Suocera al secondo tentavo è riuscita ad allagare tutta la casa.

Ieri sera quando sono tornato dal delirio (lavoro ) ho incontrato Guardacomeseigrasso (gatto) e Nontirare (cane) che ridevano come dei matti. ” Un lago credimi, in sala c’era un lago, ho fatto un sonnellino e quando mi sono svegliato era tutto un lago ” raccontava Guardacomeseigrasso “dovevo uscire a pisciare e non c’era nessuno e in più c’era acqua da tutte le parti, poi arrivata suocera ed ha cominciato a gridare “o mio Dio o mio Dio” quindi è arrivato suocero, che è andato via subito, e poi è arrivata figlia, a quel punto con la porta d’ingresso aperta l’acqua è diminuita ed io sono scappato dalla porta aperta” ” Potevi farti un bagno è divertente correre nell’acqua ” ha detto Nontirare ” Sono un gatto, non un cane pirla come te, i gatti non amano l’acqua. ”

Avevo delle scatole da portare in casa, e poi sarei sceso da suocera a vedere , quando mi arriva incontro figlia ” Che giornataccia, la nonna ha lasciato l’acqua del di bidè aperta, aveva messo a bagno dei fazzoletti, il nonno l’ha chiamata, e invece che aspettare e chiudere il rubinetto, è andata dal nonno, poi sono usciti e si è dimenticata il rubinetto aperto , quando è rientrata due dita d’acqua da tutte le parti, che giornataccia, 4 ore ad asciugare per terra.”

La cosa fa ridere, perché il giorno prima dolce consorte era andata in bagno da suocera ed aveva scoperto lo stesso fatto , c’era il bidè pieno di acqua che aveva cominciato a tracimare e il rubinetto aperto.

Direte la vecchia ? No l’ha sempre fatto. Pentole bruciate, rubinetti aperti sono all’ordine del giorno, suocera inizia una cosa e poi ne inizia un’altra e si scorda della prima.

Una volta ha allagato tutto il pollaio , suocera si è dimenticata di chiudere l’acqua con cui riempiva le vaschette per le galline, tutte le galline in alto e preoccupate di non affogare.

Figlia non ha chiamato rinforzi perché suocera era già demoralizzata di suo, il doversi giustificare spiegare avrebbe peggiorato le cose. Alla fine figlia ha detto che è stato divertente, che ha passato il pomeriggio con la nonna come da tempo non succedeva ed hanno parlato tanto, oltre che lavorato tanto , e che alla fine anche la suocera rideva ” La smetterà tua madre di dire che devo lavare il pavimento, ora è lavato. ” Ha detto ridendo. (dolce consorte vuol far venire una donna delle pulizie qualche ora alla settimana ma suocera si oppone fermamente.)

Il suocero ” così smetterà di dire che quello rimbambito sono io ” diceva soddisfatto ” la colpa è tua ” contrattaccava suocera ” Se non mi chiamavi non succedeva ” ha ribattuto ” rimbambito che non sei altro, non sei neanche più capace di allacciarti le scarpe senza di me ” ha finito di dire ridendo, ma anche il suocero sorrideva, seduto in sala a guardarsi la tv stando attento a non bagnarsi i piedi.

13 pensieri riguardo “Suocera al secondo tentavo è riuscita ad allagare tutta la casa.

  1. ehhh, la vecchiaia, tra prostate gocciolanti, arteriosclerotici galoppanti, fantini anoressici, alluci valghi da operare da chirurghi buoni però, seni cadenti da tirar su, capelli che cadono come ciocche al vento, deficienti che in vecchiaia diventano ancora più odiosi (continuerei ma non vorrei risultare troppo lagnoso)…
    ma quante risate però in vecchiaia! è un continuo sbellicarsi (se uno è scemo)…

    "Mi piace"

  2. Tempo fa ho parlato della mia collega, e per un paio di mesi coinquilina, a Mogadiscio, quella di “Te l’avevo detto, cosa ti avevo detto, COSA-TI-AVEVO-DETTO”, quella che si prendeva le mie sigarette e poi si metteva il pacchetto in tasca eccetera. Una mattina va via l’acqua. Eravamo in un terzo mondo che dire terzo mondo era quasi un eufemismo, e in una capitale che in pochi anni aveva quadruplicato i propri abitanti: chiaro che rete idrica e rete elettrica erano in difficoltà e ogni tanto saltavano. Ebbene, che cosa fa il genio? Nel suo bagno (al piano di sopra) prima di uscire per andare all’università apre tutti i rubinetti: del lavandino, della doccia, del bidè e quello per riempire i secchi. Poi naturalmente l’acqua è tornata.

    Piace a 1 persona

      1. Puoi immaginare. L’acqua deve essere tornata pochi minuti dopo che eravamo uscite, e la donna di servizio è arrivata un’ora dopo, con quattro rubinetti completamente aperti: scala trasformata in un Niagara, e per prosciugare il pavimento del pianoterra ha dovuto chiamare in aiuto altre quattro donne (abitavamo al campus, e c’erano due file di case abitate dai professori, tutte con relative donne di servizio che facevano parte della casa) e ci hanno dovuto lavorare per mezza mattinata. E sai cosa ha avuto il coraggio di dirle? “Beh guarda Faduma, da una parte mi dispiace che hai dovuto lavorare tanto, però sono contenta che almeno per una volta la casa ha avuto una bella lavata”. Tieni conto che in posti così se salti un giorno di pulire a fondo – cioè tipo quelle che da noi sono le pulizie di Pasqua – ti ritrovi la casa invasa da migliaia di insetti di ogni sorta, per non parlare di ragni e serpenti (tutti velenosi) quindi fai conto tu se la casa non era accuratissimamente pulita ogni giorno. Senza contare che se qualcuno di noi si fosse lamentato presso il comitato che gestiva le case, quelle restavano immediatamente senza lavoro, immagina tu se potevano permettersi di non pulire col massimo scrupolo. Oltre alla cafoneria di andarle a dire una cosa del genere.

        "Mi piace"

Rispondi a coulelavie Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...