Battuta del giorno Samanthifera

Samanthifera bravissima la ripropongo

Probabilmente morirò senza aver capito perché le donne abbiamo inventato il mal di testa per non fare sesso anziché per non lavare i piatti.

Relazionarsi solo con chi la pensa come noi è fonte di ispirazione come lo è la ruota per il criceto.

Un mio ex disse che l’amore era una risposta sola a tante domande. Mi sembrava un pensiero profondo, invece usciva con altre due.

La vita è molto più semplice quando pensi hai problemi degli altri per non risolvere i tuoi.

Le dimensioni non contano solo se sei veramente bravo a parcheggiare.

9 pensieri riguardo “Battuta del giorno Samanthifera

  1. Come promesso, ecco il raccontino di Bertrand Russell sull’etimologia della parola catastrofe.
    Una rapida premessa: Russell, com’è noto, ebbe vita lunghissima. Negli ultimi anni incise su nastro magnetico una gran quantità di ricordi, aneddoti e piccole gustose invenzioni narrative, come questa.
    C’era una volta un’anziana e ricchissima signora, la quale ha sei nipoti e un gatto, al quale vuole un gran bene. Un giorno la signora muore; il notaio convoca i nipoti nella dimora della defunta per la lettura del testamento. Fra loro serpeggia l’inquietudine: vuoi vedere che la vecchia ha lasciato la parte più consistente del suo denaro a quello stupido gatto? E’ presente anche il fidanzato di una nipote, il quale a un certo punto dice “Ho un’idea!” e si eclissa. Subito dopo si procede alla lettura delle ultime volontà: la signora ha disposto che tutte le sue sostanze siano equamente divise fra i sei nipoti, a condizione che ciascuno di loro, a turno, si prenda cura del gatto per un mese; se non sarà possibile portare a termine almeno un ciclo di affidamento del gatto, l’intera eredità verrà devoluta all’ente per la protezione degli animali. Il notaio ha appena finito di parlare quando si spalanca la porta, entra il fidanzato che si era defilato e mostra agli astanti il cadavere del gatto: “Porto questo gatto come trofeo!” (this cat as trophy), esclama trionfante. E tutti gli altri: “Che gattastrofe!” (what a cat as trophy).
    Russell conclude osservando che nessun dizionario di sua conoscenza riporta questa etimologia.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...