in spiaggia , reato penale anche questo, tutti a casa è chiaro o no.

Nontirare dice che 100 metri sono pochi, che non c’è divertimento ad annusare le solite merde, che avrebbe piacere annusare merde di giornata.

Parlare e spiegare ad un cane non è cosa semplice, come spiegargli che fare duecento metri in una strada isolata, invece che cento è un reato gravissimo, infatti non riesco a capirlo neanch’io.

” Fai che passa una volante dei carabinieri, e troviamo uno di quelli che fa il carabiniere per vocazione , e mi denuncia ?” gli dico” sai che ci sono quelle persone che non vanno oltre il loro naso ” ” E cosa rischi? “mi chiede Nontirare ” Fino a 12 anni , se ammazzo dolce consorte ne prendo di meno” rispondo. ” e se finisco in galera chi ti porta poi in giro? ” continuo.

L’argomento la convince abbastanza, quando passa attraverso le sbarre del cancello Toglitidaipiedi,(gatto) dalla sua passeggiata giornaliera ” ciao Mennea ” ( il più grande velocista di atletica Italiano, campione dei 100 e 200 metri) gli dice con tono ironico.

Nontirare parte subito all’attacco ” lascia stare il gatto ” grido ” allora fammi uscire da sola ” mi dice esasperata ” non posso perché se succede qualcosa poi mi denunciano” ” ma se non può girare nessuno, cosa può mai succedere? ” mi chiede implorante ” che incontri lo stesso carabiniere di prima, che mi denuncia per mancata sorveglianza, e c’è il rischio che finisci in un canile ” gli dico.

Nontirare arriva da un canile ” no grazie, ma sto cazzo di carabiniere non può stare a prendere i ladri, invece che rompere le scatole a noi? ” ormai rassegnata ” no, perché col fatto che sono tutti in casa, i ladri non sanno dove andare a rubare ” gli rispondo.

” Dai andiamo andiamo a farci sta passeggiata, almeno 10 volte su e giù come i carcerati” dice con voce triste, mentre gli metto il guinzaglio ed usciamo, arriva Guardacomeseigrasso (gatto) ” che bello il mondo senza più macchine in giro e cani che ti abbaiano ” dice tutto contento” ciao Mennea ” continua anche lui con tono ironico.

” Finirà prima o poi ” dice Nontirare ” Speriamo……” rispondo.

La motozappa e commenti inopportuni.

Ieri mattina, era stato deciso già da due giorni, che avremmo arato il terreno e piantato le piantine di fagioli.

Così ieri mattina presa la motozappa con l’ausilio del suocero che doveva spiegarmi come fare, in certe cose sono ancora novello.

A guardarci interessati c’erano tutti, Nontirare,(cane) Guardacomeseigrasso, Levatidaipiedi (gatti), e suocera.

Il suocero dice ” Ho provato ieri sera ma non partiva” dice con noncuranza. La cosa mi preoccupa so come vanno queste cose.

La suocera è seduta al sole, cane gatti sdraiati anche loro al sole proprio davanti a me e al suocero.

Apro l’aria, controllo la benzina, e quindi tiro la corda dell’avviamento, nulla, riprovo nulla, nulla, nulla, nulla, mi fermo, ” come ieri sera ” dice il suocero ” sarà la candela “continua.

Ora perché ieri sera non me l’ha detto è un mistero, ho preso un ora di permesso sul lavoro per fare questo lavoro, vado a cercare la chiave per svitare la candela, ci vuole di quelle lunghe, figurati se la trovo, Nontirare mi segue senza dire niente ” Non l’ho trovata” dice il suocero “l’avrà presa cognato” dico” mai che le rimettesse al suo posto ” continuo.

Trovo una chiave che con un po di fortuna potrebbe funzionare, fortuna zero, non c’è verso, la candela non si svita.

Sento dire ” Secondo me c’è da ridere ” ” sicuro sentirai le parolacce che partono tra un po” si dicono i gatti.

Il suocero prova lui a svitare la candela, col risultato di tagliarsi un dito e partono le prime imprecazioni “porco cane ” dice il suocero.

Nontirare mi guarda allibita ” cosa c’entro io ” mi dice indignata, mentre i gatti ridono, e si rotolano nell’erba. ” non dice a te, è un modo di dire ” gli spiego ” Ma non sarebbe meglio figlio di gatto” prova a dire Nontirare ” Bastarda, figlia di un cane ” dice il suocero parlando alla candela. I gatti si rotolano dalle risate, con Nontirare offesissima.

Al suocero esce il sangue dal dito ” fatti medicare ” gli dico. ” Porco cane, bastarda cane ” continua a dire il suocero, i gatti stanno ridendo a crepapelle, mentre Nontirare è sempre più offesa e comincia a protestare, ma il suocero non la prende in considerazione . Suocera guarda il dito ” ti sei proprio rimbambito ” gli dice ” guarda che taglio ti sei fatto , non ti muovere che vado a prendere il disinfettante e i cerotti ”

Mi rimetto dalla motozappa e riprovo, tira niente, niente, niente, niente, niente, ” porco cane ” dico anch’io, a quel punto i gatti cominciano a sghignazzare, con Nontirare che mi guarda attonita ” E’ un modo di dire ” gli dico.

Niente non c’è verso, vado e prendo la zappa quella a tre punte, e tra lo sguardo divertito dei gatti, comincio a zappare, una striscia quanto basta per i fagioli.

Il suocero non si arrende e lotta con la candela, mentre io continuo a zappare.

Zappare è fatica, vera fatica, altro che il lavoro che faccio, il sudore comincia a prendere il sopravvento, mi tolgo una maglia, poi l’altra ma continuo a sudare, dieci venti trenta minuti, un ora per zappare la striscia che mi serve, mentre il suocero continua la sua personale lotta con la candela, alla fine la striscia è pronta, ma io devo andare al delirio(lavoro) domani pianterò i fagioli.

Il suocero dice ” fatto ” provo, la motozappa non da più nessun segno di vita.

Nontirare ride è contenta così impariamo ad offenderla.

Stasera quando son tornato dal delirio erano circa le sette di sera , suocero e cognato erano ancora lì dalla motozappa, era dalle 2 del pomeriggio che provavano a farla partire senza nessun risultato, solo che il porco cane era stato sostituito con varie divinità e santi, così mi hanno detto i gatti e il cane.

Discussione assurda alle tre di notte.

Sono circa le tre di notte quando dalla cantina sotto la mia camera da letto, Toglitidaipiedi (gatto) grida “venite ad aprire la porta, ho urgenza di pisciare” una volta, due volte ” venite ad aprire che mi sto cagando addosso” Toglitidaipiedi è rimasto per l’ennesima volta chiuso, suocero ha chiuso la cantina senza guardare se ci fosse il gatto.

” Lo senti il gatto” dico a dolce consorte ” no ” e si rimette a dormire pacifica.

Il gatto continua a chiedere che qualcuno gli apra la porta, i suoceri sono sordi, mi tocca.

Esco in mutande e canottiera, fa freddo ma la cosa dovrebbe essere veloce, fuori dalla cantina ci sono Nontirare(cane ) e Guardacomeseigrasso l’altro gatto, in attesa, quando apro la porta Toglitidaipiedi esce con una certa celerità ” Era ora” dice risentito. Chiudo la porta sto per risalire quando Nontirare mi chiede se dura ancora molto sta storia del coronavirus .

“Senti sono le tre di notte ” dico “ne parliamo domani , intanto a te non cambia nulla ” continuo ” Falso” dice ” qui le passeggiate si sono dimezzate, e neanche più un cane per scambiarsi due abbaiate, mentre loro ” indicando Gaurdacomeseigrasso escono e rientrano quando vogliono, e senza mai il guinzaglio” dice con voce offesa.

Guaradacomeseigrasso lo guarda con aria di superiorità ” Lo sanno tutti che voi cani siete animali inferiori a noi gatti, e che siete molto più stupidi ed è per quello che vi tengono al guinzaglio o alla catena” Nontirare si avventa su Guardacomeseigrasso ” ma anche più grossi e forti” gli dice.

” Allora la piantiamo” dico spazientito “lascia stare il gatto” continuo” Nel frattempo è ritornato Toglitidaipiedi molto più rilassato. ” Cosa mi sono perso?” chiede ” Nontirare vuole sapere perché i cani sono inferiori ai gatti ” dice Guardacomeseigrasso forte della mia presenza ” Il cane di natura è un animale poco intelligente” fa Toglitidaipiedi

Nontirare offeso attacca Toglitidaipiedi è rissa , Guardacomeseigrasso va in aiuto del suo amico, Urla e grida sono le tre passate, io sono in mutande e canottiera e fa freddo ” piantatela” grido e comincio a tirare calci a tutti, ” la volete piantare” continuo a gridare, questo fa smettere la rissa, i gatti da una parte il cane dall’altra.

Si affaccia dalla finestra dolce consorte ” ma cosa gridi ” dice arrabbiata “a quest’ora le persone dormono, vieni a letto, ma sei scemo a parlare con cani e gatti alle tre di notte? “

Guardo con astio il cane e i gatti e mi avvio verso casa , quando li sento ridere ……..

” Un uomo che alle tre di notte al freddo,e in mutande, sta a parlare a cani e gatti è meno intelligente anche dei cani” dice Toglitidaipiedi e come dargli torto.