Battuta del giorno Andrea Mucciolo poeta scrittore editore

Quando qualcuno dice qualcosa alle tue spalle, non avertene a male: pensa a quanto sei stato fortunato, a non veder la sua faccia di cazzo mentre lo diceva.

Alla cattiveria bisogna reagire, ma non con altra cattiveria, ma con l’amore. Soprattutto verso se stessi.

La differenza tra un banchiere e un semplice avaro, è che l’avaro non dividerebbe mai la sua pagnotta con te, neanche se tu stessi morendo di fame. Il banchiere, invece ti ruberà la pagnotta di bocca quando starai per morire di fame.

I bivi non ci abituano alle scelte, ma soltanto ai rammarichi.

Cronaca locale e arresti di persone conosciute.

Ieri fratello è venuto a trovarmi, la quarantena gli ha fatto bene, è dimagrito ed è migliorato di carattere, ieri era anche molto simpatico.

Nel paese dove sono cresciuto ci sono stati degli arresti, alcuni degli arrestati li conoscevo, uno in particolare Fabio, abbiamo fatto le elementari insieme, ed inseguito ho seguito con interesse la sua vita, non che mi sia stupito che l’abbiano arrestato, aveva già avuto problemi, ma il considerarlo il braccio destro del capo banda mi ha fatto scompisciare dalla risate.

Considerando che per arrestarli sono stati usati anche gli elicotteri, e sono state mobilitate molte forze dell’ordine, uno si immagina chi sa quali delinquenti.

Escluso il capo che era già stato condannato a non so a quanti anni, e la domanda che che ci dovremmo porre è : che cosa ci faceva già fuori ? Ma se liberano i capi mafia, giustamente non si capisce perché non avrebbero dovuto liberare anche lui. Ma c’è qualcuno che sorveglia i giudici di sorveglianza ? Credo che diano tanto di quel danno da far paura, certo quando vi dicono che la recidiva è ferma al 20% dato chiaramente falso , il 20% è quello di quelli che ribeccano, quindi diamo scontato che il numero sia molto ma molto più alto., vuol dire che almeno il 30% di queste persone che sono tornate libere sono tornate a delinquere di nuovo , e quindi a dare dare del danno. Ora che il carcere serve a poco, lo sappiamo tutti, ma metterli tutti fuori serve ancora meno. Ora tra il delinquente vero e proprio , e il coglione che fa una cazzata c’è una bella differenza, qualcuno dovrebbe spiegarlo a queste scienze che sono i giudici di sorveglianza.

Tolto il capo, il resto della banda obbiettivamente sono dei coglioni patentati.

Il mio compagno di scuola era pirla già da bambino, non cattivo, un debole questo si..

Il ricordo che ho di lui a scuola è questo: Fabio alza la mano durante la lezione ” Dimmi Fabio ” fa la maestra, Fabio con calma e sottovoce ” credo di aver ingoiato il tappo della penna” rido ancora ora a ricordare quella scena surreale, tutta la classe è scoppiata in una risata generale, l’unica che non rideva era la maestra, che non sapeva cosa fare.

I genitori erano bravissime persone, comunisti di quelli veri, che ogni domenica andavano a vendere l’Unità nella piazza , quelli che alla morte di Berlinguer sono parti è andati al suo funerale.

La sorella di Fabio era comunista alla sua maniera, la dava a tutti, a tutti esagero a molti però si, ha fatto da vera comunista tanto bene in giro.

Fabio è finito presto nel mondo della droga, bruttissime compagnie, già allora verso i 20 anni era diventato scheletrico, e con la barba sempre lunga, faceva quasi impressione vederlo, la grande sorpresa nello scoprire che ancora giovanissimo si era sposato con una bellissima ragazza, ora cosa ci fosse dietro a questo matrimonio non lo so, certo visti insieme la cosa non sembrava credibile, ho capito l’amore cieco, ma lì sordo e muto, inoltre Fabio era senza soldi , dopo un po di tempo lei è sparita.

Fabio ad un certo punto si è trasferito di paese e di lui non ho saputo più niente fino a ieri.

Il braccio destro scrive il giornale, vero che le persone cambiano…. ma per me rimane quello del tappo, o di quello che portava su per la scalinata della scuola anche la cartella al compagno prepotente.

Battuta del giorno Josh Billings 2

Josh Billings umorista

Il guaio con la maggioranza della gente non è la sua ignoranza, ma il fatto che non sa di essere ignorante.

Le necessità sono poche,ma i bisogni infiniti.

Non importa quanto un uomo parli, basta che lo faccia in poche parole.

Ogni uomo ha le proprie manie e spesso sono la sua caratteristica più interessante.

E’ più facile pentirsi dei peccati commessi che dei peccati che intendiamo commettere.

Quando la disgrazia di uno diventa la fortuna di un altro.

Il mio sottoposto preferito al delirio (lavoro) l’ho perso definitivamente, è venuto a salutarmi di persona, certo in questi tempi che era stato lasciato a casa ci eravamo sentiti spesso per telefono , ma ora è stato assunto udite udite a tempo indeterminato in un altro posto.

Il sottoposto preferito l’anno scorso lavorava alla mattina in un posto e la sera veniva da noi, a volte lavorava tutto il giorno in questo posto, e poi arrivava scoppiato da noi, ma era il mio preferito, e non c’è verso, verso le persone che vogliamo bene siamo sempre più indulgenti, certo fosse andato al mare non lo sarei stato.

Il ragazzo ha 21, quasi 22 anni ed è andato a convivere ormai da quasi un anno , lui fa l’uomo all’antica, lei vero fa qualche lavoretto, ma quello che economicamente tiene su tutto è lui, e per un ragazzo così giovane non è cosa da poco.

In questo posto gli avevano promesso che l’avrebbero assunto, a marzo poi è arrivato il coronavirus……

Il mio sottoposto preferito c’era chiaramente rimasto male, malissimo, da noi tutti a casa, e lì a chiamata……….

Il destino fa quello che vuole, un dipendente di quella ditta ha avuto un infarto molto grave, vivo non si sa per quanto, in ogni caso non potrà mai più tornare a fare quel lavoro, il sottoposto assunto a tempo indeterminato.

Sono felice per lui, se lo merita, è un bravissimo ragazzo, e un gran lavoratore , certo mi dispiace per il suo collega.

Al delirio ero entrato perché due dipendenti contemporaneamente si erano ammalati di tumore, uno è morto un anno dopo, l’altro sta bene, e mi avevano chiesto se volevo provare, ero entrato con l’idea di andarmene subito…tant’è che sono oltre 35 anni che sono lì.

Il sottoposto preferito mi mancherà tantissimo, gli voglio bene, è stata subito questione di pelle, lui si è subito affezionato a me ed io a lui, siamo diventati coppia fissa sul lavoro, niente sesso però , certo però che le donne e il sesso era uno dei nostri argomenti preferiti.

Con affetto al mio ormai ex sottoposto preferito.

Battuta del giorno Jean Josipovici

Jean Josipovici regista sceneggiatore.

Il denaro non è tutto ma permette di occuparsi del resto.

Il tempo non guarisce nulla. Uccide certi sentimenti.

In un uomo posto di lavoro, si deve indovinare se per essere ben visto, bisogna lavorare sodo o non far niente.

L’uomo e la donna raramente vogliono la stessa cosa. Ad esempio : l’uomo vuole la donna. mentre la donna vuole l’uomo.

Il sottoposto ubriaco perso.

Ieri è venuto al delirio(lavoro) a trovarci uno dei sottoposti che lavorava da noi con una cooperativa, da quando è iniziata tutta questa storia della pandemia sono stati lasciati tutti a casa.

Il sottoposto era ubriaco perso, diciamo che il vizio ce l’ha sempre avuto, ma stando con noi ormai da anni , eravamo riusciti a contenerlo, dopo la seconda volta che era arrivato ubriaco gli era stato l’aut aut, sul lavoro da sobrio o se no sarebbe stato licenziato. Nessuno voleva licenziarlo visto che lavorativamente parlando era bravissimo, ed inoltre è molto simpatico.

Risultato che durante i giorni lavorati era sempre lucido, certo qualche volta era arrivato con qualche bicchiere di troppo, ma non ubriaco, allegro andante ( faccio contento Claudio Capriolo esperto di musica molto bello il suo blog di musica).

Ieri è arrivato per avere qualche notizia, era ubriaco, barcollava, mascherina dal mento sputacchiava mentre parlava, patta dei pantaloni aperta, braghe calate, l’orlo toccava il pavimento, maglietta mezza dentro e mezza fuori, non era un bello spettacolo da vedere.

Era allegro molto allegro, ad alcuni l’alcol fa questo effetto, allegro ed affettuoso, voleva per forza abbracciarci, ora se non ci fosse il virus, e lui frequenta anche di questi tempi zoccole di basso fondo, e sicuramente non è uno dei più attenti alla sua salute, ci sarebbe stato anche da ridere.

La speranza è che dicono che l’alcol purifica, con tutto l’alcol che aveva in corpo il virus dovrebbe essere stato distrutto, chiaramente oltre il fegato e il pancreas, se basta dell’alcool per disinfettare, lui era disinfettato al massimo, il virus con tutto quell’alcol in corpo in ogni caso dovrebbe essere stato prima stordito e poi annegato.

La visita per fortuna è durata poco , dopo l’ennesimo tentativo di abbraccio, respinto alla meno peggio, il sottoposto aveva un impegno, spero non al bar, mi auguro che uscito da noi non gli abbiano fatto l’alcol test, la patente non la rivede mai più, sperando inoltre se mai lo avessero fermato che non abbia cercato di abbracciare anche quelli delle forze dell’ordine.

PS

Ho controllato, nessun incidente automobilistico per fortuna.

Battuta del giorno @orporick

@orporick Insegnante tra i più bravi e originali non solo per sorridere.

I 5 sensi sono: il senso di colpa, il senso di nausea, il senso unico, il non ha senso, il mi fai senso.

Invidiò l’ombra che duplica il reale senza il fardello dei dettagli.

Ho un criceto che corre disperatamente nella ruota ed ogni tanto si ferma guardandomi come per dire “perché stai fermo? ” Già, perché?

La NASA conferma, scoperto due pianeti simili alla terra. I due pianeti smentiscono, schifati.

Scriviamo per essere letti. Leggiamo per ritrovarci scritti.