La biscia che striscia e che piscia.

Delirio (lavoro) siamo in ufficio a discutere del niente, quando mi arriva un messaggio sul telefonino, il capo nel frattempo si deve assentare un minuto, guardo il messaggio ” Visto una biscia nel giardino ” scrive dolce consorte,rispondo “ci sono sempre state, viviamo in campagna” ” Devono stare a casa loro ” replica dolce consorte. Evito di rispondere per mille motivi, nel frattempo è rientrato il capo e ricominciamo a parlare del nulla, si vede che è giornata.

Alla sera dolce consorte riparte alla carica. Nessuno crederebbe che è cresciuta in campagna, ha paura di tutto. L’unica cosa di cui non ha paura è di rompere i cog……

” C’era una biscia ” inizia ” quando mi ha visto è scappata ” finisce di dire ” era una biscia maschio un biscio e non voleva farsi rompere i cog….. per quello è scappato, io non posso.

” Dobbiamo fare qualcosa ” continua, che equivale al fai qualcosa.

Spiegare a dolce consorte che viviamo in campagna ed è naturale che siano : api, vespe, cimici, topi, ragni, lucertole, gechi, rospi, serpenti e via dicendo è più complicato che spigargli la relatività.

” Io devo camminare intorno a casa senza avere paura d’incontrare serpenti ” dice arrabbiata, la mia faccia non lascia dubbi su quello che sto pensando su quello che dice.

Il mio motto e vivi e lascia vivere. L’anno scorso ne ho ucciso uno, ma era un serpente indisponente e particolarmente lusco. Ora ti do la possibilità di scappare, tu serpente lusco mi sfidi è normale che ti prendi una badilata in testa.

Venerdì prossimo sono a casa, quindi FACCIAMO, che io devo devo pulire dove c’è l’erba alta in torno a casa… dolce consorte ha deciso che l’orto può aspettare.

41 pensieri riguardo “La biscia che striscia e che piscia.

  1. Biscio uhm mai sentito ma piace pure a me ahahaha… condivido tutto tranne che per i serpenti che da me gli unici che si vedono sono le vipere e quelle so pericolose, ma in campagna si deve fare l’abitudine a tutto… NemoInCucina!!!

    "Mi piace"

  2. Quando vivevo in Somalia una volta una collega si è vista uscire un serpente da dietro lo specchio del bagno la mattina mentre si truccava. Un’altra la sera andando a letto ha tirato fuori la camicia da notte da sotto il cuscino, e insieme alla camicia è uscito un serpente. E lì non c’erano innocue bische, solo roba velenosa.
    “Devono stare a casa loro” mi ha fatto morire.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...