L’addetta delle pulizie che parla sempre.

Come ho già raccontato al delirio (lavoro)la fauna che lo frequenta è di tutte le specie, soprattutto nelle cooperative ti capita veramente di vedere personaggi al limite della realtà, nella cooperativa delle pulizie questa cosa si amplifica, non tanto per il tipo di lavoro, ma per il tipo di orario e di trattamento, se non sei disperato diciamo che fai dell’altro. Le tutele sono vicino allo zero, gli orari folli senza nessun rispetto delle regole, ferie e malattie delle volte un optional…..

Alcuni ragazzi e ragazze adesso è un po che sono nella cooperativa , a secondo dei giorni variano, quindi non sai mai chi ci sarà esattamente, con alcuni di loro i rapporti sono buonissimi, mi diverto a scherzare con loro e loro si divertono con me, si va spesso insieme a fare la pausa.

Ieri era giornata di tutte donne, ognuna ha una storia da raccontare, alcune tragiche alcune comiche, alcune tragicomiche. Da quella che ha deciso di lasciare il marito per un altro uomo, nonostante i tre figli, perché si sentiva trascurata, , a quella che ha lasciato il marito perché la picchiava, a quella che è venuta qua da un’altra regione, aveva incontrato il tipo su internet, diciamo che le aspettative erano state disattese. Storie ed io amo le storie.

Ieri c’era una ragazza che nonostante l’età, fisicamente si è lasciata andare, da noi si dice che fai prima a saltarla che a passargli intorno, piccola di statura sembra un cubo, di viso sarebbe anche carina, parla parla parla parla parla parla………

Quando c’è, senti la sua voce anche a distanza, sembra sempre che sia in lite con tutti, in realtà è il suo modo di parlare, certo ha un conflitto con l’intero universo, e coi colleghi è spesso in lite, ha sempre da ridire, al suo confronto io sono un pacifista, qualche volta è venuta a chiedere consiglio, circola al delirio questa strana voce che io non sia proprio un pirla………….. vorrei sapere chi l’ha messa in giro questa voce ? Chi mi segue nel blog sa che sono un pirla.

La ragazza si lamentava che non era stata difesa quando era circolata la voce che fosse una pompinara, certo la discussione ieri sera si era fatta interessante, le colleghe ascoltavano, sorridendo, il collega maschio beneficiario (ieri assente ) di vari pompini mi aveva raccontato che era l’unico modo per farla stare zitta basta dieci minuti. ( sono pirla vero?)

La ragazza come dicevo era risentita, le colleghe ascoltavano in silenzio e sorridendo, certo tra le colleghe c’era anche chi questa voce ne aveva fatto un aneddoto da raccontare anche al sottoscritto.

Tra le colleghe c’era anche quella che si era vantata di aver fatto saltare un matrimonio tra due testimoni di Geova, praticando anch’essa l’arte del fellatio, per poi pentirsene quando la voce era arrivata anche al suo ragazzo, che credeva di essere l’unico beneficiario di tale trattamento.

Il delirio è delirio.

Battuta del giorno Gregoirie Lacroix 2

Gregoirie Lacroix scrittore poeta giornalista

Penso che le persone che non mi devono niente potrebbero dirmi basta grazie.

Sembrava urgente privatizzare l’opinione pubblica.

Quando penso che domani potrebbero chiedermi “cosa hai fatto ieri?”, prendo l’oggi molto più seriamente.

Ci sono coppie in cui almeno uno dei due è di troppo.

Era così infantile che quando morì fu portato al cimitero in carrozzina.

Si può ridere di tutto ma non si è obbligati.

Non sei un dottore

Suocero, oggi la giornata è dedicata a lui, ogni tanto zoppica, ha l’anca sbilenca, tutti i suoi fratelli sono stati operati, lui per fortuna per il momento non è stato operato, certo che ora basta poco che l’anca gli faccia male ed abbia bisogno del bastone, o che dopo uno sforzo gli faccia male anche la schiena.

L’anca se ha dei problemi porta questi disturbi anche se sei giovane, figurarsi se sei anziano.

Dolce consorte mi ha fatto notare che ieri suo padre girava col bastone, ed io gli ho fatto notare che molti dell’età del padre girano sui carri funebri, o non girano più e stanno belli fermi in una cassa, si sa dolce consorte non ama l’umorismo in generale, quello nero non lo sopporta proprio.

Quando ho spiegato il problema che ha il padre , dolce consorte risentita dalle parole precedenti mi ha detto ” Non sei un dottore” Vero, vero però che un anno fa ci sono passato.

” Lo porto da un dottore” mi ha detto “c’è l’ortopedico di mia cugina che è bravissimo”

La cugina molto più giovane del suocero, visto che il dottore è bravissimo gira con le stampelle, è nove mesi che il luminare la deve operare…. Il suocero può stare tranquillo fa prima a morire che ad essere operato.

Faccia da scemo.

Di tutta la famiglia quello che aveva più bisogno del parrucchiere- a è il suocero.

Nonostante abbia quasi 86 anni ha tutti i capelli, bianchi, ma li ha tutti, e anche qualcosa di più.

Ora dopo tre mesi sembrava un hippie, inoltre aveva dei basettoni che facevano paura, ma la paura del coronavirus ha fatto che nessuno in famiglia volesse andare dalla parrucchiera, o dal parrucchiere.

Io mi sono proposto di tagliargli i capelli con la macchinetta, ma la suocera si è opposta, ha detto che con i capelli corti ha la faccia da scemo, suocero c’è rimasto male, ora suocera ha ragione, non è che con i capelli lunghi non abbia la faccia da scemo, e che si nota meno. Ci tengo a precisare che avere la faccia da scemo non significa essere scemo…….

Suocero,cognato io io io nipote e tuta la parte maschile del ramo sono considerati dei belli , ma se gli togli i capelli, e non ci metti una barba, o un baffo la prima impressione è quella: che faccia da scemo. La natura in questo li ha aiutati, sono tutti dotati di folte chiome, barbe e baffi.

Oggi abbiamo prenotato dalla parrucchiera dove va va suocera, li ho portati e ripresi, certo con i capelli messi a posto suocero fa un’altra figura, e se gli tirasse ancora, penso che cuccherebbe ancora, tra le clienti dell’orto e del circolo che frequentava ha sempre fatto furore, faccia da scemo o no.

Battuta del giorno Gregoire Lacroix

Gregoire Lacroix scrittore poeta giornalista

La principale differenza tra l’ uomo e la donna, è la donna.

Il peggiore dei crimini è quello di ammazzare il tempo.

In amore come in politica, non c’è bisogno di avere ragione, è sufficiente essere convincenti.

Una cosa m’inquieta: se il paradiso ha una porta, significa che ci sono dei muri.

Tutte le donne sono complicate ma ce ne sono alcune che riescono ad essere ancora più complicate delle altre.

Il compleanno del nipote.

Ieri il figlio di mia nipote lontana ha fatto gli anni.

Cognato lontano voleva il figlio maschio, ma la natura si è divertita a dargli solo figlie, quattro per la precisione , per un maschilista e puttaniere è il massimo della pena, certo la pena più grande l’hanno scontata le figlie.

La nipote la prima delle figlie, dopo due figlie femmine, è riuscita a dargli il tanto desiderato nipote maschio.

Da quel momento tutti gli altri sono spariti, il cognato si è impossessato del bambino, e ha iniziato a plasmarlo a sua immagine e somiglianza, a nulla sono valse le proteste dei legittimi proprietari del bambino, e di tutta la famiglia, il bambino è diventato di sua proprietà.

Tutte le sue passioni del cognato sono state trasmesse al bambino, che si è trovato ad essere messo su un piedistallo.

Il cognato lontano è un duro ma un duro di quelli veri, non ha paura di niente, e di nessuno, ha una forza e una cattiveria da impressionare chiunque, il nipote no, è un ragazzino timido, con tratti quasi femminili, ed anche la voce non promette niente di buono, ora in un altro contesto non sarebbe una cosa grave, ma ieri mentre guardavo le immagini del compleanno, col nonno che lo esaltava, e al ragazzino veniva da piangere, ha compiuto 14 anni, ho provato quasi pietà per il nipote. Il cognato ha delle aspettative irrealistiche sul ragazzino, ha già deciso cosa farà il nipote nella vita, certo senza chiedergli nulla.

Auguri, ma tantissimi auguri, ma non di compleanno……….

Battuta del giorno Non preoccupatevi delle critiche

Mark Twain su Jane Austen autrice di Orgoglio e pregiudizio.

Non ci guadagno nulla s stroncare libri, e non lo faccio a meno che non siano lodi.Spesso ho provato a scrivere di Jane Austen, ma i suoi libri mi fanno diventare matto, a tal punto che non riesco a nascondere la mia furia al lettore; perciò devo fermarmi ogni volta che comincio. Tutte le volte che leggo Orgoglio e pregiudizio mi viene voglia di disseppellirla e colpirla sul cranio con la sua stessa tibia.

Virgilia Wolf su James Joyce autore L’Ulisse.

L’opera di un nauseabondo studente universitario che si schiaccia i brufoli.

Louis Ferdinand Celine su Proust

Spiega troppo per i miei gusti : trecento pagine per farti sapere che Tizio incula Tizio è troppo.

Io sto morendo e quella puttana di Emma Bovary vivrà per sempre. ( Flaubert )