Il caso Denise Pipitone e risvolti filosofici.

Chi mi segue sa che sono un appassionato della trasmissione Chi l’ha visto. La seguo da sempre,è una trasmissione che va oltre il semplicemente cercare qualcuno, come già detto ha aiutato a risolvere molti casi, tra l’altro molti di omicidi con sparizione di cadavere, anche ieri i carabinieri ringraziavano la trasmissione, avevano risolto il caso di Barbara Corvi scomparsa 12 anni fa grazie all’aiuto della trasmissione, arrestando il marito, l’avrebbe uccisa e sciolta nell’acido, gli aveva confessato di averlo tradito, non tutti la prendono bene, mi fanno ridere quei psicologici che dicono che a volte un tradimento fa bene alla coppia. Non dico che non possa succedere ma molto dipende dal marito…..

Ma non è della Corvi che voglio parlare , ma del caso di Denise Pipitone, è un famoso caso di cronaca di 17 anni fa, è la storia di una bambina di 4 anni scomparsa misteriosamente

Denise Pipitone era di Mazara del Vallo, era scomparsa mentre giocava davanti casa, era stata affidata alla nonna.

Un caso che aveva tenuto impegnati per giorni e giorni i giornali e telegiornali.

La madre della piccola Piera Maggio aveva avuto dei sospetti sulla sorellastra di Denise , qui c’è tutta una storia di tradimenti a raffica e di famiglie distrutte. Altro che le fiction.

La sorellastra affronterà tre gradi di giudizio, dove verrà sempre assolta, non senza lasciare strascichi di polemiche. C’è da dire che la ragazza ci metterà del suo per lasciare dei sospetti, la ragazza era sicuramente innocente, ma l’odio verso la madre della piccola era tale che il sospetto era venuto a tutti.

La madre non si è mai rassegnata, è a continuato a cercare la piccola, grazie soprattutto alla trasmissione Chi l’ha visto.

E’ una storia piena di colpi di scena, da un pentito di mafia che diceva che era stata buttata in mare, a continui avvistamenti con relative delusioni , e via dicendo.

Ieri sera l’ennesimo colpo di scena.

In una trasmissione televisiva russa tipo Chi l’ha visto, è andata una ragazza di circa vent’anni che cercava i suoi genitori. All’età di cinque anni era stata messa in un orfanotrofio russo, era stata trovata a mendicare davanti a una chiesa con una zingara che si era scoperto non essere la madre. E qui dobbiamo tornare indietro nel tempo ed a un avvistamento a Milano fatto da una guardia giurata poco tempo dopo la sparizione della bimba. Aveva visto una bambina somigliante a Denise in compagnia di una donna russa, e l’aveva anche ripresa col cellulare , il tempo di chiamare i carabinieri che la donna e la bambina erano sparite.

Un’infermiera russa che vive in Italia da vent’anni, seguiva la trasmissione russa, ed ha visto la ragazza, e l’ha abbinata non tanto al viso di Denise ma a quello della madre Piera Maggio, è andata in rete ha fatto una ricerca e il cuore ha cominciato a battergli a mille, si somigliavano. Quindi ha telefonato alla trasmissione di Chi l’ha visto……….nostrana.

Non si sa se la ragazza è Denise, si sa che è stato spedito il DNA della ragazza per essere confrontato.

Comunque vadano le cose, la somiglianza obbiettivamente è notevole.

Ieri sera dolce consorte e figlia sono arrivate tardi, arrivate ho raccontato di Denise.

Una delle più grandi paure di dolce consorte era che qualche zingara potesse rubare figlia, era una paura trasmessa da suocera.Spesso l’ho presa in giro per questo. ” Ecco vedi che gli zingari rubano i bambini ” mi ha detto ieri sera dolce consorte “e tu che mi hai sempre preso in giro” ha detto in senso di rivincita.

Ma quanti casi hai sentito oltre questo ?” ho provato a chiedere. ” Intanto questo esiste” ed ha finito la discussione.

35 pensieri riguardo “Il caso Denise Pipitone e risvolti filosofici.

  1. Non ho guardato “chi l’ha visto”, ma ho visto in tv la somiglianza tra la ragazza russa e la madre: è notevole. Sarebbe bellissimo se fosse davvero lei. Non si capisce però perché portare via un bambino per poi farlo finire in un orfanotrofio… Meglio così comunque che in mano a qualche pedofilo.

    "Mi piace"

      1. Ho capito, ma di solito se rubi un bambino è per tenertelo o per venderlo. Una volta capito che non era la madre, avrebbero potuto indagare su bambini scomparsi.

        "Mi piace"

  2. All’università avevo seguito un bel seminario sulle calunnie etniche. Sempre comodo scaricare sui poveracci e sugli emarginati le colpe di tutti. Il docente aveva fatto vedere il video di una donna che voleva testimoniare un presunto rapimento. Secondo quello che diceva questa donna, in un parcheggio sotterraneo due zingare, una giovane e una anziana, si sarebbero avvicinate di soppiatto a una mamma che spingeva una carrozzina, poi mentre la mamma si accingeva ad aprire la portiera della sua macchina le due zingare si sarebbero precipitate sulla carrozzina, la vecchia gridando all’altra “Prendi bimbo, prendi bimbo”. I poliziotti non fecero fatica a dimostrare che la testimone si era inventata tutto. E dai, come ti viene in mente che la zingara vecchia avesse bisogno di spiegare all’altra che cosa doveva fare, oltretutto gridando, oltretutto in italiano? Semplicemente non regge.

    "Mi piace"

      1. Probabilmente era una donna disperata, che fosse zingara è marginale. Ci sono molti casi di rapimenti di bambini del tutto analoghi, dove le rapitrici non sono zingare.

        "Mi piace"

  3. Non lo seguo ma ho letto su internet, la somiglianza con la mamma di Denise è effettivamente tanta, speriamo che sia lei, soprattutto per quella donna e tutto quello che ha passato.
    Per il resto a dire il vero, di tentativi di rubare bambini ce ne sono stati diversi, molti sventati per l’intervento della gente che è intervenuta spaventando i rapitori, quindi tua moglie non ha proprio tutti i torti.
    Anche qui vicino a noi, diversi anni fa, ci fu un tentativo in un grande centro commerciale.
    Ma la madre diede l’allarme subito, così furono chiuse tutte le porte impedendo a chiunque di uscire e la polizia iniziò la ricerca della bambina smarrita di 3 anni, con lunghi capelli biondi e un bel vestitino azzurro come i suoi occhi.
    Dopo qualche ora la bambina fu ritrovata da sola, abbandonata in un bagno del supermercato, vestita da maschio e con tutti i capelli tagliati corti alla maschietto…

    "Mi piace"

  4. “Non le somiglia per niente!” direbbe Johnny Stecchino. Il naso è incompatibile con quello di Denise. Ieri la trasmissione (che solitamente vedo e apprezzo) mi ha deluso. Per metà parlava di questa (palesemente) falsa pista, poi solito materiale trito e ritrito su Benno (o come si chiama)…

    Piace a 1 persona

  5. La leggenda degli zingari che rubano i bambini, è sempre esistita e quella che li rapiscono nei supermercati, vanno nei camerini gli tagliano i capelli e da lì i figli spariscono nel nulla.
    Questa non l’avevi mai sentita?

    Piace a 1 persona

  6. il dialogo con dolce consorte che ci riporti mi ha fatto sobbalzare 🙂 🙂 essendo io uno psicologico intuisco che il vostro rapporto è un po’ logorato (per colpa del marito???) ……. comunque ti va molto bene perchè ho la soluzione: uno di voi due dovrebbe tradire 🙂 🙂 ….. mica per costruire una relazione parallela, no, solo per ravvivare il clima di coppia 🙂 🙂 🙂

    "Mi piace"

  7. Difficile trovare persone. Persino quelle un po note non pincopalla qualunque. Due anni e mezzo ci sono voluti per trovarlo…silenzi, omissioni, un piccolo giallo…cliccate su google tre parole: mario galli urania.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...