Articolo solo per adulti accompagnati dai genitori. Moana la maggiolina, Rocco il maggiolino.(immagini esplicite)

Ero nell’orto a carponi, stavo eliminando l’erba dalle patate quando sento dei sospiri inconfondibili, ” dai dai dai” sento dire ” si si si ” sento rispondere guardo bene e cosa vedo?

Rocco e Moana le coccinelle che fornicano o meglio coccinellano.

Incuranti della mia presenza e nonostante fossero caduti dalla foglia di patata dov’erano appartati hanno continuato imperterriti, e quando li ho fotografati sembravano a proprio agio ” Vengo bene così? ” ha chiesto Rocco. ” lasciandomi sbigottito, così mi sono ritrovato a fare il mio primo servizio fotografico porno.

Tra coccinelle un rapporto può durare anche tre ore, senza bisogno di viagra, la femmina nel frattempo può anche fare dell’altro, come le donne d’altronde.

Le coccinelle durante il periodo dell’accoppiamento non fanno che scopare, “si sa “mi diceva Moana di coccinelle femmine anche 5 o sei di partner al giorno una sua amica 9. Si capisce anche perché facciano dell’ altro nel frattempo.

Ecco perché si dice che le coccinelle portano fortuna.

Tutto questo lo raccontavano mentre continuavano a copulare, avevano appena iniziato, era solo un ora che Rocco ci dava dentro. Se vogliamo trovare un difetto la posizione è sempre quella, ma dalla vita non si può avere tutto.

Li ho lasciati lì e ripreso a togliere l’erbaccia dalle patate era un continuo trovare coccinelle a coccinellare, confermo in questo periodo non fanno altro. In realtà ci sono maschi che aspettano pazienti il loro turno, e altri riprendersi dalla fatica.

Chi l’avrebbe mai detto ?

Ma si può morire così?

Fino a ieri stava bene non dava segno di nessun problema, niente di niente.

Improvvisamente senza nessun preavviso è morto.

Ho provato a rianimarlo, ad un certo punto sembrava che desse qualche segno di vita e che potesse in qualche modo riprendersi, qualche movimento,sembrava vibrasse ancora, poi niente è stata la fine.

E’ stato un duro colpo per me, anni e anni di fedele compagnia, mi è stato sempre vicino, nei momenti belli e nei momenti brutti, senza mai abbandonarmi, è stato nel tempo un fedele compagno, mai un problema, certo molte discussioni, quello si non lo posso negare e poi così d’improvviso mi ha lasciato in silenzio e senza poter più dire più nulla.

E’ morto così , smettendo di vibrare e dare segni di vita un lunedì mattina, lasciandomi da solo e senza più nessun rumore. Ricordo le ultime parole dette la sera precedente ” Ciao, ci sentiamo domani ….”

Un minuto di silenzio per il mio telefonino.

Ritratto di uomo Stefano

Partiamo dalla fine, ieri in lontananza vedo un uomo e una donna sui trent’anni che si baciano con un certo trasporto. Lui mi pare di conoscerlo, certo è cambiato ha perso i capelli e li tiene rasati, prima erano lunghi e biondi , mai il fisico è ancora in perfetta forma, fisico da palestrato, lei non la conosco, ma da lontano è proprio una bella donna alta poco meno di lui, bionda capelli ondulati fisico tenuto perfettamente.

Sto per andarmene quando lui si gira mi vede e mi saluta con la mano faccio altrettanto, è Stefano.

Stefano è cresciuto col nonno, il padre delle madre.

Il nonno molto all’antica, andava in giro a dire che con le tre figlie era stato sfortunato, tutte e tre puttane.

Le sorelle non che si prostituissero, ma sentimentalmente erano state molto irrequiete, molto belle tutte e tre avevano avuto molte storie.

La madre di Stefano, si era sposata giovane per sfuggire al padre padrone, e poco dopo si era separata dal marito, ma c’era già Stefano, visto che la madre lavorava, il bambino passava molto tempo col nonno….

Cresciuto, Stefano è diventato un bel ragazzo e molto ricercato dalle ragazze che cambiava in continuazione. C’è chi può…

Una svolta avvenne quando Stefano poco più che ventenne incontra una signora madre già di due figli e separata di 35 anni che si prende una sbandata per lui, non solo se lo porta in casa iniziando una vera relazione, ma riesce a rimanere incinta di Stefano, ma non per sbaglio, vuole un figlio da quel ragazzo per cui ha perso la testa.

Stefano all’inizio sembra felice, per poi dopo meno di un anno dalla nascita del figlio, finisce per scappare dalla donna, lasciandola nella disperazione, certo non sola, con tre figli piccoli non si è mai soli.

Stefano prima di scappare dalla madre di suo figlio, aveva già iniziato una nuova relazione ” Questa è la donna della mia vita ” parole testuali del ragazzo. Con la nuova donna era andato a convivere immediatamente.

La vita si sa è breve, e dopo meno di un anno aveva trovato un’altra ragazza, obbiettivamente meno carina dell’altra, ma molto simpatica, e giustamente è andato a convivere con la ragazza. ” questa è quella giusta” parola di Stefano.

Infatti era giusta ma per qualcun’altro.

L’ultima volta che ho visto Stefano era qualche anno fa ed era in compagnia dell’ennesima donna giusta della sua vita, almeno così diceva.

Il nonno nel frattempo è morto. Chi sa se avrebbe detto che era stato sfortunato col nipote come con le figlie , un nipote puttaniere… o ne sarebbe stato fiero?

Omo de panza omo de sostanza.

Ho un collega che ha la mia età, chiamato da tutti Pacciani per la rassomiglianza con Pietro Pacciani , considerato di essere il MOSTRO di Firenze, ma incredibilmente assolto, mentre i suoi complici in un altro processo sempre per lo stesso fatto sono stati condannati. In Italia la giustizia è un terno al lotto. Credo personalmente che se si usasse la monetina per decidere alla lunga sarebbe meglio. Il mostro di Firenze è uno dei più famosi casi di cronaca, 8 omicidi senza apparente motivo che sono avvenuti nella zona di Firenze dal 68 al 85,e se penso a tutte le cazzate dette dagli esperti è ancora più fenomenale. Hanno scritto decine di libri su questa storia.

Torniamo al mio collega Pacciani, ha uno sguardo che mette a chi non lo conosce almeno un po’ di apprensione , di notte paura. In realtà è una pasta d’uomo, gentile e volendo anche simpatico, ma la faccia è quella che è.

Ieri sera entrando nello spogliatoio l’ho trovato con le braghe calate con la canottiera tenuta su col mento, Il NOSTRO Pacciani è senza culo ,gambe sottili e la pancia enorme era in bella vista, uno spettacolo horror.

Il NOSTRO Pacciani non si è mai sposato, ma da qualche anno convive con una donna non italiana che faceva da badante alla madre, insieme alla donna si è preso in carico tutta la famiglia della donna , due o tre figli se non ho capito male, comunque mi sembra un equo scambio di favori.

Entrando nello spogliatoio e vedendo quello spettacolo mi è venuto fuori ” omo de panza omo de sostanza” detto romano.

” Cosa vuol dire? “mi ha chiesto, mentre si stava ricomponendo.

” Una volta c’era la fame e se uno aveva la pancia voleva dire che poteva mangiare e quindi aveva soldi” ho spiegato ” Non come adesso che la gente fa la fame per non ingrassare, sono cambiati i tempi ”

Il NOSTRO Pacciani ha sorriso, è ancora più inquietante quando sorride ” vero ” ha detto. Lui certo il problema di non ingrassare non se lo pone.

Ora pensavo alla sua compagna nel momento che devono copulare……

E se per la Terra il virus fossimo noi umani ?

La terra potrebbe aver deciso di combattere il virus che la distrugge , noi umani, con un altro virus che noi virus umani stiamo cercando di combattere, malamente ma cerchiamo di combattere.

La terra ha il diritto di difendersi da questa orda di balordi umani che la popolano e la stanno distruggendo.

L’ho già detto ma lo ripeto, siamo troppi, quasi otto miliardi e a breve raggiungeremo i dieci miliardi, la Terra ha il diritto di sterminarci.

In questi giorni si parla della variante indiana. In India sono 1 miliardo e 400 milioni di persone dal 2010 ad oggi anni più 200 milioni d persone , e ci stanno rompendo i cosi detti perché muoiono al giorno 2000 persone, condoglianze e solidarietà alle famiglie umanamente capisco, ma guardiamo la cosa in maniera distaccata, se ne morissero un milione al giorno per un anno, alla fine continuerebbero a essere sempre troppi, questo vale per la Cina e molti altri paesi.

Il problema in India oltre l’approvvigionamento delle bombole di ossigeno non ne hanno più, è anche l’approvvigionamento della legna per bruciare tutti i cadaveri , ormai lì i cadaveri li bruciano in mezzo alla strada non mi pare con grandissimi risultati, inoltre fanno cremature di gruppo per i troppi morti da smaltire.

Per loro fortuna la loro religione li aiuta a sopportare meglio questa tragedia, certo che si reincarnano tutti siamo da capo.

Io sono un cretino lo so, se no non scriverei queste cose, ma credo che l’uomo credendosi superiore a tutte le specie arrogandosi diritti che non ha, un bel bagno di umiltà non dovrebbe fargli male.

La terra non è infinita, lo dico ai coglioni degli economisti che predicano l’aumento del PIL all’infinito, come a tutti quelli che negano che la sovrappopolazione sia un problema, E’IL PROBLEMA NUMERO UNO. La Terra non ci sopporta più, già io nel mio piccolo faccio fatica a sopportare il prossimo, immagino la Terra dover sopportare 8 miliardi di arroganti e presuntuosi, tanto presuntuosi da immaginare di meritarsi l’immortalità.

Forse la Terra ha iniziato la sua personale battaglia contro il virus umano per la sua salvezza.

Suocera ha dichiarato guerra alle formiche, tutti arruolati.

Chi mi segue forse si ricorderà di suocera che aveva spruzzato l’insetticida in cucina…..

La battaglia continua, ora la guerra si è spostata anche all’aperto, milioni di formiche contro la suocera che indomita lotta con tutte le sue forze, l’altro giorno all’estremo delle sue forze ha chiesto aiuto ” siamo invasi ” ha detto “sono dappertutto”. Altro che gli ultracorpi di Endy

Come detto tutti arruolati compreso il sottoscritto, io sono stato assegnato all’approvvigionamento delle armi contro i nostri nemici.

Partito all’acquisto sono tornato con le migliori armi chimiche sul mercato, consigliato da esperti turchi e americani sono arrivato a casa con dei prodotti che dovrebbero dare un colpo definitivo al nostro nemico dichiarato: le formiche.

10 scatolette di esche per formiche, distruggono all’interno l’intera colonia, da posizionare nei punti strategici, a questo compito è stato assegnato a dolce consorte e suocera.

3 barattoli di insetticida in polvere. Il suocero è stato assegnato allo spargimento delle polveri tossiche lungo tutto il perimetro della casa, con la suocera come supervisore e urla all’indisciplinato suocero che veniva minacciato di severe punizioni se non faceva bene il suo compito.

2 Bombolette spray date a figlia che ha la vista buona, che doveva cercare le file e spruzzare e uccidere immediatamente i nostri nemici.

Guerra totale su tutti i fronti .

Mentre guardavo i soldati in battaglia ho chiesto alla mia sentinella Nontirare ” ma voi cani perché non mangiate le formiche? “” Non sanno di niente ” ha risposto “e ti lasciano con la fame” ha finito di dire. ” Ma se esiste il formichiere che è più grosso di una cane e vive mangiando formiche ” ho detto. a quel punto la grande idea, un formichiere da tenere in giardino e in casa al posto di Guardacomeseigrasso che mangia continuamente ma neanche una formica.

Sono andato in rete a vedere per curiosità . Li vendono veramente, ci sono dei pazzi che si li tengono in casa, secondo me molto meglio tenersi le formiche .

Testa d’Ananas vuol fare il motociclista

Al delirio (lavoro) l’impresa di pulizie ha assunto un ragazzotto di 20 anni circa, un ora e mezza al giorno sette euro l’ora, tolte le spese di andata e ritorno ci rimette.

Il ragazzo è simpatico, tipico ragazzo di oggi tatuato ovunque e con acconciatura ad ananas.

La forma della testa è a forma d’ ananas, i capelli castani biondi, ha rasato tutto il basso ed ha lasciato solo la parte in centro con i capelli che sparano in alto grazie a dei gel immagino, assomiglia ad un ananas.

Testa d’ananas come detto è simpatico e cerca di fare al meglio quello che gli hanno detto, va detto con scarsi risultati, ma è ancora all’inizio in casa sicuramente non ha mai usato ne scopa ne paletta.

L’altro giorno gli ho fatto la classica domanda che faccio a tutti i ragazzi che orbitano nella mia vita ” Ma cosa vorresti fare nella tua vita? ”

Il ragazzo che non brilla in intelligenza ” qualche ora in più di lavoro ” mi ha risposto. Lo capisco ma non era quello il senso del la domanda

“Lascia perdere l’impresa di pulizie, non penso che il tuo sogno della vita fosse pulire cessi, onorevole lavoro e di grandissima importanza , ma non riesco ad immaginarlo come scopo della vita. Qual’è il tuo sogno ?”

Testa d’Ananas mi ha guardato, ha spremuto le meningi si è visto ” il pilota di moto di grossa cilindrata ” mi ha risposto, spiazzandomi non poco.

Alla sua età normalmente sei già un campione o comunque sei già molto bravo, inoltre per fare il motociclista ci vogliono parecchi soldi. ” Ma tu corri in moto ? ” ho chiesto curioso ” No però mi piacerebbe è il mio sogno” ha risposto.

Nulla da dire, aveva risposto alla mia domanda. Il suo sogno è guidare una moto di grande cilindrata, nella vita vuole guidare moto di grossa cilindrata.

Spero per Testa d’Ananas che l’impresa di pulizia gli aumenti le ore.

Se invece di comprala la moto di grossa cilindrata, l’affitta non dovrebbe essere così difficile raggiungere il suo sogno.

Chiave maledetta, maledetta chiave

Finito delirio (lavoro) timbrato cerco le chiavi della moto e non le trovo…..

Chi mi segue sa che ho un brutto rapporto con le chiavi, le perdo, le dimentico non le trovo…

Ieri sera avevo due giacche, quella della moto e quella del lavoro, entrambe con un mucchio di tasche esterne ed interne, almeno 16 in tutto.

il collega balordo mi guarda divertito è abituato alla mia ricerca delle chiavi. ” Non le trovo” dico ” Guarda meglio ” mi dice. Comincio a palparmi per sentire in quale punto ho la chiave, nulla, comincio a cercare tasca per tasca niente, di chiave neanche l’ombra, intanto ne approfitto per svuotare le tasche di tutte le cose inutili : 6 mascherine usate anti covid, quattro fazzoletti di carta usati non si sa mai che servano. 20 scontrini, tre bocconcini per Nontirare, una decina di monete, ma delle chiavi della moto non c’è traccia.

Ritorno nello spogliatoio, nulla, vado dalla macchinetta dal caffè, nulla, negli uffici, nulla.

Io e il collega balordo dobbiamo chiudere insieme, mi segue e cerca le chiavi con me, senza risultato.

” Ti porto a casa io ” dice, nel frattempo è arrivata la moglie del collega balordo. Mi dispiace abitano da tutt’altra parte ” chiamo figlia” dico,mentre continuo a cercare disperatamente nelle 16 tasche senza trovare nulla.

Il dubbio di averle messe nel sellino col casco è già successo, il guaio che non ho una chiave di riserva a casa, tento di scassinare il sellino senza apprezzabili risultati.

il collega balordo e la moglie mi convincono a portarmi a casa..

Salgo, mi dispiace devono perdere quasi un ora dietro me , mentre andiamo continuo a cercare disperatamente, nella giacca della moto c’è un buchino, forse è finita lì dentro, squarcio la tasca e cerco, improvvisamente le sento, non sono dentro il buco della tasca, ma lì in zona. ” trovate” urlo abbiamo fatto un chilometro al massimo.

Il collega mette la freccia e gira, sento le chiavi ma non so come prenderle, ma ora almeno so che sono nella giacca della moto.

Arrivati non riesco a trovare il sistema di tirare fuori le chiavi, sono ormai pronto a rompere la fodera, quando la moglie del collega dice “fammi guardare a me ” guarda e trova un’ennesima tasca piccolina con cerniera che non sapevo di avere , vicino alla tasca principale , dove ci sta appunto dentro al massimo una chiave …..

Sorride e tira fuori le chiavi. ” meglio così ” dice.

Continuo a ringraziarli , salgo in moto e torno casa, e penso ai folletti che si divertono a nasconderti le cose per divertimento, per poi fartele ritrovare esattamente dove le avevi già cercate 100 volte.

Dimenticavo ho almeno 17 e non 16 tasche tra le due giacche.

Suocera al secondo tentavo è riuscita ad allagare tutta la casa.

Ieri sera quando sono tornato dal delirio (lavoro ) ho incontrato Guardacomeseigrasso (gatto) e Nontirare (cane) che ridevano come dei matti. ” Un lago credimi, in sala c’era un lago, ho fatto un sonnellino e quando mi sono svegliato era tutto un lago ” raccontava Guardacomeseigrasso “dovevo uscire a pisciare e non c’era nessuno e in più c’era acqua da tutte le parti, poi arrivata suocera ed ha cominciato a gridare “o mio Dio o mio Dio” quindi è arrivato suocero, che è andato via subito, e poi è arrivata figlia, a quel punto con la porta d’ingresso aperta l’acqua è diminuita ed io sono scappato dalla porta aperta” ” Potevi farti un bagno è divertente correre nell’acqua ” ha detto Nontirare ” Sono un gatto, non un cane pirla come te, i gatti non amano l’acqua. ”

Avevo delle scatole da portare in casa, e poi sarei sceso da suocera a vedere , quando mi arriva incontro figlia ” Che giornataccia, la nonna ha lasciato l’acqua del di bidè aperta, aveva messo a bagno dei fazzoletti, il nonno l’ha chiamata, e invece che aspettare e chiudere il rubinetto, è andata dal nonno, poi sono usciti e si è dimenticata il rubinetto aperto , quando è rientrata due dita d’acqua da tutte le parti, che giornataccia, 4 ore ad asciugare per terra.”

La cosa fa ridere, perché il giorno prima dolce consorte era andata in bagno da suocera ed aveva scoperto lo stesso fatto , c’era il bidè pieno di acqua che aveva cominciato a tracimare e il rubinetto aperto.

Direte la vecchia ? No l’ha sempre fatto. Pentole bruciate, rubinetti aperti sono all’ordine del giorno, suocera inizia una cosa e poi ne inizia un’altra e si scorda della prima.

Una volta ha allagato tutto il pollaio , suocera si è dimenticata di chiudere l’acqua con cui riempiva le vaschette per le galline, tutte le galline in alto e preoccupate di non affogare.

Figlia non ha chiamato rinforzi perché suocera era già demoralizzata di suo, il doversi giustificare spiegare avrebbe peggiorato le cose. Alla fine figlia ha detto che è stato divertente, che ha passato il pomeriggio con la nonna come da tempo non succedeva ed hanno parlato tanto, oltre che lavorato tanto , e che alla fine anche la suocera rideva ” La smetterà tua madre di dire che devo lavare il pavimento, ora è lavato. ” Ha detto ridendo. (dolce consorte vuol far venire una donna delle pulizie qualche ora alla settimana ma suocera si oppone fermamente.)

Il suocero ” così smetterà di dire che quello rimbambito sono io ” diceva soddisfatto ” la colpa è tua ” contrattaccava suocera ” Se non mi chiamavi non succedeva ” ha ribattuto ” rimbambito che non sei altro, non sei neanche più capace di allacciarti le scarpe senza di me ” ha finito di dire ridendo, ma anche il suocero sorrideva, seduto in sala a guardarsi la tv stando attento a non bagnarsi i piedi.

Cercasi colpevole

E’ successo, tutti sapevano che sarebbe successo, era solo questione di tempo, e l’altro ieri è successo.

Al delirio (lavoro) si sta cercando il colpevole.

Al delirio si erano raccomandati ” state attenti, mi raccomando fate attenzione “. Ma si sapeva che erano appelli che sarebbero caduti nel vuoto, infatti, il danno ieri era ben visibile a tutti, non il colpevole.

L’azienda è partita alla caccia del colpevole, dopo aver chiesto a tutti, nessuno ha confessato, nessuno era stato a creare il danno. Quelli del turno della mattina davano la colpa a quelli del turno del pomeriggio, nella realtà quasi tutti avevano pensato al collega balordo già visto trasgredire le raccomandazioni. Però per fortuna del collega balordo a quel punto scoppiava la guerra capeggiata dal sottoscritto (il collega balordo era sotto choc e non sapeva come dimostrare la sua innocenza ) che senza mezze misure insultava quelli del turno della mattina , ricostruiva i fatti e dimostrava senza dubbi che il danno era avvenuto al mattino, di più, pretendevo visto che ci sono le telecamere di andare a vedere chi era il colpevole.

Il capo sa che sa va chiedere di vedere le immagini, il pirla che ha fatto il danno rischia grosso, la questione passa di mano, e poi chi decide la punizione non è certo più lui, quindi cercava di prendere tempo. Il collega balordo all’idea che c’era la telecamera tirava un sospiro di sollievo e prendeva coraggio e a quel punto pretendeva che si andasse a vedere il video. Vista la nostra risolutezza nel voler vedere il video, il collega balordo è stato scagionato, io non ero stato neanche preso in considerazione, questo in dubbio mi ha fatto piacere.

La mia soluzione è di mettere in bacheca un cartello, dando al pirla 24 ore per confessare…..

PS Che sarebbe successo prima o poi era sicuro, la colpa vera del pirla è solo quello di non aver avvisato.

Il momento del belinone capita a tutti, però al delirio è la normalità che fa eccezione.