L’amica cretina e il principe azzurro.

Lara è una donna ormai vicina ai 65 anni, è ancora una bella donna, sicuramente porta bene gli anni che ha, uno potrebbe darle anche 59 anni.

Lara non si è mai sposata ha sempre vissuto in casa con i genitori finché non sono morti entrambi, e da qui i suoi guai……..

Lara è l’amica cretina di fratello.

Lara è famosa in zona perché in gioventù e anche in seguito ha dimostrato una certa disponibilità, diciamo che ha reso molti uomini felici, biblicamente ha conosciuto molti uomini, diciamo pure che non si è risparmiata, ha dato sempre del suo non ha mai fatto del male a nessuno, anzi fatto solo del bene in giro e quindi niente da dire.

Lara come detto è una bella donna ma è cretina, è il prototipo perfetto delle trasmissioni del pomeriggio di canale 5: uomini e donne alla Barbara D’Urso, mai un telegiornale, solo telenovelas o cose similari, non sa nulla di nulla igggggnnnnnorante con 5 gn, un’adolescente pirla di quasi 65 anni.

Come detto finché ci sono stati i genitori la sua vita è trascorsa tranquilla, qualche lavoretto e poi ci pensavano loro. Morti i genitori economicamente si è trovata in difficoltà, i soldi che le hanno lasciato non possono certo durare in eterno, qualche hanno.. Lara non ha mai lavorato in regola quindi riceverà la pensione sociale quando raggiungerà l’età.

Con fratello sono diventati amici , si fanno compagnia, lunghe passeggiate , spesso mangiano insieme, spesso fratello l’accompagna a fare spese, Lara non ha mai preso la patente, ma non sono mai diventati coppia, amici per colmare il vuoto della solitudine che arriva ad una certa età quando per mille motivi si rimane soli.

Qualche giorno fa Lara ha cominciato a non rispondere più al telefono a fratello.

Fratello chiaramente non l’ha più chiamata, sapeva il motivo.

Lara mentre chiacchieravano qualche giorno prima aveva detto ” ho bisogno di trovare il mio principe azzurro, che mi prenda così come sono , e risolva tutti i miei problemi economici, se ogni giorno io e te ci vediamo nessun principe azzurro si avvicina ” aveva detto seriamente.

Certo a fratello è dispiaciuto, era una compagnia per quanto cretina era una compagnia, poi lui si divertiva a sentirla parlare e ascoltare le cose strampalate che non stavano ne in cielo ne in terra che Lara diceva.

La cosa era già successa due anni fa, quando Lara aveva detto a fratello che non si potevano più vedere perché il suo principe azzurro era geloso, e non l’avrebbe sposata.

Il principe azzurro era un uomo sposato con due figli, che andava con lei solo per quello… e che le aveva raccontato solo un mucchio di balle. Al dunque, Lara aveva chiesto al principe azzurro quando si sarebbe separato? Il principe azzurro le aveva risposto che non ci pensava nemmeno a lasciare la moglie e che era lei che aveva capito male.

Dopo qualche tempo Lara era tornata a passeggiare con fratello.

Fratello in realtà le aveva trovato uno, ma lei aveva rifiutato sdegnata, vero che il tipo aveva i soldi, ma era brutto e anziano, lei ne vuole uno giovanile e bello non serve ricco, basta benestante.

Appello per Lara

Cercasi principe azzurro, giovanile e prestante, massimo 65 anni, con discrete possibilità economiche per principessa non illibata, ma passionale, per vivere una favola.

Battuta del giorno del principe azzurro.

Ero il principe azzurro, daltonica del cazzo. (Ty_ il _nano Twitter)

Se non trovate il principe azzurro, la soluzione è prendere uno a caso e verniciarlo. (un Fabbroacaso Twitter)

Mi sa che l’uomo dei tuoi sogni ha incontrato il principe azzurro e sono scappati insieme . (alemarsia Twitter)

Il principe azzurro non esiste. Fatevi due conti. (Valemille Twitter)

Secondo il mio modesto parere, se butto l’omino bianco in lavatrice insieme all’accappatoio blu, dovrebbe uscire il principe azzurro.(Barby_S_L Twitter)

Guardacomeseigrasso (gatto) è un drogato da croccantini. “Ora basta! Bisogna disintossicarlo”dice figlia.

Le cose sono andate così. Quando il fu Toglitidaipiedi ( gatto )stava male e faceva fatica a mangiare soprattutto gli ultimi tempi, suocera mi ha chiesto di comprargli dei croccantini.

Evidentemente Guardacomeseigrasso ha iniziato a mangiarli anche lui.

I croccantini sono fatti per dare assuefazione, in generale tutti i cibi per animali sono preparati per creare dipendenza. Quante volte avrete sentito dire da proprietari di cani e gatti ” mangia solo quella marca ”

Suocera, cani e gatti li ha sempre abituati a mangiare di tutto, e infatti le cose sono andate sempre bene, invecchiando la comodità del croccantino le ha preso di mano…..

Morto Toglitidaipiedi, i croccantini sono stati tutti di Guardacomeseigrasso, che andava dallo stipetto dove erano conservati e batteva la zampina per avere un ulteriore dose.

Guardacomeseigrasso è diventato un tossico da croccantini, vive ormai davanti allo stipetto, e si rifiuta di mangiare altro, a questo punto figlia ha preso la decisione, ha fatto sparire i croccantini.

Suocera ha chiesto di comprarne altri, ma figlia è stata categorica ” No, guarda come si è ridotto, è una palla da quanto è tondo”

Sono giorni difficili per Guardacomeseigrasso, i primi giorni sono i più difficili.

Sono due giorni che si rifiuta di mangiare” voglio i croccantini” supplica. Vaga per la cucina davanti all’anta dell’armadio dove erano conservati ” due croccantini, solo due ” dice disperato.

Figlia sostiene che tra qualche giorno quando la fame diventerà tanta, il gatto ritornerà a mangiare normalmente.

” Guarda come sei conciato ” gli ha detto Nontirare (cane) ” Dammi due dei tuoi croccantini ” ha risposto il gatto.

Nontirare non ha di questi problemi mangia tutto e di più, adesso anche la parte di Guardacomeseigrasso. ” Ti fa bene stare a dieta, perdi qualche chilo è tutta salute ” dice mentre gli fa fuori la sua parte.

Suocera è preoccupata che il gatto scappi di casa in cerca di croccantini, e che qualcuno poi se lo tenga ” è un gatto bellissimo” ha detto mentre perorava la causa di Guardacomeseigrasso per avere una manciata di croccantini.

Ma figlia è stata categorica “niente croccantini, è un gatto tossico e si deve disintossicare da quelle porcherie”

Se incontrate per caso questo gatto per strada che vi supplica di dargli due croccantini, per il suo bene non fatelo.

Articolo solo per adulti accompagnati dai genitori. Moana la maggiolina, Rocco il maggiolino.(immagini esplicite)

Ero nell’orto a carponi, stavo eliminando l’erba dalle patate quando sento dei sospiri inconfondibili, ” dai dai dai” sento dire ” si si si ” sento rispondere guardo bene e cosa vedo?

Rocco e Moana le coccinelle che fornicano o meglio coccinellano.

Incuranti della mia presenza e nonostante fossero caduti dalla foglia di patata dov’erano appartati hanno continuato imperterriti, e quando li ho fotografati sembravano a proprio agio ” Vengo bene così? ” ha chiesto Rocco. ” lasciandomi sbigottito, così mi sono ritrovato a fare il mio primo servizio fotografico porno.

Tra coccinelle un rapporto può durare anche tre ore, senza bisogno di viagra, la femmina nel frattempo può anche fare dell’altro, come le donne d’altronde.

Le coccinelle durante il periodo dell’accoppiamento non fanno che scopare, “si sa “mi diceva Moana di coccinelle femmine anche 5 o sei di partner al giorno una sua amica 9. Si capisce anche perché facciano dell’ altro nel frattempo.

Ecco perché si dice che le coccinelle portano fortuna.

Tutto questo lo raccontavano mentre continuavano a copulare, avevano appena iniziato, era solo un ora che Rocco ci dava dentro. Se vogliamo trovare un difetto la posizione è sempre quella, ma dalla vita non si può avere tutto.

Li ho lasciati lì e ripreso a togliere l’erbaccia dalle patate era un continuo trovare coccinelle a coccinellare, confermo in questo periodo non fanno altro. In realtà ci sono maschi che aspettano pazienti il loro turno, e altri riprendersi dalla fatica.

Chi l’avrebbe mai detto ?

Ma si può morire così?

Fino a ieri stava bene non dava segno di nessun problema, niente di niente.

Improvvisamente senza nessun preavviso è morto.

Ho provato a rianimarlo, ad un certo punto sembrava che desse qualche segno di vita e che potesse in qualche modo riprendersi, qualche movimento,sembrava vibrasse ancora, poi niente è stata la fine.

E’ stato un duro colpo per me, anni e anni di fedele compagnia, mi è stato sempre vicino, nei momenti belli e nei momenti brutti, senza mai abbandonarmi, è stato nel tempo un fedele compagno, mai un problema, certo molte discussioni, quello si non lo posso negare e poi così d’improvviso mi ha lasciato in silenzio e senza poter più dire più nulla.

E’ morto così , smettendo di vibrare e dare segni di vita un lunedì mattina, lasciandomi da solo e senza più nessun rumore. Ricordo le ultime parole dette la sera precedente ” Ciao, ci sentiamo domani ….”

Un minuto di silenzio per il mio telefonino.

Autocertificazione per andare in bagno quando siete al ristorante, al bar o fuori di casa.

Sapete dell’idiozia di quelli che ci governano e degli esperti che li consigliano ?

Se andate al ristorante e vi scappa (scusate) di cagare, di pisciare, e non avete voglia di cagare tra due macchine sperando che non arrivi nessuno, vi serve l’autocertificazione, ecco al voi il modulo che potete scaricare.

Spesso le vie del compromesso portano a soluzioni fuori dalla logica umana.

Ritratto di uomo Stefano

Partiamo dalla fine, ieri in lontananza vedo un uomo e una donna sui trent’anni che si baciano con un certo trasporto. Lui mi pare di conoscerlo, certo è cambiato ha perso i capelli e li tiene rasati, prima erano lunghi e biondi , mai il fisico è ancora in perfetta forma, fisico da palestrato, lei non la conosco, ma da lontano è proprio una bella donna alta poco meno di lui, bionda capelli ondulati fisico tenuto perfettamente.

Sto per andarmene quando lui si gira mi vede e mi saluta con la mano faccio altrettanto, è Stefano.

Stefano è cresciuto col nonno, il padre delle madre.

Il nonno molto all’antica, andava in giro a dire che con le tre figlie era stato sfortunato, tutte e tre puttane.

Le sorelle non che si prostituissero, ma sentimentalmente erano state molto irrequiete, molto belle tutte e tre avevano avuto molte storie.

La madre di Stefano, si era sposata giovane per sfuggire al padre padrone, e poco dopo si era separata dal marito, ma c’era già Stefano, visto che la madre lavorava, il bambino passava molto tempo col nonno….

Cresciuto, Stefano è diventato un bel ragazzo e molto ricercato dalle ragazze che cambiava in continuazione. C’è chi può…

Una svolta avvenne quando Stefano poco più che ventenne incontra una signora madre già di due figli e separata di 35 anni che si prende una sbandata per lui, non solo se lo porta in casa iniziando una vera relazione, ma riesce a rimanere incinta di Stefano, ma non per sbaglio, vuole un figlio da quel ragazzo per cui ha perso la testa.

Stefano all’inizio sembra felice, per poi dopo meno di un anno dalla nascita del figlio, finisce per scappare dalla donna, lasciandola nella disperazione, certo non sola, con tre figli piccoli non si è mai soli.

Stefano prima di scappare dalla madre di suo figlio, aveva già iniziato una nuova relazione ” Questa è la donna della mia vita ” parole testuali del ragazzo. Con la nuova donna era andato a convivere immediatamente.

La vita si sa è breve, e dopo meno di un anno aveva trovato un’altra ragazza, obbiettivamente meno carina dell’altra, ma molto simpatica, e giustamente è andato a convivere con la ragazza. ” questa è quella giusta” parola di Stefano.

Infatti era giusta ma per qualcun’altro.

L’ultima volta che ho visto Stefano era qualche anno fa ed era in compagnia dell’ennesima donna giusta della sua vita, almeno così diceva.

Il nonno nel frattempo è morto. Chi sa se avrebbe detto che era stato sfortunato col nipote come con le figlie , un nipote puttaniere… o ne sarebbe stato fiero?

Figlia è ii compito di logica.

Figlia, chi mi segue sa che sta cercando di ultimare l’università. Le cose stanno andando alle lunghe non per colpa sua, ma spesso ha dovuto lasciare gli studi per soccorrere la madre in crisi di ossigeno sul suo lavoro.

Figlia ha una media alta e vorrebbe continuare ad averla molto alta, quindi anche con gli esami diciamo che non si accontenta di passarli e questo non aiuta nel velocizzare le cose.

Ora le lezioni si fanno in rete a figlia la cosa non dispiace.

Ieri mattina arriva e mi dice ” tu che sei forte in logica, secondo te cosa vuol dire questa frase?”

RIFIUTO DI SMENTIRE LA CERTEZZA DI DUBITARE DELLA FALSITÀ DELLE TUE RAGIONI.

Poi ci domandiamo perché l’economia va male in Italia ? Figlia frequenta la facoltà di economia e commercio

Tralasciando ogni polemica, la sua insegnate voleva sapere cosa significava quella frase, così da essere preparata ad interpretare le norme varate dalle scienze che stanno al ministero dell’economia.

I contenziosi sono a milioni con le altre scienze che stanno all’Agenzia dell’entrata sull’interpretazione delle norme.

Dopo attenta analisi do la mia risposta, che combacia con quella di figlia, ma non con quella dell’insegnante. Figlia ha scritto all’insegnante chiedendo chiarimenti.

” COSI’ C’ERA SCRITTO NEL LIBRO DELLE RISPOSTE” Ha risposto.

Minchia la risposta non fa una piega, la logica dell’insegnante è perfetta “c’è scritto sul libro, perché mai mi dovrei preoccuparmi di sapere se il libro ha scritto una stupidata o no ?” Esattamente come quelli degli uffici delle entrate.

Ora mi aspetto dai fedelissimi una risposta al quesito.

Omo de panza omo de sostanza.

Ho un collega che ha la mia età, chiamato da tutti Pacciani per la rassomiglianza con Pietro Pacciani , considerato di essere il MOSTRO di Firenze, ma incredibilmente assolto, mentre i suoi complici in un altro processo sempre per lo stesso fatto sono stati condannati. In Italia la giustizia è un terno al lotto. Credo personalmente che se si usasse la monetina per decidere alla lunga sarebbe meglio. Il mostro di Firenze è uno dei più famosi casi di cronaca, 8 omicidi senza apparente motivo che sono avvenuti nella zona di Firenze dal 68 al 85,e se penso a tutte le cazzate dette dagli esperti è ancora più fenomenale. Hanno scritto decine di libri su questa storia.

Torniamo al mio collega Pacciani, ha uno sguardo che mette a chi non lo conosce almeno un po’ di apprensione , di notte paura. In realtà è una pasta d’uomo, gentile e volendo anche simpatico, ma la faccia è quella che è.

Ieri sera entrando nello spogliatoio l’ho trovato con le braghe calate con la canottiera tenuta su col mento, Il NOSTRO Pacciani è senza culo ,gambe sottili e la pancia enorme era in bella vista, uno spettacolo horror.

Il NOSTRO Pacciani non si è mai sposato, ma da qualche anno convive con una donna non italiana che faceva da badante alla madre, insieme alla donna si è preso in carico tutta la famiglia della donna , due o tre figli se non ho capito male, comunque mi sembra un equo scambio di favori.

Entrando nello spogliatoio e vedendo quello spettacolo mi è venuto fuori ” omo de panza omo de sostanza” detto romano.

” Cosa vuol dire? “mi ha chiesto, mentre si stava ricomponendo.

” Una volta c’era la fame e se uno aveva la pancia voleva dire che poteva mangiare e quindi aveva soldi” ho spiegato ” Non come adesso che la gente fa la fame per non ingrassare, sono cambiati i tempi ”

Il NOSTRO Pacciani ha sorriso, è ancora più inquietante quando sorride ” vero ” ha detto. Lui certo il problema di non ingrassare non se lo pone.

Ora pensavo alla sua compagna nel momento che devono copulare……

Adesso piantiamo i pomodori.

Tra sabato e domenica pianto tutto: pomodori, zucchine, melanzane e peperoni, e provo anche i meloni….

I pomodori coltivati nell’orto di casa sono un’altra cosa da quelli comprati, non che quelli comprati non vengano coltivati nell’orto,(spesso in serra) ma il metodo dev’essere diverso, o forse sono colti ancora acerbi, sta di fatto che il gusto è proprio un’altra cosa.

La cosa incredibile che ho scoperto che la prima ricetta di pasta col pomodoro è del 1800 scritta a Napoli da un certo Francesco Leonardi, ma prima cosa mangiavano ?

Tra tutte le scoperte quella della pasta col pomodoro mi sembra la scoperta più importante, anche più della relatività.

Il pomodoro era già arrivato in Spagna e in Francia, ma lo tenevano come pianta ornamentale , va detto che i primi frutti non erano certo quelli che vediamo adesso, ma solo nel meridione d’Italia i pomodori conosceranno il successo meritato.

Mio padre, quando non potendo più andare nell’orto aveva 85 anni, decise di piantare i pomodori sul terrazzo con grande successo, lo ricordo prendersi cura delle piante e la gioia di quei frutti. che era riuscito a far crescere anche nel vaso.

Domenica come detto è tempo di piantare i pomodori, suocero è 10 giorni che me lo ricorda ogni giorno almeno tre volte al giorno.

PS

Le piantine di zucchini sono cresciute e vi salutano e dicono che non sono così rincoglionito come sembravo.