Attacco congiunto di api e vespe alle mie pesche. Le vespe si sa che sono stronze, ma le api è stata una brutta sorpresa.

Stamattina di buon’ora nonostante fosse domenica sono andato a raccogliere le pesche da portare al negozio.

Ho due alberi che hanno delle pesche bellissime, enormi, erano ancora un po’ acerbe due giorni fa. Quando sono arrivato dagli alberi la sorpresa è stata tantissima, miglia di api e vespe si accanivano sulle pesche.

All’inizio ho pensato solo alle vespe le api di solito non toccano la frutta.

Incurante del pericolo, noi diversamente contadini colti da incazzatura siamo capaci di tutto. Ho raccolto tutte le pesche dai due alberi, non è vero solo le più grandi sperando che non si spostassero poi sugli altri alberi. Le mani sfioravano api e vespe nell’affannosa raccolta delle pesche sperando di salvare il salvabile, chiaramente non avevo nessuna protezione.

Raccolte le pesche anche se ancora acerbe, la voglia di sterminare tutti sia vespe che api è stata grandissima.

Il caso ha voluto che sia venuto a trovarmi un amico….

“Le api non trovano fiori è tutto secco” mi ha detto “e allora vanno sui frutti “ha finito di dire.

” Le mie pesche ” ho precisato……

Le api non si toccano pesche o no, sono troppo importanti per l’eco di sistema, io non ci vivo con le pesche, solo qualche euro di meno da rinvestire nell’orto e nonostante il giramento di palle le api sono state lasciate in pace di rovinarmi le pesche.

Vita dura quella del contadino……

La patata del vicino è sempre la più bella.

Sarò sincero guardavo con invidia le piante delle patate dei vicini, sembravano molto più belle delle mie.

Pensavo a un secondo mezzo fallimento, l’anno scorso le cose non erano andate esattamente come avevo sperato. Chiaramente quest’anno avevo cambiato metodo ma il risultato sembrava lo stesso dell’anno prima.

Avevo anche chiesto un parere al vicino che fa il contadino di professione, aveva sorriso e mi aveva dato i suoi consigli, tardivi in ogni caso.

Anche altri vicini mi avevano dato la loro opinione. Tutti sembravano avere piante più belle delle mie.

Suocero coltivava interi campi, tonnellate di patate che vendeva.

Alle mie domande mi guarda stralunato ” non ricordo ” rispondeva. Magari dopo giorni mi diceva qualcosa…..

Questa settimana le ho tirate su……

Un successo non un successone , ma soddisfatto si.

Quelle delle foto sono una parte non ci stavano tutte nell’inquadratura.

Per il futuro intanto seguirò i consigli del vicino professionista. Credo che sulla concimazione del terreno ci sia molto da fare, programmare meglio sia indispensabile. E sul bagnare più spesso credo che non ci sia alternativa visto che non piove più.

E’ così, uno guarda la patata del vicino e gli sembra più bella…… parlando di altre patate non c’è pericolo, la moglie del contadino professionista è da guardare solo al buio, quello che hanno bisogno le patate per conservarsi.

Battuta del giorno fallita

Le persone non falliscono perché mirano troppo in alto e sbagliano, ma perché mirano troppo in basso e fanno centro. (Les Brown)

Non ho fallito. Ho solamente provato 10.000 metodi che non hanno funzionato.
(Thomas Alva Edison)

Tre fallimenti denotano una forza insolita. Un debole non ha abbastanza fegato da fallire tre volte. Minna Antrim)

Nessun esperimento è mai completamente fallito: può sempre servire da esempio negativo.
(Arthur Bloch, Legge della futilità)

Non c’è nulla di così umiliante come vedere gli sciocchi riuscire nelle imprese in cui noi siamo falliti.
(Gustave Flaubert)

La nuova collega fulminata.(presentazione )

Intanto precisiamo che di colleghe fulminate il delirio(lavoro) è pieno, ma questa è fulminata in maniera diversa.

La nuova collega fulminata non è una ragazzina ma una donna sposata con due figli già grandi, sui 20 anni per capirci.

Rossa naturale, piena di lentiggini, magra ma non secca , con un bel sorriso che la illumina.

Pippi Calzelunghe cresciuta è l’esempio che mi viene da dire.

Mia visto una così disorganizzata, confusionaria , sconclusionata e ritardataria, sempre in perenne affanno

Inizia un lavoro e passa a un altro senza mai finire…

Ora il mio esatto opposto.

Ma è vera non finge nulla è esattamente come la si vede, con mille problemi personali che ti racconta senza problemi di sorta.

O la si odia o la si ama.

Io le grido e se le grido, ma volerle bene è stato naturale.

Finito delirio, appena esce e si appoggia alla sua macchina e si fuma il suo toscanino….(sigaro)

Il primo giorno è arrivata a lavorare in gonna,sono obbligatori i pantaloni. ” credevo di averli messi ” ha risposto convinta.

Battuta del giorno strana

Le pazzie mi riescono sempre bene. E’ con le cose normali che ho qualche difficoltà.
(Anonimo)

Un adolescente normale non è un adolescente normale se agisce in modo normale.
(Anonimo)

Non ho voglia di imparare, mi sento perfettamente normale nel mio mondo pazzo; non voglio diventare come gli altri.
(Charles Bukowski)

Normale può essere solo un ciclo di lavaggio su una lavatrice.
(Whoopi Goldberg)

– Sei strano.
– Si lo so, ma tu sei peggio, sei normale.
(Heart_Hamal, Twitter)

Scherzo bellissimo a Nontirare (cane) le ho dato da mangiare una cosa piccantissima e ancora lì che beve acqua.

Cognato lontano essendo un pirla, quando è venuto l’ultima volta in dono ci ha portato una cosa immangiabile. Io sono vegetariano e non mangio carne, e dolce consorte e suoceri non toccano cose piccanti, quindi ha pensato bene di portare un salume ricoperto di peperoncini frantumati, spezie e pepe.

Chiaramente nessuno l’ha toccato, figlia aveva detto che lo avrebbe preso lei….

Passato ormai molto tempo e il salume era ancora lì, figlia si era scordata di portarselo via.

L’altra sera con dolce consorte l’abbiamo scartato e la muffa cominciava a ricoprirlo…..” buttalo via ” mi ha detto dolce consorte.

Ieri sera stavo preparando il cibo per Nontirare ed è stata illuminazione…

Invece della solita carne in scatola, ripulito dalla muffa ho tagliato dei pezzi del salume piccantissimo e l’ho infilato insieme al resto e consegnato a Nontirare.

Nontirare quando mangia non capisce niente, potrebbe succedere qualsiasi cosa intorno a lei che in quel momento non se ne accorgerebbe.

Ha inghiottito i pezzi di carne…. dopo qualche secondo si è fermata e mi ha guardato, stavo cominciando a ridere…..

“Ma cos’era quello che mi hai dato? Mi prende fuoco la bocca” ha detto cercando disperatamente dell’acqua .

Io stavo chiaramente ridendo…. Lo so hai cani non va dato il piccante gli fa male malissimo, ma una volta per fare uno scherzo si può.

Nontirare lasciava la ciotola in cerca di acqua mentre mi insultava ” sei proprio un pirla” continuava a ripetere mentre beveva ” ma ti sembrano scherzi da fare imbecillone che non sei altro” Chiaramente ero troppo intento a ridere per risponderle.

“Mi va a fuoco la bocca ” mi diceva ” sei un candragomen ” le ho risposto” guarda di non dar fuoco alle sterpaglie, che con questa siccità non si sa mai “ho finito do dire tra le risate.

Solo a cognato lontano poteva venire in mente di portarci quel dono.

Cognato lontano va detto che si mangia i peperoncini piccanti cosi come le persone normali mangiano i biscotti. Almeno tre durante il pasto, è un rito ormai ” che buoni “dice “che bella bocca fresca mi lasciano ” cercando di convincere i più dubbiosi a seguirlo nella sua usanza.

Battuta del giorno scherzosa

Non riconosceresti uno scherzo nemmeno se lo facessi tu.
(John Hurt)

Noi siamo qui a ridere e scherzare e intanto fuori c’è gente che non ha neanche i soldi per comprarsi una Range Rover. (Gene Gnocchi)

Quanno se scherza, bisogna esse’ seri! (Marchese del Grillo)

La vita è uno scherzo da prendere sul serio.( Mirko Badiale)

Datemi, o Signore, il senso del ridicolo. Concedetemi la grazia di comprendere uno scherzo, affinché conosca nella vita un po’ di gioia e possa farne parte anche ad altri.
(Tommaso Moro)

Le ultime parole famose ” almeno non piove ” un minuto dopo il diluvio. La sfiga me la sono tirata da solo.

Ieri al delirio (lavoro ) è stata una giornata complicata,

Lentament anche di cervello ormai è appurato, era partito alla grande sfasciando un muletto “già da stamattina sentivo un rumore strano ” ha dichiarato ” E bravo pirla non ti è venuto in mente di chiedere ? ho chiesto sapendo già la risposta visto il disastro combinato. ” no ” ha risposto convinto. “Spero che ti si rompa l’auto alla stessa maniera” ho finito di dire.

Poi è arrivata la notizia che avremmo dovuto scaricare noi un tir che sarebbe arrivato con un ritardo simile un treno Torino Reggio Calabria 6 ore di ritardo. Infatti è arrivato con 6 ore e trenta minuti di ritardo, ormai eravamo quasi pronti ad andarcene via.

Il camionista era distrutto da una giornata folle, un ometto che messo su quel tir faceva anche impressione. Piccolino e con non pochi problemi fisici.

Abbiamo iniziato l’opera, ho dispensato il collega balordo dall’aiutarmi, aveva così tanto da fare da non sapere da che parete andare.

Mentre scaricavamo e si facevano due parole col camionista, mi è scappato detto ” Almeno non piove” avevano dato allerta. Non l’avessi mai detto un minuto dopo ha cominciato a diluviare senza nessun preavviso.

Al camionista gli si è rovesciato il carico dentro il camion…. non è bello vedere un uomo piangere e soprattutto bestemmiare. Chi mi conosce sa che sono contro le bestemmie, ma in questo caso non ho avuto il coraggio di dire niente.

Ora è vietato per noi salire su mezzi non nostri, se succede qualcosa finiamo nei guai, ma colto da compassione sono salito ad aiutarlo, pensavo di mandarci su Lentament, ma per mezzanotte saremmo stai ancora lì e il rischio era che il camionista lo colpisse violentemente esasperato dalla lentezza del mio sottoposto era altissima.

Finito e salutato il camionista, rientrato al delirio vero e proprio c’era un lago di cui nessuno badava nonostante 5 centimetri di acqua per terra.

Chiesto ai pirla lì presenti da cosa derivasse tutta quell’acqua , mi guardavano stupiti e guardando a terra, sembravano sorpresi dal camminare dentro l’acqua.

Il mistero era subito risolto, qualcuno aveva rotto il tubo di una canala di scolo e si era guardato bene dal dirlo, vuoi tre mesi di siccità….. il problema era nato quando l’acqua era arrivata copiosa e improvvisa.

Ho fatto il bagno per cercare di bloccare il fiume che scendeva, mentre Lentament mi faceva d’assistente. Certo dal mio comando al suo aiuto centinaia di litri di acqua scorrevano tranquillamente dalla canala completamente sfasciata.

Me la sono tirata da solo, le ultime parole famose ” Almeno non piove ”

DILUVIA!!!!

Battuta del giorno imprevista

Si è maggiormente in pericolo di essere investiti quando si è appena scansata una vettura.
(Friedrich Nietzsche)

L’uomo è mortale, ma questo è ancora il meno. Il guaio è che può morire all’improvviso, è qui il punto! E in generale non può dire che cosa farà la sera.
(Mikhail Bulgakov)

C’è un solo tipo di shock peggiore rispetto all’imprevisto: il previsto per il quale ci si è rifiutati di prepararsi.
(Mary Renault)

I piccoli inconvenienti che ci tormentano a ogni ora si possono considerare destinati a tenerci in esercizio, affinché nella fortuna non si afflosci del tutto la forza di sopportare i guai grossi.
(Arthur Schopenhauer

Siamo come le palle da biliardo in una partita fra giocatori inesperti: spinte continuamente in prossimità della buca senza mai finirci dentro, se non per caso.
(Samuel Butler)

Chi tace acconsente: il 60% degli astenuti approva il governo Draghi secondo le più recenti teorie guerrafondaie.

Alla domanda ” Se questo voto rafforza il governo?” Letta tutto felice per l’incredibile risultato ottenuto ha risposto “sicuramente, il risultato di queste elezioni rende più forte questo governo.”

In poche parole al 60% degli elettori gli fate schifo e non si muove più di casa per venire a votare, rimane un 40% in un referendum non si otterrebbe il quorum e ve lo dividete al 50 % con la destra, considerando che non vi siete presentati soli ma siete la solita accozzaglia di tutti insieme basta vincere, questo sarebbe l’incredibile risultato? E’ incredibile caro Letta che non ti mandino a fanculo.

Questo mi fa ricordare di quando facevo il rappresentante dei genitori d’istituto e di classe alle superiori di figlia. Ero l’unico genitore della classe di figlia, e per farmi eleggere era necessario che mi votassi. Prendevo il 100% dei voti dei votanti un successone altro che Letta e il suo PD.

Berlusconi ha dichiarato di essere pronto a tornare in campo , considerando l’età e come dice lui “unto dal signore” è facile che il campo sia quello santo.
L’unto del Signore
Era il 25 novembre del 1994 quando Berlusconi, alla convention dell’Udc, diceva, facendo riferimento a se stesso: »Sarebbe veramente grave che qualcuno che è stato scelto dalla gente, l’unto dal Signore, perchè c’è qualcosa di divino dall’essere scelto dalla gente….

Ha dichiarato che è pronto a riportare Forza Italia ad oltre il 20% dei voti. Certo poi gli hanno dato la pastiglia…..

Vorrei finire con le due nullità sempre in televisione Calenda e Renzi il grande centro… dalla schiena scendendo giù in mezzo alle chiappe, il famoso buco nero… neanche i familiari li hanno votati, ma erano felici lo stesso perché i cinque stelle sono spariti.

PS Dove Calenda si è presentato col PD hanno perso……..

Chi tace acconsente ricordatevelo.