Nontirare è offesissima.

Nontirare era tranquilla sul terrazzo a prendersi il sole, le porta del terrazzo era spalancata ed anche la porta di casa era spalancata, come era spalancata la porta della cucina che va al terrazzo. In realtà in casa le porte sono sempre quasi tutte spalancate, è indole lasciare tutto aperto, inoltre andavo avanti indietro. Quando suocera ha chiamato Nontirare, voleva darle da mangiare….

Ora quando si parla di cibo Nontirare non capisce più niente, ha una fame atavica, dipende dalla razza credo, mangia qualsiasi cosa trova in giro, fa veramente schifo, avrà preso dai suoi antenati, quelli che la loro principale attività della giornata era procurarsi il cibo.

Al richiamo della pignatta si è alzata di fretta ed è partita di corsa verso l’uscita, quando una folata di vento, ha fatto chiudere improvvisamente la porta della cucina. Si sono uditi nitidamente due forti botti , uno quella della porta che si è chiusa rumorosamente e quello di Nontirare che ha preso una facciata clamorosa nella porta che si era chiusa all’improvviso.

Mettermi a ridere è stato il minimo, avreste dovuto vedere la faccia di Nontirare che aveva sbattuto violentemente il muso sulla porta, la sua corsa e il vento avevano creato l’incidente.

Ora ridere delle disgrazie altrui non è bello lo riconosco .” Che ridi scemo? ” mi ha detto offesa ” Ho preso una facciata clamorosa e tu ridi?” ha continuato offesissima. Avrei voluto dire qualcosa ma non riuscivo a smettere dal ridere “ma allora sei proprio scemo, potevo morire ” mi ha detto ” ” Al massimo potevi diventare un boxer ” ho detto continuando a ridere ” ti ricordi quello col muso schiacciato che ti faceva la corte? ” ho finito di dire.

Suocera continuava a chiamare ” Sei proprio un pirla , hanno ragione quelli del blog a dirti che non capisci niente, apri sta cazzo di porta e fammi uscire ” sempre più offesa ” Lo vuoi un po’ di ghiaccio sul naso? ” ho chiesto premuroso ” Sai dove te lo devi mettere il ghiaccio ? ” mi ha risposto mentre aprivo la e la facevo uscire, questa volta usciva senza corre e stando attenta che la porta di casa non si chiudesse d’improvviso.

26 pensieri riguardo “Nontirare è offesissima.

  1. Capita sempre anche a me. Come la volta che sono arrivata a scuola col bastone, una gamba che pareva la zampa di un elefante, tutta un livido dalla testa ai piedi, a studiare le strategie per sedermi e alzarmi… Naturalmente gli scolari mi hanno chiesto che cosa fosse successo e io l’ho raccontato e quelli che si tenevano la pancia dal ridere.

    "Mi piace"

      1. Molto peggio: i miei vicini, che non avevano garage, coprivano la macchina con un telone. E dunque arrivano, scendono, e hanno una pesante cassetta di ferro, tenendo in mano la quale ovviamente non potevano maneggiare il telone, e dunque che cosa fa quel genio? Percorre il pezzetto di strada fino al cancello, percorre il vialetto, arriva alla scala, sale fino a metà e posa la cassetta su un gradino. Mentre stanno coprendo la macchina esco io, ottobre, otto di sera, buio pesto, niente illuminazione esterna. Quando arrivo al gradino fatidico metto il piede sopra la cassetta, che essendo più larga del gradino sporge di parecchio e col mio peso scivola giù. E io cado, senza capire che cosa stia succedendo, semplicemente mi sento mancare la terra sotto i piedi e quindi cado malissimo. Per rimettermi a posto, grazie anche all’errore di un ortopedico e successivamente ai molteplici errori di una fisioterapista deficiente, ci ho messo più di un anno. (E quando ho finito di raccontare, uno scolaro alza la mano e chiede: “Ma poi l’ha almeno ascoltata?” “? Che cosa” “La cassetta!” E guai a voi se vi azzardate a ridere)

        "Mi piace"

  2. L’ abitudine è una brutta bestia… per quanto possiamo essere accorti (e un cane di solito lo è, molto più di un umano), basta un cambiamento improvviso nella routine e l’ incidente è dietro l’angolo.
    Per dirne una, tempo fa il mio dirimpettaio spostò la chiostrina del contatore che aveva a fianco al cancello in un posto più consono, mezzo metro più a destra. Tutto molto bello, esteticamente parlando, il problema è che non solo non me ne ero accorto, ma in più ormai la usavo come riferimento per uscire dritto dal cancello e girare al momento giusto. La mattina dopo mi sono fatto mezza fiancata della macchina sulla colonna del mio stesso cancello.
    Per fortuna era presto e non passava nessuno, se no lo scoppio di risa sarebbe stato inevitabile.

    "Mi piace"

  3. Ma poverina!! Certo che però, immaginando la scena, posso capire perché sei scoppiato a ridere 😀 Spesso fanno delle scenette così buffe i pelosetti! Anch’io ho una cagnolina e mi abbaia in modo cattivo se vede che la prendo in giro, fa proprio l’offesa 😛

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...