Quando Bubu si è tagliato la barba per far colpo su una ragazza. Storia finita malissimo.( per Bubu)

Il nome Bubu a seconda di alcune interpretazioni derivava: La prima. Dal fatto che quando iniziava a parlare balbettava o meglio ripeteva due volte le prime due lettere Buio diventava bu buio. Dopo non aveva più difficoltà.

La seconda dicevano alcuni che nella voce somigliasse all’orsetto Bubu l’amico dell’orso Yoghi.

Sta di fatto che tutti lo chiamavamo così, il suo vero nome non lo ricordo-

Bubu viveva nel nostro entroterra ma veniva in spiaggia lì da noi. Non che sia mai entrato nella nostra compagnia ma era conosciuto a tutti e con tutti aveva buoni rapporti soprattutto con un mio caro amico con cui faceva coppia per andare a tirare camole alle turiste.

Bubu aveva qualche anno più di me ai quei tempi io avevo circa vent’anni.

Bubu aveva una bella barba nera ben tenuta, nessuno si ricordava di averlo mai visto senza estate o in inverno che fosse.

Bubu era famoso per il ” mi ha puntato” che significava che la ragazza l’aveva guardato con interesse., quindi si ci poteva provare. Comunque va detto a sua difesa che la sua carriera di conquistatore era stata suggellata da ottimi successi.

Il mi ha puntato era diventato un tormentone nella compagnia, chiaramente era usato per prendere in giro. “Ti ha puntato la biondina” si diceva all’amico a fianco anche se non era assolutamente vero.

Bubu eravamo ad agosto si era preso la cotta per una, che chiaramente l’aveva puntato, fatto conoscenza la ragazza gli aveva detto che a lei la barba non piaceva e quindi di sapersi regolare….

Bubu era abbronzatissimo e quando il giorno dopo è arrivato sbarbato, è stato il finimondo. Nero dappertutto e con il viso bianco, e con la faccia da pirla che la barba copriva.

Ora prenderlo per il culo è stato un attimo per tutti compreso il sottoscritto , anche non volendo guardandolo ridevi.

Ora credo che Bubu abbia capito subito la cazzata che aveva fatto a tagliarsi la barba ad agosto e a venire al mare conciato così. Ma si sa per le donne si fa questo e altro.

Il risultato è che la ragazza non è uscita con lui senza barba aveva veramente la faccia troppo da scemo-

Sta di fatto che per almeno una settimana è sparito e quando è tornato aveva di nuovo la sua barbetta.

Dopo che mi sono sposato non l’ho mai più visto nemmeno in giro, chissà che fine ha fatto?

Sicuramente qualcuna l’avrà puntato …. certo è che la barba non se l’è più tagliata-

Ieri sera ho fatto colpo” Sembri più intelligente” mi hanno detto. Si riferivano al mio volto con barba e baffi.

Ora se non fosse successo questo fatto ,che ora racconterò nei particolari non vi avrei informato che mi sto lasciando crescere oltre i baffi anche la barba, anche perché penso non freghi niente a nessuno.

Approfittando della malattia di dolce consorte ha sempre la febbre altissima 37 meno tre e un gran raffreddore quello si, ho deciso di non tagliarmi la barba, dolce consorte pensando alla sua malattia è meno attenta al sottoscritto-

Ieri si è accorta che non mi ero fatto la barba. ” quando la tagli? ” mi ha chiesto, a lei non piace ” in primavera” ho risposto.

In realtà non lo so ancora prima devo vedere come sto e soprattutto se mi piaccio.

Ma torniamo a ieri sera. Al delirio (lavoro) uno esterno ma che viene spesso, notoriamente gay non fa nulla per nasconderlo anzi cammina sculettando, e la sua voce non lascia dubbi, tanto per intenderci uguale al protagonista del film il Vizietto. Eravamo lì al delirio quando mi ha chiesto una cosa e mi ha guardato in viso e gli si sono illuminati gli occhi ed ha sorriso ” Sembri più intelligente ” mi ha detto.

Ora lo so detta così potrebbe sembrare anche un insulto, ma voleva essere un complimento. Non è italiano e non ha dimestichezza con la lingua almeno nel parlare italiano.

“Sto meglio con barba e baffi ? ” ho chiesto ” molto ” mi ha risposto sorridendo . Ho fatto colpo.

In realtà con i baffi ho fatto colpo anche su una collega che sostiene che sto benissimo.

Stamattina dolce consorte è tornata alla carica ” quando hai detto che ti tagli la barba ?” Mi ha richiesto.

Figlia dice che mi sta bene e che sembro ancora più maschio.

Ora vediamo quanto rompe dolce consorte appena sta meglio e poi decido se tenerla o no la barba.

Non sono io ma più o meno così.

Clamoroso arresto di un malato terminale. Portato via con le flebo nel braccio. Se aspettavano ancora sei mesi l’arrestavano mentre lo trasportavano al camposanto.

Matteo Messina Denaro, la malattia e la metastasi 

Secondo quanto reso noto il boss era stato operato due anni fa. Quando la malattia si è ripresentata con la metastasi al fegato è stato nuovamente operato e attualmente è in trattamento con la chemioterapia. Da profano sei mesi di vita. se gli va bene o male a seconda dei punti di vista.

. Nel caso di Matteo Messina Denaro, per il quale si parla di tumore del colon con metastasi epatiche, si tratta di una malattia avanzata dove le possibilità di cura sono scarse”. Lo ha spiegato ieri all’agenzia Dire Bruno Annibale, professore ordinario di gastroenterologia, direttore Uoc malattie apparato digerente e fegato dell’Ospedale Universitario Sant’Andrea Sapienza di Roma e presidente della Società italiana di gastroenterologia ed endoscopia digestiva (Sige).

Accertato che è un malato terminale, meglio sei mesi di carcere che niente. Ma tutto questo gioire mi sembra ingiustificato.

Che un malato terminale parli mi sembra improbabile, per convincerlo cosa gli propongono altri sei mesi di vita o solo vent’anni di carcere ?

La vergogna è che non viveva nascosto in chi sa quale parte del mondo ma a casa sua. Si faceva foto con il dottore e gli altri malati e dava il suo numero di telefono alla faccia delle intercettazioni come è ben documentato

Da mafioso ( scherzo) i giochi sono già fatti e c’è già il suo erede.

 Tra i boss che potrebbero ereditare il potere criminale ci sarebbe Giovanni Motisi detto il Pacchione (il grasso), “capomafia del mandamento di Pagliarelli, latitante dal 1998”, si legge nell’articolo, ricercato per omicidi e strage, già “«killer di fiducia» di Totò Riina”. Ma anche Stefano Fidanzati, 70 anni, della famiglia di narcotrafficanti dei Fidanzati dell’Arenella, Giuseppe Auteri detto Vassoio, anche lui latitante e “cresciuto all’ombra del boss Calogero Lo Presti”, e Sandro Capizzi, rampollo del boss Benedetto Capizzi del clan di Santa Maria di Gesù.

Guardacomeseigrasso (gatto) che guarda la televisione con suocera tifa per il Pacchione (il grasso) dice che gli è simpatico. Latitante solo da 24 anni. Che paese di leggere

Questo ha indubbiamente la faccia da simpatico potrebbe fare il fruttivendolo invece fa il macellaio.

PS Nella perquisizione della casa di Denaro chiaramente non è stato trovato nulla utile alle indagini.

Vestiti costosi come diceva quella pseudo giornalista biondina su rai tre e profumi costosi, come se fosse un reato grave.

Ma la cosa importante è il viagra trovato. Anche in fin di vita non voleva rinunciare a una bella scopata. Questo è il grande messaggio che lascia. Non fate la guerra fate l’amore.

Nontirare(cane) è ingrassata ma si rifiuta di stare a dieta. Guardacomeseigrasso(gatto) sorride sornione e la prende in giro.

Ho provato a mettere a dieta Nontirare, sono andato da suocera e le ho detto che deve smetterla di darle da mangiare che mi diventa come Guardacomeseigrasso. Il quale nega di mangiare tanto, che il suo è metabolismo esattamente quello che dice suocera e che comincia a sostenere anche Nontirare.

Nontirare è da qualche mese che ha una fame famelica non fa altro che cercare cibo.

Se non sto attento si mangia anche il pastone delle galline ” fa bene ed è un piatto vegetariano ” mi dice.

Quando andiamo in giro mangia qualsiasi schifezza che trova. Vero che Nontirare non è un cane da salotto e le sue origini devono derivare dai lupi ma secondo me esagera.

I lupi mangiano tanto perché non sanno quando avranno il prossimo pasto, Nontirare mangia 18 volte al giorno da quando è con noi.

Sta di fatto che è ingrassata.

Nontirare sostiene che è colpa del metabolismo” ad una certa età cambia e io volendo o no non sono più una giovincella. Poi è inverno e si da d’inverno si mangia tutti di più, il grasso aiuta con il freddo e da quando spengi la calderina la notte io ho più freddo.” ha cercato di spiegarmi ” lascia la calderina accesa che io mangio di meno” ha finito di dire.

Guardacomeseigrasso la guardava divertito ” Ti chiameremo Settepancie, guarda lì come balla ” le ha detto ridendo. La vendetta è un piatto che va servito freddo “Settepancie a chi? avrò si o no un paio di kg di troppo” ha risposto.

Ad un paio di kg Guardacomeseigrasso che era sul tavolo ha cominciato a scompisciarsi dal ridere cadendo dal tavolo.”

“Settepancie sembri incinta di 12 cagnolini “le ha detto ridendo.

Dieta ferrea per almeno un mese

PS Non è Nontirare ma la pancia è simile.

La colpa per questo pezzo è sempre di figlia. Articolo sulla sua passione per il ballo.

Chi mi segue sa che figlia ha la passione per il ballo. Il ballo di coppia per essere precisi.

Certo da ragazzina ha ballato un po’ di tutto per poi decidere che il ballo di coppia era quello che lei amava.

Prima i caraibici da non confondersi con il latino americano si offendono se li confondi. Poi era passata al tango e quindi è tornata ai caraibici.

Il livello era alto, nel tango è mancato poco che diventasse una professionista.

Ieri è arrivata con il video dei campioni del mondo di tango escenario 2022

Ora per chi non le conoscesse le musiche del tango generalmente fanno cagare anche quelle dei caraibici ma mai come quelle del tango. Lo dico con cognizione di causa vi garantisco di averne sentita parecchie di canzoni.

Figlia lo sa e cerca di non angustiarmi più con quella musica, ma ogni tanto arriva con qualche video.

Il video è molto bello i due sono bravissimi e la musica non fa cagare. Il secondo il terzo erano bravissimi anche loro ma la musica….

I due sono perfetti bellissimi da vedere.

Ora figlia vorrebbe convincere il fidanzato a provare il tango, il ragazzo per il momento si è rifiutato per via della musica non gli piace, lo capisco. Certo poi balla i caraibici e l’afro e lì lo capisco meno.

Figlia nel frattempo è tornata a fare da assistente e insegna i caraibici e poi lo zumba per fare un favore alla scuola. Sulla musica dello zumba c’è parere unanime fa cagare tutti.

Ora figlia ci terrebbe che guardaste il video. Per le donne c’è un bell’uomo e per gli uomini una bella donna e sono veramente fantastici da vedere. Quello che fanno è difficilissimo anche se apparentemente potrebbe non sembrare visto la loro bravura.

Aiuto, dolce consorte è malata se figlia quando sta male è due palle con dolce consorte con le palle ci posso fare l’albero di Natale.

Dolce consorte sta malissimo ha il raffreddore e la febbre a 37 e 1.

Ha voluto fare anche il tampone, o meglio ha voluto che le facessi il tampone, negativo fortunatamente per tutti.

Dolce consorte appena sta male allerta il mondo intero compreso il dottore di famiglia che è un suo amico e che non la può mandarla a spigolare.

Ieri sera è arrivata a casa ben munita di medicine ai primi sintomi aveva allertato l’amico dottore.

Ma i fumenti sono il forte di dolce consorte quando ha il raffreddore. Il raffreddore non passa ma la pelle del viso viene pulita perfettamente da tutte le impurità.

Ieri le ho proposto il fumento all’aceto, si sa che l’aceto può servire per disgorgare i lavandini” con il naso può fare miracoli ” le ho detto. Nulla, quelli inutili col sale e bicarbonato ha voluto fare.

Le avevo proposto anche due annusate alla candeggina, ero sicuro che il naso si sarebbe liberato.

Ora l’intero pianeta si divide in due opposti schieramenti quando si ha il raffreddore: quelli che si soffiano il naso continuamente e danno fastidio all’altra categoria a quelli che tirano su il mucco , che chiaramente infastidiscono quelli che se lo soffiano.

Io faccio parte di quelli che hanno ragione e tirano su.

Per figlia hanno abbattuto almeno 10 alberi per quanti fazzoletti ha usato, per dolce consorte almeno il doppio. Tirare su il muco è molto più ambientalista oltre che pratico.

Ora dolce consorte non lo sopporta ma io da buon ambientalista me ne frego.

Invece mi irrito al suo continuo soffiare soprattutto alla notte mentre cerco di dormire, sembra un mago che continua a tirare fuori qualcosa dal cilindro.

Speriamo che guarisca presto se ci sono novità vi avviso.

PS E’ in sala che soffia.

Eliminare l’insegnamento del corsivo alle elementari.

Figlia mi raccontava che in Inghilterra hanno smesso d’insegnare il corsivo alle elementari. La cosa mi colpiva particolarmente, vuoi che per me è stato un incubo imparare non tanto scrivere ma scrivere in modo che gli altri capissero quello che avevo scritto. Io scrivevo in geroglificese.

Sarò sincero anche per me leggere quello che avevo scritto soprattutto in corsivo diventava difficile.

Oltre che l’Inghilterra Finlandia e Stati Uniti hanno deciso per l’abolizione.

I motivi sono : I libri sono scritti in stampatello, la tastiera del pc e telefonini sono in stampatello e per insegnare il corsivo per gli insegnanti ci vuole molto più tempo, soprattutto se incontravano alunni come me.

Ora diciamoci la verità ma chi è quel coglione che ha inventato la

in corsivo? Per non parlare di quel demente con la

? E la

brutto pezzo di merda ? Metteteci il maiuscolo e minuscolo una vera tortura

Quante sofferenze in meno avrei patito se fossimo partiti subito dallo stampatello.

Mi sono domandato da quanti anni è che non scrivo più in corsivo ?

Faccio parte di quelli che si portano dietro un foglio con penna e scrivo ancora le cazzate che mi passano per la mente, sempre in stampatello se voglio decifrarle quando arrivo a casa.

40 anni come minimo che non scrivo in corsivo.

La mia idea è di non insegnare subito al primo anno dell’elementari il corsivo, soprattutto ai poveri bambini come me non particolarmente dotati , ma di aspettare almeno un anno e partire invece subito con lo stampatello. Quanti patimenti in meno avrei subito con ste cazzo di cazzo che sono anche mute.

Storia di amore e di poesia. Articolo voluto da figlia quindi la colpa è sua. Pedro Salinas e Katherine Reding.

Sarò sincero fino a due giorni fa non sapevo chi fossero questi due.

Pedro è un grandissimo poeta Katherine la sua musa. Un saluto ad Endorsum sparita nel nulla senza neanche un ciao. ( per chi non la conoscesse aveva fatto una rubrica sulle muse e molto altro)

La loro storia è da film

Lui, poeta, critico, padre, marito di Margarita, sta tenendo una lezione all’Università. Lei, giovane professoressa americana in visita in Spagna per studiare la letteratura che tanto ama, arriva in ritardo a lezione e si siede in fondo all’aula. Ma Pedro la nota. E si innamora, subito. Un colpo di fulmine. Di quelli che fanno dimenticare il dove, il come, il quando.

La invita a pranzo, e poi a passeggiare, e a scoprire la città, e a visitare i musei. E più si incontrano, più si conoscono, più si innamorano, più si mancano.

Come vedete la trama per un bel romanzo d’amore ci sono tutte.

Alla fine dell’estate Katherine torna in America, Pedro resta in Spagna, con la sua famiglia.

Si scrivono lettere, si spediscono foto, cartoline, telegrammi. Il loro amore è vero, è puro, è potente, è oltre. Oltre le distanze, oltre la paura di perdersi, oltre il non potersi vivere. Oltre Katherine, oltre Pedro.

Katherine è la musa, la salvezza, il faro in un mare in tempesta. Una fiamma che non si consuma, ma che li consuma, poco a poco, senza che se ne rendano conto.

Figlia è rapita da questa storia. Lei conosceva una poesia di Pedro e se ne era innamorata.

Il modo tuo d’amare
è lasciare che io t’ami.
Il sì con cui ti abbandoni
è il silenzio. I tuoi baci
sono offrirmi le labbra
perché io le baci.
Mai parole e abbracci
mi diranno che esistevi
e mi hai amato: mai.
Me lo dicono fogli bianchi,
mappe, telefoni, presagi;
tu, no

E sto abbracciato a te
senza chiederti nulla, per timore
che non sia vero
che tu vivi e mi ami.
E sto abbracciato a te
senza guardare e senza toccarti.
Non debba mai scoprire
con domande, con carezze,
quella solitudine immensa
d’amarti solo io

Il tuo modo d’amare è una delle 70 poesie che gli dedica.

Nel 1933 Pedro pubblica “La voz a ti debida”, una raccolta di 70 poesie, tutte dedicate a Katherine e al loro amore. Un amore che è ricerca di sé e dell’altro, di sé nell’altro e dell’altro in sé. Un amore che è ricordo, è contatto, è tempo che scorre, è distanza, è sogno, è illusione di possedersi, è ansia di perdersi, è brama di incontrarsi, è respiro, è ombra. Un amore che si nutre e si consuma nel dolore, nella gioia, nel dubbio, nel bacio.

Tutto bello e poetico solo che quando la moglie del poeta scopre la cosa, certo che se uno pubblica un libro è difficile che la cosa rimanga segreta, tenta il suicidio.

Nel 1934 Margarita, la moglie di Pedro, tenta il suicidio e si salva per miracolo. Katherine non ce la fa, non può reggere il peso della distanza, né quello della responsabilità. Da quel momento “niente fu più lo stesso”, scrive Katherine, “la commozione mi riportò alla realtà. Mi resi conto della natura della nostra relazione e mi sentii in colpa. Stavo facendo del male ad altri.”

Ora qui si vede il modo di pensare di un uomo e di una donna e le loro reazioni. Lui è poeta ma un po’ stronzo va riconosciuto.

Non c’era più equilibrio in quell’amore senza luogo e senza tempo. E mentre Pedro sembrava non intravedere alcun motivo per chiudere quella relazione, dal momento che Margarita era sopravvissuta e Katherine era “su musa, su amor, su gran pasión”, necessaria tanto quanto la sua famiglia, per lei, per Katherine, quella era evidentemente la fine. Quell’amore, seppur vero e forte, la incatenava.

Il poche parole lo lascia e non risponderà più alle sue lettere che invece lui continuerà a mandarle

Conosce Brewer Whitmore, un uomo più grande di lei, vedovo e con un passato simile al suo. Gli racconta di Pedro, del loro amore impossibile, dei suoi studi, della Spagna. Lui la ascolta e la comprende. Si sposano e vivono sereni fino alla morte di lui, nel 1943.

Ma i nostri protagonisti s’incontreranno ancora una volta

Si incontrano per l’ultima volta a Northampton nella primavera del 1951, pochi mesi prima della morte di Pedro: “Avevo sempre conservato in me la speranza che un giorno avrebbe capito perché dovetti rompere con lui. Così glielo chiesi un’altra volta. (…) Mi guardò con tristezza e mi rispose: «No, la verità è che no[n lo capisco]. Un’altra donna, al tuo posto, si sarebbe considerata molto fortunata».”

Fortunata. Quale donna non si considererebbe fortunata se ricevesse dichiarazioni d’amore in versi, se fosse la musa ispiratrice di ben tre raccolte di poesie, se sapesse di essere l’oggetto del desiderio di un uomo?

Ma forse è proprio questo il punto: Katherine sapeva di essere desiderata, sapeva di essere fortunata per questo. Ma si sentì mai amata?

Ora figlia era emozionata a raccontarmi questa storia.

Credo personalmente che a volte l’amore vado oltre tutto e capisco il buon Pedro, ma capisco anche Katherine che aveva bisogno anche di altro…..

Ma figlia vuole che sentiate questa poesia recitata da questo attore un gran bel ragazzo.

Io non capisco lo spagnolo ma conoscendo la poesia è difficile che una ti resista se gli declami una poesia d’amore così bella in questa maniera . Lui è bravissimo e capisco figlia per il suo entusiasmo.

Tratto il tutto dall’articolo di Odysseo navigatori della conoscenza che ringrazio.

Figlia malata e gli acquisti in rete. Su quattro acquisti tre resi. Su una gonna acquistata non la vogliono nemmeno indietro gli ridanno i soldi e va bene così.

Figlia malata è un problema , presa da depressione si è messa a fare acquisti in rete.

Ieri sono arrivati ben 4 pacchi tutti nel pomeriggio. Sono a casa a potare le piante.

Figlia si è data alle pazze spese, depressa in casa con l’influenza che non passa per risollevarsi il morale si è dilettata a degli acquisti di abbigliamento.

Il primo pacco è arrivato ieri nel primo pomeriggio ma doveva arrivare oggi secondo i messaggi ricevuti da figlia.

Nontirare (cane) che fa bene il suo mestiere di cane da guardia ha cominciato a minacciare il corriere ” Non entrare che ti mordo, prima suona il campanello pirla che non sei altro” gli stava dicendo quando sono arrivato, gli era antipatico.

Il corriere mi ha mollato un pacchetto ed è andato via.

Figlia sentendo Nontirare minacciare era uscita sul balcone a vedere chi c’era.

Avevo il pacchetto in mano ” cos’è ? ” ho chiesto “Che ne so ce l’hai tu il pacchetto in mano ” ha risposto. “Abbigliamento ho risposto” ” Lancia ” è stata la sua risposta.

Poco dopo un altro furgone si è fermato. Nontirare è tornata alla carica ” Fermo non entrare che ti mordo, ma che cazzo non lo vedete il campanello ? ” gli stava dicendo quando sono arrivato per la seconda volta. Anche questo corriere mi ha mollato il pacchetto ed è andato via.

Figlia era sul balcone attirata da Nontirare.

” Tira ” mi ha detto.

Pensavo che fosse finita lì quando poco dopo è arrivato un altro furgone. Nontirare è ripartito alla carica” Ma vi prendono tutti pirla che non vedete il campanello, non entrare che ti mordo” gli stava dicendo al ragazzo che voleva entrare per consegnare il pacco. Al mio arrivo mi ha mollato anche lui il pacco ed è andato via.

Figlia era sempre sul terrazzo allertata da Nontirare

Anche questo pacco doveva arrivare domani ha detto figlia. Lanciato il pacco a figlia sono tornato alla potatura. Nontirare ” ma non esagera con gli acquisti figlia?” mi ha chiesto ” è malata le donne si curano così” ho risposto.

Non è arrivato il quarto pacco.

Nontirare si era u po’stufata di questo andi e rivieni ed è andata di controvoglia dal cancello ” ma uno furbo non c’è ?” ha detto, ma non ha fatto in tempo a minacciare perché ero già lì.

Consegnato il quarto pacco sono andato da figlia che era sul balcone ed aspettava il lancio “Basta per oggi non arriva più niente ” ha detto sorridendo. La cura ha conciato a fare effetto.

Ora figlia compra solo da ditte famose dove c’è il reso. Non sto qui a fare pubblicità.

Ora sulla prima consegna si sono sbagliati clamorosamente, figlia usa la smile

Quella nera sotto è la gonna che hanno mandato, quella sopra è la misura di figlia.

Nella gonna sotto ci stanno figlia e dolce consorte insieme, forse va bene a suocera è una xx large anche se sull’etichetta sarebbe un smile.

Contatta l’azienda le hanno risposto che le sarebbero stati restituiti i soldi e che il reso non era necessario di tenersela pure.

Di tutti gli acquisti della giornata solo uno andava bene per il resto c’era il reso. Ha tempo Nontirare ad abbaiare ai corrieri.

La fortuna di essere le galline di Allegro. Dolce consorte e la voglia di mangiare gallina ripiena.

Lunedì a Report è stato trasmessa l’ennesima inchiesta sui polli, non degli italiani che credono alle minchiate dei politici, ma proprio dei polli.

L’ennesima inchiesta che dimostra dei maltrattamenti subiti dagli animali d’allevamento, inoltre questi polli dovevano essere bio ,venduti avrebbero avuto il certificato, ma di bio non avevano niente visto i filmati fatti di nascosto.

Il finale del servizio dimostrava l’assurdità di questo paese , 400 000 polli allevati illegalmente ma che il giudice non sequestrava perché chiaramente non sapeva dove metterli. Erano in 4 capannoni strapieni.
Dolce consorte ha più volte espresso il desiderio di mangiare una gallina bollita ripiena come si faceva ai tempi che delle galline si prendeva cura suocero, che d’inverno quando la necessità delle uova era minore ( lui le vendeva in grosse quantità ) le galline più vecchie facevano una brutta fine per la gioia della famiglia compresa figlia.

Da quando suocero si è rimbambito e l’unico uccello che riesce a prendere è il suo e anche quello anche con difficoltà le galline muoiono di vecchiaia.

A differenza di suocero che le teneva imprigionate, quando sono a casa e non girono i cani di cognato io io io le galline possono stare fuori dal pallaio.

Da quando ha preso il comando gallin Giorgia devo ammettere che c’è più ordine, ai tempi del comando di Alcatraz era anarchia assoluta e tutte facevano quello che volevano.

Con Gallin Giorgia preso gli accordi di dove possono o non possono andare le galline razzolano tranquille senza scagazzare ovunque. Ora che sto potando mi seguono e stanno sempre nei dintorni.

Durante il servizio di report dolce consorte ha fatto un’amara constatazione ” le galline d’allevamento è meglio non mangiarle, le tue è vietato, ma per mangiare una gallina farcita come sa fare mia madre cosa bisogna fare?”

Personalmente la gallina farcita a me non piaceva neanche quando non ero vegetariano Sicuramente le mie non si toccano.

Le galline felici di Allegro

Desiderio di dolce consorte che non realizzerò.