Dolce consorte ha trovato un’alleata in figlia, vogliono buttare tutto… Suocera e io sulle barricate, prima che buttino via anche quelle.

E’ guerra,dolce consorte e figlia con la scusa che dobbiamo liberare dei locali ne approfittano per cercare di eliminare più cose possibili, figlia è anche peggio per quanto possibile della madre.

Figlia è infingarda e ha convinto la madre a non preoccuparsi delle proteste mie e di suocera.Così mi tocca andare a controllare scatola per scatola.

” Cosa te ne fai ” mi chiede, non rispondo mentre tiro fuori l’oggetto dalla scatola ” A cosa serve ?” insiste figlia ” A farti parlare ” rispondo ” quanti anni è che non lo usi? ” continua ” Può sempre servire rispondo” ” Dieci anni come minimo ” insiste ” anche 15 ” controbatto “Buttati le tue di cose ” rispondo.

Ora con figlia è l’ultima cosa da dire, visto che lei non tiene niente. Tutto quello che non gli serve lo regala, lo ricicla, di sicuro non lo tiene in casa. Tutti i suoi giocattoli, libri li ha fatti sparire regalandoli. Anche con i vestiti fa lo stesso li distribuisce a destra e a manca, ma non li tiene nell’armadio inutilizzati.

Io e dolce consorte abbiamo vestiti di prima di sposarci ancora ben conservati nell’armadio.

Figlia ha la sua idea in proposito . Tutto quello che non hai usato almeno una volta negli ultimi due anni va eliminato sostiene convinta.

Ora io ho camice , maglie e pantaloni che saranno 15 anni che non metto, alcune cose sono nuove mai messe….aspetto l’occasione buona.

L’unica cosa che ho notato guardando bene nell’armadio che c’erano degli indumenti che non c’erano più “ma la mia …?” Chiedo Le due infingarde si guardano e sorridono ” Papà era bruttissima, inguardabile ” risponde figlia ” e la mia …..?” dico cercando bene ” ma neanche i barboni se la sarebbero messa ” dice ridendo insieme sua madre. ” e le mie.. ? guardando con attenzione, mi giro e sono sparite entrambe.

Figlia vuole che racconti di domenica: ravioli e tagliatelle fatte in casa.

Figlia sabato mi dice ” Domani facciamo i ravioli in casa ”

Figlia da quando è mezza convivente, diciamo che il suo interesse per la cucina è aumentato di parecchio.

Figlia grazie a me sa già cucinare in maniera decente , ma ora vuole fare il salto di qualità…

Da quando è mezza convivente le ho donato un mio bellissimo libro di cucina, che insegna passo per passo come fare le cose, ed ha tantissime fotografie.Per i principianti è l’ideale.

Il mio libro di cucina o meglio la mia bibbia in cucina è :La cucina d’oro a cura di Giovanni Nuvoletti con la collaborazione dell’accademia italiana della cucina. Un libro per chi sa già cucinare. Ora cosa se ne fa uno di un libro di cucina se sa già cucinare ? Intanto la cucina è cultura, dietro una ricetta c’è una storia di tradizioni, e poi capita di cucinare cose mai fatte, seguendo i consigli del libro non ricordo di aver mai sbagliato una ricetta, e io faccio parte di quelli che rischiano la prima volta di un piatto con gli invitati a cena o a pranzo.

La pasta fresca è facile da fare, la pasta fresca ripiena non è la stessa cosa, il disastro è dietro l’angolo.Le variabili sono tante, ed anche il tempo di esecuzione è molto più lungo.

Domenica sbrigate tutte le nostre faccende ci siamo messi all’opera , io sugo e ripieno, lei la pasta.

Ora il problema di figlia è di seguire alla lettera le ricette, compresi i tempi, e non accetta compromessi. Se dicono che la pasta deve riposare un’ora, un’ora è indicativa se sono 50 minuti non cambia niente…..lei si mette le sveglie e guai a iniziare prima. I tempi si sono allungati in maniera esponenziale.

” Tanto che ci siamo facciamone un po’ di più” ha detto. Un po’ di più non pensavo pasta per 20 persone, eravamo in 5. Inoltre per far asciugare la pasta abbiamo preso dietro mio consiglio lo stendi biancheria, avevamo pasta tirata da tutte le parti.

Oltre che seguire i tempi precisi figlia è una perfezionista, i ravioli dovevano essere tutti uguali, e belli da vedere, fatti uno per uno con la massima attenzione, i tempi altro che allungati, triplicati.

Per i suoceri si è deciso di portagli giù la prima produzione e farli mangiare in pace…..

La cosa chiaramente è andata alla lunga, il risultato giuro spettacolare, la pasta impeccabile , i bordi che a volte rimangano duri erano perfetti.

Certo con figlia abbiamo avuto qualche battibecco, capisco la precisione, ma a tutto c’è un limite…. sembravano fatti a macchina.

La soddisfazione finale di figlia era tantissima, ha fatto foto su foto come a una comunione da mandare a destra e sinistra.

Abbiamo mangiato che erano quasi le due del pomeriggio…

La prossima volta quelli con la zucca ha detto tutta felice….

35 37 40 41 42 55 57 60 62 63 67 100 102 103 104 e non è finita… e il pirla col cerino in mano sono io.

Esiste una sola certezza a questo mondo oltre la morte, è : che Dio non esiste, la Fornero in salute ne è la prova.

La Fornero in questi giorni imperversa nei programmi televisivi, si parla di pensioni.

Dio Draghi, allora Dio esiste? L’ha chiamata come sua consulente. Draghi è un uomo di destra, fa politiche di destra, solo qualche coglione che si dichiara di sinistra pensa il contrario.

L’altro giorno alla 7 ad Omnibus, un ragazzo, (non conosco il nome ho provato a cercarlo senza risultato.) capelli lunghi da rasta vestito in maniera molto casual , l’ha zittita in maniera molto pacata . La prova vivente che Dio non esiste ha affermato che la quota 100 non ha funzionato.Che per ogni lavoratore pensionato non c’è stata nessuna assunzione.

Il Ragazzo le ha detto ” Per forza, se le leggi permettono contratti a tempo determinato più convenienti, contratti di formazione a 500 euro al mese, e la legge permette una precarietà permanente, è chiaro che nessuno assume nessuno a tempo indeterminato” Il ragazzo era preparatissimo e sapeva parlare un italiano perfetto non come me.

Pensate alla COOP che dovrebbe essere di sinistra, che non assume fisso praticamente nessuno, alle casse, ma non solo alle casse , fa girare persone assunte prima per un mese, poi rinnovato per altri tre mesi, nei migliori dei casi altri tre e poi lasciate a casa, questo a ciclo continuo da un decennio a questa parte, da questo si capisce la gravità delle cosa. Al delirio è lo stesso da anni. Sono andati via in questi ultimi periodi almeno 8 persone erano tutti fissi da decenni, assunte al loro posto a tempo indeterminato nessuno. Tutti a tre mesi, sei mesi e poi via. Finché la legge permette e invoglia questo tipo assunzioni quelle a tempo indeterminato saranno pochissime.

Tralasciando le baby pensioni per gli statali, anche queste ci sono state….fatte sempre da questi indegni che adesso mi vengono a chiedere i sacrifici….

35 Erano gli anni che ci volevano per accedere alla pensione per i lavoratori del settore privato. Fatti potevi lasciare il lavoro. Poi si sono accorti che c’erano persone che avendo iniziato da ragazzini a lavorare , a 14 anni una volta si poteva, a 50 erano già in pensione, e quindi hanno detto “mica sono statali”, ed hanno deciso che bisognava almeno avere 55 anni, poi dopo qualche hanno 57, e poi 60 per tutti, statali e privati. Se non ricordo male poi avevano deciso che con 40, poi 41 dopo 42 anni di lavoro potevi andarci lo stesso. .

Poi un giorno è arrivata la prova vivente che Dio non esiste è ha detto tutti a 67 anni a prescindere dagli anni lavorati. Tutti meno che i politici…
Quindi arrivato Salvini siamo passati a quota 100 , somma età ed anni lavorati. Ora Dio Draghi aveva deciso solo per qualche anno a 104 , poi bisognava necessariamente tornare a 67, questo deciso con quelle merde e infami del PD ulteriore prova vivente che Dio non esiste 2 , visto che erano stati mandati a casa e dopo un anno con la ‘arroganza che li contraddistingue , se non sei arrogante e presuntuoso non ti fanno nemmeno iscrivere al Pd , sono di nuovo lì grazie agli infami per eccellenza, quelli che dovevano rivoltare il parlamento, e che ora pur di non perdere lo stipendio hanno fatto tutto l’esatto contrario di quello promesso: i cinque stelle, che per coerenza quando passano davanti a uno specchio ci dovrebbero sputare sopra ogni volta .Non si dovevano alleare con nessuno, si sono alleati con cani e porci.

Salvini che la faccia l’aveva già persa qualche tempo fa , non è una grande perdita, visto la faccia di m…. che si ritrovava, da 100 a 104 ha detto che era troppo lo sbalzo, quindi ha lottato per 101 poi 102, rilanciato a 103 dalle prove viventi che Dio non esiste 2, per poi arrivare a 102 solo per un breve periodo e poi….

Ora vi dovrei parlare dei lavori usuranti di cui faccio parte, ma mi sono rotto anch’io, come immagino i pochi che mi hanno seguito fin’ora, molti che magari la pensione non la prenderanno mai nemmeno per sbaglio,come non avranno mai un lavoro fisso.

90 paura….

Quando gli ospiti arrivano e ti trovano in mutande.

Domenica dolce consorte ha invitato parente carissima e compagno a cena e chiaramente si è scordata di dirmelo.

Parente carissima e compagno, dolce consorte e figlia si era visti nel pomeriggio , dovevano sbrigare faccende loro, nessuno mi aveva avvisato che sarebbero arrivati a casa…

Ero stato tutto il pomeriggio a tagliare erba e fare lavori nell’orto e a rimuginare su fatti spiacevoli della mia vita, era buio quando ho terminato. Rientrato a casa, avevo passato del tempo con fratello, andato via poi mi ero messo a guardare il blog mentre la stufetta scaldava il bagno per la doccia, ero in mutande e felpa, quando sento dei rumori, qualcuno entra in casa, e sento chiamare…..

Come già detto, casa è sempre aperta, nessuno chiude se siamo in casa, mi alzo così come sono e vado a vedere, quando parente carissima e compagno mi arrivano davanti, erano entrati ed erano già nel corridoio.

In mutante sto bene, ho delle belle gambe e anche a culo mi difendo, diciamo che anche davanti non sfiguro, quindi niente di grave, certo se arrivano ospiti di solito mi metto anche i pantaloni.

“Ma figlia non ti ha avvisato ? ” mi chiede parente carissima mentre ride insieme al compagno .

Normalmente il cellulare non lo guardo mai, la domenica non so neanche d’averlo, guardo ” arrivano…. noi ci fermiamo a prendere le pizze ” c’è scritto.

Faccio accomodare gli ospiti, e vado a mettermi un paio di pantaloni… la doccia è rimandata.

Quando arriva dolce consorte e figlia, protesto non per gli ospiti che sono graditissimi, ma per non avermi avvisato.

Figlia ” se telefono al fisso non rispondi , il cellulare non lo guardi, come faccio ad avvisarti? ” mi chiede

Non c’è tempo di rispondere se no le pizze si raffreddano.

Quando ti dimentichi di eliminare le foto compromettenti….

Ieri per una buona ora sono stato in compagnia al delirio (lavoro) con uno esterno al delirio era anche lui lì per lavoro.

Il tipo era uno spettacolo, per farvi capire :la bella copia di Sylvester Stallone, fisico notevole nonostante avesse superato i 50 anni, viso simpatico, e una vita piena di avventure, e soprattutto un appassionato di moto ma Moto intendo quelle di grossa cilindrata da strada, viaggiato in tutto il mondo.

La sua era una moto di quelle da collezione, di non so quanto di cilindrata a cui aveva appena rifatto il motore, oltre 5 mila euro di spese, a comprarla diceva sui 25 mila euro. “Una moto che si mangia la strada” continuava a dire .

In un ora ha parlato sol lui e mi ha raccontato molte delle sue avventure, molte in solitaria, compresa l’ultima, compagna e amici si erano rifiutati di andare per via dell’allerta meteo prevista, 6 mila km da solo in pochi giorni.

Quando avevamo finito il lavoro ha voluto farmi vedere le foto della moto, e dei posti visti… avevo da fare, ma ci teneva. Ed è partito a mostrarmi il cellulare con 100000 foto, oltre che andare in moto fotografa tutto quello che vede.

Mentre passavano foto su foto inutili e inconcludenti improvvisamente ne appare una molto ma molto interessante, finalmente una foto che aveva un senso ed aveva un senso guardare.

C’erano tre donne, due ragazze sui vent’anni nude in piedi e sorridenti, poi una signora messa alla pecorina in mezzo alle due ragazze col culo in bella mostra , la testa della signora era girata verso la macchina fotografica ed era sorridente , una delle due ragazze teneva con una mano le mutandine della signora spostate per visionare meglio le parti intime della signora pronta a una visita più approfondita….

Il tipo si è fatto prendere dall’agitazione per cercare di far sparire la foto, che era amatoriale e personale, evidentemente oltre alle moto ha anche la passione per la gnocca… e a nulla sono valse le mie richieste di guardare meglio quella foto che mi sembrava molto ma molto più interessante di tutte le altre..

Il suo imbarazzo era evidente, mi ha mostrato ancora due foto ed è andato via.

Certo, ci sarebbe voluta una foto alla sua faccia nel momento che è uscita per sbaglio alla mia visione quella fotografia personale molto personale.

La nuova sveglia mirabolante di figlia.

Figlia mi chiama per farmi vedere il suo nuovo straordinario acquisto…

Tempo fa avevo raccontato della sua difficoltà ad alzarsi al mattino, cinque minuti ancora diventavano ore…

Qualcuno si ricorderà che avevo proposto la sveglia che saltava giù dal comodino e scappava e si era costretti ad alzarsi per farla smettere di suonare.

Figlia dopo attenta analisi aveva pensato che non andava bene per lei, vero che si sarebbe alzata, ma svegliarsi ed essere costretti a ricorrere una sveglia non è il miglior modo d’iniziare la giornata, anzi….

Così ha trovato un’altra soluzione e mi ha mostrato la sua meraviglia tutta felice.

A guardare la sveglia non sembrava tutto questa meraviglia, ma figlia mi ha voluto mostrare la sua efficacia.

La sveglia programmata per un ora precisa, comincia a dare i suoi mirabolanti effetti speciali molto prima.

Per capirsi, uno mette la sveglia per le sette, alle 6 e 30 la sveglia simula l’alba, una leggera luce comincia a diffondersi nella camera, ma nessun rumore molesto, man mano che il tempo passa la luce come succede con l’alba diventa sempre più forte ed illumina gradualmente la camera fino a diventare giorno e alle sette precise parte una musica rilassante di buon risveglio…..( in questo caso ci sono molte opzioni, volendo anche la propria stazione radio preferita).

Figlia mi mostrava tutta soddisfatta il suo nuovo acquisto ” e lasciare la persiana su ” ho provato a dire ” Non capisci niente ” mi ha risposto” qui programmi tu quando vuoi che diventi giorno” il ragionamento non faceva una grinza col sole è risaputo fa quello che vuole, e l’alba a seconda delle stagioni arriva in orari diversi.

Dolce consorte visto il mirabolante oggetto, ne ha chiesto uno anche lei, così finalmente la finiremo con la suoneria del cellulare che inizia a suonare alle sei del mattino ogni 5 minuti finché dolce consorte non decide di alzarsi, incurante che io non mi devo alzare necessariamente “tanto tu sei già sveglio ” mi dice ” vero, ma la suoneria ogni cinque minuti rompe il ca… ” dico inutilmente.

Quindi dalla prossima settimana al mattino sarò svegliato dall’alba artificiale, sicuramente meglio di quella cazzo di suoneria….

Domenica cambia l’ora e torniamo all’ora solare, anche quelli che ci comandano hanno capito che era impossibile rimanere nell’ora legale.

Oggi domenica parliamo di cose allegre : la morte. Parte prima.

La prima volta che ho visto un morto aveva 14 anni, fino a quel punto la vita era stata benevola nei mie confronti.

Era un giorno particolare, ero stato convocato in prima squadra, giocavo ancora negli allievi, era una convocazione per premiarmi, quel giorno avrei fatto il mio esordio in prima squadra, ma sarebbe stata anche l’ultima mia partita, a fine campionato, mancavano due giornate alla fine , decisi di smettere di giocare. Ma questa è un’altra storia..

Eravamo in auto con due compagni di squadra , mi erano passati a prendere, quando poco distante dallo stadio c’era stato un incidente, eravamo scesi e andati a vedere, c’era un ventenne caduto dalla sua vespa che aveva picchiato con la testa ed era morto sul colpo, c’era una leggera striscia di sangue vicino alla nuca.

Il pensiero era andato ai suoi genitori, e alle persone che gli volevano bene, e al dolore che avrebbero avuto. Lì per terra c’era solo un corpo, di lui, mi era stato chiaro subito non c’era più niente, non mi aveva fatto nessuna impressione vedere un cadavere anche se era un ragazzo poco più grande di me.

La seconda volta che mi era capitato di vedere un morto era stato poco tempo dopo. C’era stata la morte improvvisa del padre di un mio compagno di scuola. Ero andato a fare visita, il morto era steso sul letto e sembrava che dormisse, avevo guardato con attenzione la pancia per essere sicuro che non respirasse.Come avrete capito anche questa volta tolto il dolore dei familiari il morto non mi aveva fatto nessuna impressione.

La stessa estate, un ragazzo per far prima aveva attraversato la ferrovia per arrivare in spiaggia, cosa che facevamo tutti…. e non si era accorto dell’arrivo del treno, quella volta un po’ d’impressione me l’aveva fatta, più che altro c’erano pezzi del ragazzo sparsi da tutte le parti..

Parlare di morte in casa mia non è mai stato un tabù, era una cosa naturale . Mio padre aveva fatto la seconda guerra mondiale, ed era stato in Russia di morti ne aveva visti migliaia, amici, compagni di sventura, e nemici. Fin da piccolissimo i suoi racconti mi avevano appassionato. Uno per fare un esempio: quando trovavano un cadavere con degli stivali buoni , erano nel gelo e freddo , ora la gente si lamenta perché ci sono 18 gradi in casa, loro erano a meno 18 senza riscaldamento… Gli amputavano le gambe perché era impossibile togliere sul momento gli stivali ghiacciati alle gambe, si portavano nel rifugio e poi al calore si recuperavano. Era naturale e aveva senso, senza stivali si moriva, quanti reduci hanno avuto le dita o i piedi amputati per via del gelo.

In casa c’erano stati lutti dalla sorellina più grande di me morta appena nata , o ai racconti dei fratellini di mio padre morti con la spagnola , o dello zio sparato per strada……

Qualche hanno fa come ho già raccontato il pensiero della morte prematura mi e stato accanto per qualche giorno, quello era il tempo che si erano presi i medici, e sulla morte sei costretto volente o no a riflettere.

Comunque morire è molto più semplice che vivere.

Questa lunga premessa perché non capivo esattamente questo astio tra vaccinati e non vaccinati.La morte è stata la risposta. Entrambi hanno paura della morte. I primi di prendere il virus e morire e i secondi di fare il vaccino e morire a loro volta. Come si sa io non faccio parte di nessuno dei due schieramenti, sono contro il green pass per il lavoro.

Il mio rapporto con la morte è fatalistico, cerco di stare attento ai pericoli, ma poi la vita, o meglio la morte fa quello che vuole e quando ti tocca ti tocca. Rischio sicuramente di più quando vado in moto, che col coranavirus.

“Sono morte tre milioni di persone persone” ti dicono molti preoccupati “poche “penso, siamo sette miliardi e mezzo e nel 2050 saremo dieci miliardi nonostante il coronavirus di che cazzo stiamo parlando. In Cina. o India dovrebbero morire un milione di persone al giorno per avere un leggero miglioramento demografico.

Si è sempre morti questa è l’unica cosa certa che si sa.

” Muori tu ” diranno in molti. Prima o poi sicuramente ma nessun dramma, anche da parte mia. Il mondo andrà avanti tranquillamente senza di me.

I cimiteri sono pieni di persone di cui non potevamo fare a meno ( Elbert Hubbard )

Il problema è l’approccio alla morte.

continua……

Dopo il green pass obbligatorio, anche le ferie obbligatorie in arrivo.

Ero rimasto l’unico pirla ad aver fatto solo una settimana di ferie, quindi per premiarmi, hanno deciso che a novembre, il mese migliore per le ferie è risaputo, d’inondarmi di ferie.

Ora il caso vuole che nell’orto venga bene, anzi benissimo c’è da preparare per fave e piselli da potare, e con il green pass obbligatorio ho un grosso risparmio, sperando che a dicembre finisca questa pagliacciata , ma comincio a dubitare, pare i vaccinati debbano essere il 150% con quattordici dosi a testa .

Quindi come si dice non tutti i mali vengono per nuocere.

Di sicuro durante le ferie farò di tutto meno che riposare.

La lavastoviglie nuova è morta e i tecnici in visita per le condoglianze.

La storia parte da lontano. Tre anni fa dolce consorte ha voluto comprare una lavastoviglie per suocera e suocero erano previsti cambiamenti che non ci sono stati. Nella realtà esiste una cucina nuova con mobili ed elettrodomestici mai usati.

Dopo tre anni dall’acquisto dolce consorte ha deciso di provare la lavastoviglie, c’era da lavare dei bicchieri nuovi e piatti nuovi….

Prima però bisognava farle fare un giro a vuoto alla lavastoviglie e così l’ ha azionata, ma dopo un minuto si è accesa una spia che indicava dei problemi.

Vengo interpellato e confermo dopo aver provato anch’io che non funziona.

Controllo le cose basilari e sono tutte funzionanti.

Il caso vuole che dopo due giorni ci sia uno del mobilificio che ce l’ha venduta , non è un tecnico ma un po’ se ne capisce.

Prova anche lui, monta e smonta i tubi per vedere se arriva l’ acqua e sentenzia ” Non funziona la lavastoviglie perché non arriva l’acqua “

Dopo due giorni arriva l’idraulico, che conferma che la lavastoviglie non funziona, ma che l’acqua arriva e se arriva, nel provare ha allagato mezza cucina aveva attaccato male il tubo.

Quelli del mobilificio ci mandano un tecnico di loro fiducia , bravissimo ragazzo che dopo aver provato e riprovato conferma che non funziona. ” Il problema non è chiaro ” sostiene ” potrebbe essere tutto e niente, una stupidata o potrebbe essere la scheda guasta e quindi al quel punto ci conviene buttare via la lavastoviglie nuova visto che la garanzia è finita”

Optiamo per provare per la stupidata….. “niente da fare ” dice dopo aver provato ” “bisogna chiamare quelli dell’assistenza diretta, ma quelli se vengono solo per il diritto di chiamata vogliono 50 euro ” c’informa.

Lui è onestissimo chiede una stupidata , gli verrà dato il giusto, è venuto due volte a casa a provare le possibili soluzioni.

Chiamiamo quelli dell’assistenza….

Arrivano dopo una settimana.

La guarda e la riguarda e poi dichiara “è rotta non funziona” “questo lo sapevo ” ho provato a rispondere ” se no non l’avrei chiamata se funzionava”. Mi ha sorriso ” Potrei cambiargli la scheda che tra lavoro e scheda andiamo sui 350 euro, e non simo sicuri che sia la scheda, certo la scheda non la paga ma il mio lavoro si ” mi dice ” sarò sincero si compri una lavastoviglie nuova le conviene ” Detto questo ha voluto 50 euro.

Risultato ho una lavastoviglie nuova mai usata da buttare secondo i tecnici, da non credere.

E’ arrivato il freddo secondo dolce consorte ” Fa freddo”mi dice ” Ma ci sono venti gradi” provo a dire ” ho freddo lo stesso “risponde.

Dolce consorte è freddolosa ma a volte esagera…

In questi giorni è calata la temperatura, al giorno è caldo ma al mattino e sera scende di parecchio , e quindi si percepisce di più la differenza. Al giorno si sta in maglietta corta e pantaloncini, alla sera una felpa fa piacere.

Chi mi segue sa che vado al delirio (lavoro)in moto tutto l’anno. Non patisco ne’ il caldo ne’ il freddo, è solo una questione mentale sostengo Se dici che hai freddo hai freddo, se dici che hai caldo hai caldo. Basta non pensarci e non dire niente e il gioco è fatto.

Alla notte quando torno a casa dal delirio non indosso ancora i guanti, anche se l’altra sera forse… ma è bastato non pensarci.

L’altra notte dolce consorte che si apprestava ad andare a dormire mi dice ” La stanza è fredda, fa freddo” termina di dire .Io ero appena arrivato , guardo la temperatura che c’è in casa. L’apparecchio è preciso segna 20 gradi, venti gradi non è freddo è studiato scientificamente che a venti gradi nessuno muore di freddo.

Dolce consorte insiste “fa freddo” dice e io ingenuamente cado nel tranello ” mettiti la stufetta ” dico scherzando ” bravo vai giù a recuperarla ” dice seriamente.

Così al freddo vado alla ricerca della stufetta, che recuperata porto su, e consegno incredulo a dolce consorte che nel frattempo aveva messo un’altra coperta sul letto.

Speriamo che questo inverno non faccia freddo, vuoi per l’aumento del 40% del gas e dell’elettricità, e perché se a 20 gradi siamo già con la stufetta e tre coperte non oso immaginare cosa farà quando la temperatura fuori sarà vicino allo zero.