Quinto e per sfortuna ultimo quesito referendario quello sulla legge Severino. I referendum che avrebbero portato le persone alle urne sono stati incredibilmente bocciati senza nessuna ragione logica. Questo è un un paese dove i poteri forti fanno quello che vogliono altro che paese democratico. I referendum per l’eutanasia e sulla cannabis sono stati dichiarati inammissibili, mentre questi praticamente incomprensibili ammessi.

Il solo fatto di essere stata fatto durante il governo Monti non depone a suo favore. se consideriamo che si rifà ad una legge fatta da un governo Berlusconi, fatta da Angelino Alfano detto danno allo stato puro, sparito fortunatamente dalla politica italiana si capisce che una gran legge non dev’essere, ma……..

IL QUESITO «Volete voi che sia abrogato il Decreto Legislativo 31 dicembre 2012, n. 235 (Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi, a norma dell’articolo 1, comma 63, della legge 6 novembre 2012, n. 190)?»

Che cosa prevede la legge Severino? Il decreto legislativo che porta la firma dell’ex ministro della Giustizia Paola Severino prevede incandidabilità, ineleggibilità e decadenza automatica per i parlamentari, per i rappresentanti di governo, per i consiglieri regionali, per i sindaci e per gli amministratori locali in caso di condanna. Ha valore retroattivo e prevede, anche a nomina avvenuta regolarmente, la sospensione di una carica comunale, regionale e parlamentare se la condanna avviene dopo la nomina del soggetto in questione. Per coloro che sono in carica in un ente territoriale basta anche una condanna in primo grado non definitiva per l’attuazione della sospensione, che può durare per un periodo massimo di 18 mesi.

Ora è palese che è una CAZZATA MOSTRUOSA che per quelli che sono in carica in un ente territoriale (sindaci per fare un esempio) basti un primo grado mentre a livello nazionale (parlamentari ) ce ne vogliano quattordici e la scomunica del Papa.

Che cosa succede se vince il SI? Con il sì viene abrogato il decreto e si cancella così l’automatismo: si restituisce ai giudici la facoltà di decidere, di volta in volta, se, in caso di condanna, occorra applicare o meno anche l’interdizione dai pubblici uffici.

Di male in peggio, lasciare decidere a dei giudici magari politicamente schierati non mi sembra un’idea geniale .

Per quanto mi concerne se condannati definitivamente si va a fare dell’altro.

Voterò No visto che a qualcosa la legge è servita , esempio a tenere lontano Berlusconi per qualche tempo dal parlamento prima che un giudice decidesse la riabilitazione dopo i lavori sociali, dove Silvio andava una volta alla settimana a raccontare barzellette in un ricovero per anziani. ( Pese di ridicoli)

Giudici o politici e non si sa cosa sia peggio.

Comunque la pensiate buon voto a tutti.

4 pensieri riguardo “Quinto e per sfortuna ultimo quesito referendario quello sulla legge Severino. I referendum che avrebbero portato le persone alle urne sono stati incredibilmente bocciati senza nessuna ragione logica. Questo è un un paese dove i poteri forti fanno quello che vogliono altro che paese democratico. I referendum per l’eutanasia e sulla cannabis sono stati dichiarati inammissibili, mentre questi praticamente incomprensibili ammessi.

Rispondi a Raffa Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...