La nonna funzionante

Ultimamente ho parlato spesso di scricciolo , è una ragazzina dell’età di figlia, che al delirio (lavoro) collabora con me. Con la ragazzina andiamo d’accordo e insieme ci divertiamo tantissimo , è una grande lavoratrice ed ha voglia di imparare, inoltre è molto carina mascherina o no.

Certo scricciolo ha i suoi difetti, ignora tutto, non credo che apra un libro da quando è scappata da scuola circa dieci anni fa, non ascolta musica, non guarda film e potrei andare avanti, di buono c’è che non fa finta di sapere, dice candidamente che non sa. Certo che non sapere così tanto è difficile .

” Ma sei sicura di non conoscerlo ?” ” Mai sentito ” mi risponde ” Ma è famosissimo” provo ” Non lo conosco” dice e si rabbuisce e si mette a lavorare … ” Chi è ” mi chiede dopo un po’ ” E’ lo stesso ” rispondo ” ” No adesso me lo dici…. ” Potrei raccontargli qualsiasi cosa tanto non lo sa.

Ieri si è presa la sua rivincita….

Stavamo parlando di parenti e siamo arrivati a parlare di sua nonna, donna sopra i 70 anni e già vedova, raccontava che si tiene ancora tantissimo, capelli biondi, gonne corte ” sembra una quarantenne ” mi ha detto ” Dovrei fartela conoscere” ha finito di dire sorridendo .

Ora senza offesa per le ultra settantenni ,ma come dicevano nel film : Operazione sotto veste ” Fino a 18 sei protetta dalla legge dai 65 anni in su sei protetta dalla natura, a qualsiasi età intermedia è caccia libera?

Facciamo che si sia anche alzata l’età intermedia ma…. ha detto giusto scricciolo sembra che abbia quarant’anni. ma ne ha più di settanta.

Scricciolo la tratto come una figlia, mai avuto altri pensieri , ma avrei capito che mi volesse far conoscere la mamma che ha l’età di dolce consorte, ma la nonna è un offesa. Vero che la nonna è libera e quanto pare ancora funzionante, almeno dai racconti della nipote… Mentre sua madre è ancora sposata a suo padre anche se ….. ed inoltre figlia e padre non vanno tanto d’accordo.

Dietro le mie proteste per la nonna e fatto presente che dolce consorte spesso viene presa per la sorella di figlia, scricciolo si è immersa nel lavoro senza parlare per un po’.

Quando è tornata dalla meditazione ha preso le difese della nonna, dicendo che si tiene benissimo e che si presenta molto meglio di sua madre…. . Sembra che ci tenga proprio a farmela conoscere sua nonna… comunque se è funzionante mai dire mai.

Persona scomparsa…

Questo che racconterò è un fatto di cronaca successo nella mia zona e a persone che conosco bene qualche anno fa.

Lui Alberto così lo chiameremo, una domenica mattina prende la bici una mountain bike e va fare un giro, lui è un appassionato, i suoi giri durano intere giornate, va da solo.

Quando arriva sera Alberto non torna a casa , la moglie gli telefona ma il telefono è spento….

Arriva la notte e di Alberto nessuna traccia, certo gli amici sono partiti alla sua ricerca, ma non avendo detto esattamente dove andava le ricerche sono difficili, da noi è pieno di strade che usano i ciclisti.

Il giorno dopo partono le ricerche delle forze dell’ordine, ma di Alberto nessuna traccia, Ada dice che il marito le aveva detto che forse avrebbe fatto un certo percorso, e le ricerche si concentrano su quel percorso ma nessuna traccia viene trovata, scomparso.

Le ricerche si susseguono nei giorni seguenti, tutti i ciclisti del posto vanno alla sua ricerca, ognuno mentre fa il suo giro guarda se trova qualcosa, ma nulla non si trova nulla, viene usato anche l’elicottero ma di Alberto nessuna traccia.

Circa una settimana dopo la sua scomparsa, sul giornale locale esce un articolo dove si ipotizza una sua fuga con un’altra donna. Si fa credere che la scomparsa sia volontaria.

Io conosco Ada, non che mi sia simpatica, a dire il vero neanche Alberto, ma quelli che mi sono simpatici sono pochi, ma Ada è amica di famiglia ci conosciamo da sempre, e lei rimane sbalordita che un giornale possa dare certe informazioni, secondo lei è tutto falso, tant’è che fa pubblicare un articolo di smentita . Ma ormai la voce è partita. Le voci si rincorrono nel paese ,escono notizie su notizie senza nessun fondamento , tipo una per tutte: che si stavano per separare.

Ada si difende come può, fa pubblicare un nuovo articolo, ma resta il fatto che nonostante tutte le ricerche di Alberto non ci sia neanche una traccia, passano le settimane i mesi e di lui nessuna notizia .

Le voci maligne rimangono, anzi in una situazione così ci sguazzano continuando ad inventare cose nuove.

La storia va nel dimenticatoio, non certo per Ada e la sua famiglia ed amici.

Circa un anno dopo, in mezzo a dei rovi , un cacciatore col suo cane trova un uomo morto e una bici nelle vicinanze, chiama i carabinieri.

Era Alberto, certo quando è stato trovato era irriconoscibile, gli animali selvatici avevano fatto il loro, e poi il tempo ci aveva messo del suo.

Era caduto dall’alto della strada ed era finito in un posto dove era impossibile vederlo dalla strada, nella caduta il cellulare si era spaccato…..

Ada, dopo qualche settimana dal ritrovamento del marito, aveva pubblicato l’ennesimo articolo, dove ringrazia tutte le persone che si erano adoperate alla ricerca e le erano rimaste vicine e un particolare ringraziamento alla fine lo faceva anche a chi si era inventato un sacco di malignità sul conto del marito .

Ada, da qualche tempo ha trovato un nuovo compagno che conosco bene, lui è sicuro che non si perde in bici, nel bar è possibile, ma in bici no.

Le cattiverie gratuite sono veramente terribili. Auguro ad Ada di trovare di nuovo la serenità, certo per Alberto sarebbe stato meglio se fosse scappato con un’altra donna .

L’amico caro che brutta fine ha fatto.

Ieri sono venuti a trovarci una coppia di amici. Ne ho già scritto qualche volta. L’ultima volta ci eravamo visti leggermente prima che scoppiasse il coronavirus , e poi da allora ci siamo sentiti solo telefonicamente.

L’ultima volta avevo raccontato che il mio amico si era fatto beccare dalla moglie con dei messaggi sentimentali.

La mia amica gli ha sempre permesso le scappatelle sessuali, un fastidio in meno ha sempre detto, ma in quel caso nei messaggi c’era di più…. La mia amica si è arrabbiata, e l’ha sbattuto fuori di casa….

Poi le cose si sono ricomposte, lui quella sera che ci siamo visti continuava a dirmi che non ci aveva fatto niente, erano solo messaggi. Qualcuno l’ho letto era molto di più, e che c’ erano stati solo messaggi una gran balla.

Ora io lo conosco bene è un puttaniere di prima categoria, bello e simpatico, ha sempre avuto prima e dopo il matrimonio un sacco di donne, in spiaggia quando eravamo soli faceva lo scemo con tutte, e vi garantisco che la cosa funzionava, le donne ridevano compiaciute.

In questi periodi ha avuto un sacco di problemi di salute anche molto seri,per via del lavoro sta rimandando da due anni un’operazione che gli sta provocando altri guai seri, oltre a questo gli sono arrivati altri accidenti maschili …..

Ieri sembrava mio nonno, un bel nonno, ma mio nonno ,e più giovane di me di qualche anno, fa fatica a camminare ….

Ci siamo seduti su un muretto al sole dopo esserci presi un gelato, le mogli parlavano tra di loro e noi uomini tra di noi. Mi stava raccontando di tutti i suoi acciacchi, quando è passata una ragazza fantastica con un lato b da applausi e lui nonostante questo ha continuato a parlarmi di malattie , e non ha seguito la camminata della ragazza. ” Ma l’hai vista ” ho chiesto ” Cosa? ” Mi ha risposto ” Come cosa? quella ragazza” “Quale ragazza ” mi ha chiesto.

Mi sono girato verso la moglie ” E’ completamente andato tuo marito ” ho detto con voce preoccupata ma scherzosa. Lei ha sorriso ” e’ passato un culo fantastico e non l’ha guardato ” gli ho riferito ” Ormai” ha detto “non ce la fa più” ridendo.

” Che brutta fine hai fatto , e pensare che una volta non pensavi ad altro…. ” ho detto ridendo.

Come se non fosse vero ha continuato a raccontarmi dei suoi acciacchi …..

Che brutta fine, meno male per lui che si è sfogato prima .

Disturbati mentali

Figlia per molto tempo è stata calamita per dei disturbati mentali, la sua cortesia, la sua gentilezza è spesso stata fraintesa.

Fra tutti Luca è stato quello che le ha dato più problemi, ancora adesso dopo anni al suo ricordo prova brividi di paura.

In realtà io non ricordo che la cosa fosse così grave, certo ero a conoscenza del problema e pronto ad intervenire, se si può intervenire contro la follia.

Luca si era invaghito di figlia, certo all’inizio anche a figlia gli era stato simpatico, ma conosciuto e visto i problemi che aveva si era ben guardata dall’uscirci insieme, certo erano rimasti amici, ma la verità che quando si conosce un disturbato mentale anche rimanerci amici, e continuare a frequentare la stessa compagnia può essere un errore.

Per anni lui ha continuato ad essere invaghito di lei, ma visto che lei non usciva con nessuno, il fatto che non uscisse con lui, questo per Luca non era stato un problema.

I guai sono iniziati quando figlia ha avuto la sua prima avventura , è impazzito, ma essendo un ragazzo molto intelligente, ha usato mezzi subdoli per far naufragare la storia di figlia, bugie, menzogne per screditare il povero ragazzo….

La storia col fidanzatino è durata poco e Luca si è acquietato, ma ogni volta che arrivava qualcuno all’orizzonte partiva con i suoi mezzi subdoli per far naufragare le storie.

Cresciuti figlia stufa dei suoi atteggiamenti ha deciso di chiudere definitivamente con lui e compagnia, Luca una sera gli ha chiesto di parlargli. Figlia è andata all’appuntamento. la serata è stata tranquilla, quando poi davanti a casa nostra Luca si è confidato: Ha detto che sin da piccolo sentiva delle voci. Che a volte veniva colto da momenti di rabbia irrefrenabili, che a volte lui stesso aveva paura di se, e che l’amava.

Ora non so esattamente l’ordine….

Figlia uscita incolume dall’auto del ragazzo, che in verità in tutti gli anni dell’amicizia non ha mia fatto violenza su nessuno, chiaramente ha deciso di troncare ogni rapporto definitivamente.

Luca dopo qualche giorno, ha mandato un messaggio delirante dome minacciava atti violenti su se stesso, e figlia sostiene velatamente anche su di lei, io avendo letto i messaggi non lo ricordo . (discussione animata ieri sera )

Figlia non gli ha risposto e la cosa è finita lì, Luca non si è ammazzato, non ha fatto male a figlia e dopo un anno circa si è fidanzato con un’altra ragazza, la più felice chiaramente mia figlia, che viveva col terrore di vederselo apparire davanti.

Dopo qualche anno figlia ha conosciuto un ragazzo simile a Luca, anche lui sentiva delle voci, ma si stava curando, figlia ha chiuso ogni tipo di rapporto, e chiesto di non essere più contattata.

Dopo sei mesi lui gli ha scritto un messaggio ” Ti dispiace se esco con un’altra? ” figlia non gli ha risposto, ma quando l’ha visto con la ragazza ha festeggiato.

Come già raccontato da piccola alle elementari un bambino si era attaccato a lei in maniera ossessiva, il bambino aveva dei problemi, finché figlia si era stancata di doverselo sorbire solo lei, e si era dovuta trovare una soluzione con le insegnanti che per tenerlo buono avevano pensato bene di metterglielo sempre a fianco in classe a mensa a ginnastica…..

Anche lui si è fidanzato …..

Ora la domanda che mi pongo è questa : ma queste ragazze che hanno fatto la felicità di figlia mettendosi insieme a questi ragazzi, oltre avere lo spirito delle crocerossine, ma sono le stesse che poi finiscono nelle cronache dei giornali ?

La giacca per la moto, speriamo bene.

Anni fa ho comprato una giacca bellissima per andare sullo scooter , da vero motociclista, con i rinforzi ai gomiti e alle spalle in caso di cadute. Inoltre impermeabile e protegge dal vento e dal freddo, un grande acquisto comprata in una svendita è anni che ormai mi accompagna.

Qualche anno fa a mia insaputa dolce consorte, era estate l’ha portata a lavare in una lavanderia di fiducia.

Quando è arrivato il freddo era pronta e bella pulita, secondo me era pulita anche prima visto tutta l’acqua che avevamo preso, diciamo che per anni sono andato in moto al delirio(lavoro) con qualsiasi tempo , compreso nubifragi, tra lavori in corso, semafori, vigili fuori dalle scuole , in macchina ci voleva il doppio del tempo.Certo mi sono attrezzato pantaloni e scarpe tutti impermeabili.

La giacca come detto era bella, pulita e pronta, e il caso voleva che per quella sera davano acqua, tanta acqua……

Uscito dal delirio infatti pioveva, e se pioveva, quindi ho fatto la vestizione da pioggia, giacca, pantaloni che andavano anche sopra la giacca, guanti , casco e via …. Ad un certo sento dell’umido addosso, meglio sento che mi sto bagnando tutto, intanto l’acqua dal cielo scendeva sempre più copiosa, e il bagnato passava anche alle parti basse, I pantaloni cominciavano a bagnarsi e l’acqua cominciava a scendere anche lungo le gambe, fermarsi era inutile, ormai che ero in tragitto ho deciso di continuare, per tornare a casa devo fare una quindicina di km, e l’acqua aveva deciso di scendere tutta durante il mio tragitto, fate che per scelta di vita non ho il parabrezza, alla notte quando piove non si vede nulla, e con il vento vi fa cadere, ero in balia dell’acqua con la giacca che non era più impermeabile e col fatto che fosse sotto i pantaloni l’acqua colava anche in giù, ad ogni semaforo speravo nel verde, rimanere fermo sotto l’acqua battente non è il massimo, ma quella sera l’universo intero si stava divertendo alle mie spalle, credo che di aver preso solo semafori rossi, non ero bagnato di più, la giacca non tratteneva una sola goccia d’acqua….

Arrivato a casa, mi sono spogliato completamente e mi sono buttato sotto la doccia calda sperando di non essermi preso nel frattempo un accidente.

Asciugato e ristorato era nata una forte discussione con dolce consorte……

Il giorno dopo era andata con la giacca dalla lavanderia, la signora aveva ammesso che la patina che proteggeva la giacca dalla pioggia e dal vento era stranamente sparita, non capiva il motivo, sta di fatto che a sue spese ha fatto fare un trattamento che l’ha resa di nuovo come nuova.

Ora è passato qualche anno da quell’episodio increscioso, quando ieri ho visto la giacca dentro la custodia della lavanderia, ” mica l’hai portata a lavare ” ho detto ” certo era sporca ” ha risposto ” “impossibile con tutta l’acqua che ha preso ” ho controbattuto ” ti sei ricordata di dirgli di stare attenta alla patina “” no ” In realtà dolce consorte non si ricordava più nulla, vuoto assoluto, certo l’acqua l’avevo presa io. Ma è la sua risposta che mi ha lasciato senza parole. ” Bene stasera ha messo pioggia, provola e vediamo se funziona ancora, se mai la riporto indietro. ”

Il pan di spagna e filosofia in cucina.

In casa cucino io, dolce consorte è esentata dal cucinare, certo a volte capita, ma raramente.

Oggi era deciso che c’era da fare la torta, per la precisione il pan di spagna.

Quindi stamattina di buon’ora mi sono messo a preparare la torta.

La torta per i festeggiamenti è il pan di spagna farcito, oggi con crema pasticcera per la farcitura e panna sopra.

Chiaramente il tutto fatto in casa .

Cucinare è obbiettivamente un divertimento, il problema se mai viene dopo, quando c’è da pulire.

Il pan di spagna per esempio richiede vari passaggi

La prima fase è lo sbattere i tuorli con lo zucchero, deve diventare una crema quasi bianca, oggi per noi è abbastanza semplice, tutti abbiamo a casa le fruste elettriche, ma una volta dovevi fare tutto a mano. avete mai provato ? Io si due palle è dir poco, con la frusta a mano non si finisce più, vero che noi uomini nel montare a mano siamo avvantaggiati, vuoi per la pratica giovanile…..

Quindi bisogna aggiungere la farina, fecola e farina 00 in parti uguali la fecola rende soffice il pan di spagna e lo fa alzare, ma vale solo per il pan di spagna.

Quindi la parte più difficile montare a neve gli albumi, un pizzico di sale aiuta, anche qui le fruste elettriche sono provvidenziali, a mano per quanto allenamento avete avuto da ragazzi , la cosa è lunga e non facile. Montare bene non è da tutti. Ma solo montando bene il risultato finale sarà buono.

Quindi Bisogna unire i due composti, stando attenti a non smontare il tutto, se si sgonfia andremo verso il disastro, dal basso verso l’alto piano piano in modo che il tutto si amalgami, nel frattempo avremo acceso il forno a 190 gradi e quindi dopo aver messo tutto nella tortiera infileremo tutto dentro, ci vogliono almeno 40 minuti…

Approfitteremo per preparare la crema pasticcera. Uova e zucchero e bisogna montare come prima , non come prima, basta che diventi schiumosa, quindi aggiungere la farina che serve per addensare, quindi il latte e mescolare per togliere gli eventuali grumi, poi mettere sul fuoco e con la frusta continuare a girare continuamente anche nel fondo della pentola che non si attacchi , a i primi bollori si spegne e una noce di burro serve perché non si formi la pellicina sopra. (la si può aromatizzare come si vuole, io ho usato la buccia di limone)

Quando il pan di spagna e pronto, bisogna lasciarlo raffreddare, intanto prepareremo la panna, anche qui bisogna montare , oggi ci sono prodotti che aiutano, se si sgonfia non è un bel vedere..

Bene tutto è pronto ora tagliamo il pan di spagna in tre dischi, quindi bisogna bagnarlo perché rimanga morbido, anche qui ognuno lo bagna con quello che gli piace, ma bagnarlo bisogna bagnarlo se no rimane secco, quindi si farcisce con la crema pasticcera, non siate avari, quini mettete il secondo disco, bagnate e farcite ancora con la crema, quindi è la volta dell’ultimo disco, bagnate e poi con la panna montata coprite tutto.

Lasciate riposare….. prima di mangiare.

Aiuto…. ora c’è da pulire, e in casa non c’è nessuno, e mi tocca fare tutto da solo.

Scricciolo e la casa.

Per qualche giorno hanno richiamato al delirio (lavoro) Scricciolo.

Non voglio parlare di delirio è una cosa troppo triste da raccontare.

Scricciolo è tornata a lavorare con me, questa è la notizia buona.

Scricciolo ha un sogno da sempre, comprarsi una casa, ma non una casa a caso, no una casa ben particolare, e diciamo che c’è quasi riuscita siamo alla trattativa finale. La casa dei suoi sogni dove andarci a vivere col fidanzato, che innamoratissimo andrebbe a vivere con lei ovunque lei dicesse.

Scricciolo ha voluto farmi vedere le foto della casa per avere il mio parere……

Non dico un rudere su due piani, ma lì andiamo a parare.

Scricciolo sostiene che il piano di sotto è abitabile ” Se non ti viene giù il piano si sopra” le ho detto.

Ormai è in trattativa finale coi proprietari, il prezzo è bassissimo, compreso tantissimo terreno.

La casa è in un posto abbandonato anche dai lupi, va be’ esagero, un posto abbandonato anche da Dio…. a me dovrebbero pagare per starci e anche tanto, potrebbe valere come pena alternativa per i carcerati.

Ma Scricciolo è decisa, fin da piccola amava quella casa e vuole coronare il suo desiderio, vero che genitori, fratello, parenti e amici si sono offerti di aiutarla in questa impresa, aiutandola nella ristrutturazione, il fratello è muratore, ed anche il padre sa fare un po di tutto, poi c’è l’amico elettricista, uno zio idraulico.

Scricciolo è lanciatissima ormai .

Ieri mi ha detto ” Mio padre mi ha fatto un regalo,e mi sono commossa , da lui non me l’aspettavo ” ” Cosa ti ha regalato ?” ho chiesto curioso ” un pezzo di legno trovato sul fiume, da mettere nella casa nuova ” Sul pezzo di legno ho avuto un sussulto” se vieni in spiaggia da noi, dopo tutta l’acqua che c’è stata che ha riempito i fiumi e portato giù migliaia e migliaia di tronchi di legno ti ci arredi un migliaio di appartamenti.” ho detto scherzando.

Scricciolo ha sorriso in maniera ironica…

” Sarà felice il tuo ragazzo che invece di un diamante ti potrà regalare dei pezzi di legno” ho detto sorridendo ” a me i gioielli non interessano ” ha risposto piccata . ” E’ il gesto che conta, l’aver pensato a me e alla casa è quello che conta ” ha finito di dire ed ha ripreso a lavorare.

Poco dopo è tornata ” E quando vedi il mio ragazzo non stargli a dire che non mi piacciono i gioielli ”

Donne……

Matrimonio mascherine e distanziamento sociale.

Persona cara mi ha mandato foto e filmati durante la cerimonia , della cena e dell’intrattenimento del matrimonio a cui stava partecipando.

Oltre duecento persone alla cena, evidentemente il distanziamento non c’era, nessuno portava mascherine, e poi alla fine c’è stata la musica con i balli……

La persona cara è tornata ieri e voleva venirci a trovare , aveva dei doni da darci.

Ora se c’è rimasta male o no non lo so. “Ma al no, non se ne parla nemmeno, tra una settimana vediamo” ha risposto ” Va bene”

Ora evidentemente duecento e più persone arrivate da varie parti messe tutte insieme in una sala per grande che sia…..

Tutto nella norma secondo la norme dei balordi che ci comandano

C’è una foto di gruppo fuori dalla chiesa fatta col drone……dove tutti attaccati salutano.

Ironizzare di come si trasmette il coronavirus è troppo facile .

Autobus e treni strapieni, molti posti di lavoro senza possibilità di distanziamento…..

Io la mascherina la metterò anche all’aperto, la fatica è poca e qualcuno dice che ci guadagno anche (i soliti maligni ) ma che serva a qualcosa….. ma nemmeno se vedo Gesù Cristo che viene giù e me lo dice personalmente ci credo.

Il distanziamento di oltre un metro e mezzo è dimostrato che serve , e per quanto mi riguarda anche tre metri andrebbero bene sia all’aperto che al chiuso, in questo periodo più lontano mi sta la gente e meglio è.

Adottiamo un pipistrello.

Premetto che dolce consorte è contraria, uno non direbbe mai che dolce consorte è nata e vissuta in campagna, ha il terrore per metà degli animali che vivono in campagna.

Figlia ha un amico che ha iniziato questa sua battaglia personale per l’adozione di un pipistrello, in effetti sono scomparsi, i primi tempi , all’inizio del mio matrimonio qui da noi era pieno, volavano in gran numero tra la preoccupazione e urla di dolce consorte, le urla aumentavano quando si avvicinavano troppo alla sua testolina, certo io l’ho sempre presa in giro per queste sue paure. Dolce consorte era convinta che si attaccassero ai capelli, e nulla valeva che gli dicessi che non era vero, comunque anche se i pipistrelli non la vedevano di sicuro la sentivano, anche quelli distanti.

L’amico di figlia le ha spiegato che se fai richiesta ti danno un nido e dei pipistrelli, a me l’idea piaceva ed anche a figlia , dolce consorte l’idea di mettersi un nido di pipistrelli nelle vicinanze di casa non l’ha presa neanche in considerazione, minacciando tutti.

L’amico di figlia, per convincere dolce consorte gli ha mandato questo video.

Dolce consorte l’ha guardato con attenzione, e si è anche intenerita, ma per il momento niente da fare, mi sa che adotteremo un pipistrello a sua insaputa.

Cosa non si fa per un po di mussa(figa)

Giulio è ormai vicino ai 70 anni, era rimasto solo, e sentiva la mancanza di una donna…

Maria vicino ai 60 anni era rimasta sola e sentiva il bisogno di un pirla che facesse quello che lei diceva.

Giustamente si sono messi insieme.

Conosco entrambi da prima che si mettessero insieme.

Lui un gran lavoratore, si era sempre a lavorare…

Lei l’ho conosciuta quando era ancora appetibile, diciamo che nonostante fosse sposata e con prole non disdegnava qualche avventura.

Il marito dopo qualche anno da quando la conoscevo si è ammalato e in pochi mesi è morto, lasciandola sola con i bambini da crescere, questo avvenimento l’ha cambiata radicalmente , è diventata cinica, arrabbiata con la vita .

Comunque la vita va avanti, si è rimboccata le maniche ed ha mandato avanti da sola l’attività che aveva col marito, non senza pochi sacrifici.

Circa due anni fa Giulio e Maria si sono messi insieme.

Maria lo delega per molte commissioni per la sua attività, quindi Giulio spesso è in giro a fare le sue veci, solo che non ci capisce il verso, lui faceva tutt’altro.

Giulio è spesso al telefono per chiedere chiarimenti, e dall’altra parte senti lei che lo insulta…..

” Cosa non si fa per un po’ di mussa ” ha detto una volta per giustificarsi , mentre lo guardavamo divertiti ” L’avrete fatto anche voi ” ha concluso.

Infierire non è stato il caso, è bastato lo sguardo che abbiamo fatto quando Maria lo insultava telefonicamente.

Ora considerando l’età di Giulio, non penso che abbia tutto questo bisogno di mussa , credo che la solitudine sia proprio una brutta bestia soprattutto per un uomo abituato solo a lavorare , arrivare a casa e non trovare nessuno doveva essere proprio triste.

Avere qualcuno con cui passare le serate giustifica più che abbondantemente gli insulti che prende.

Maria, avere un uomo che l’aiuta e le toglie molti pesi dalle sue spalle giustifica l’ esserselo messo in casa, anche se certo non è il suo ideale, e poi per il sesso farà come faceva prima col marito, non disdegnando qualche avventura.

La solitudine ad una certa età è proprio una brutta cosa.