Poi dicono che le misure non contano

La notizia la trovate in rete

Negli Stati Uniti , Cinque infermiere sono state sospese, perché dopo aver aperto il telo di un defunto, si sono soffermate ad ammirargli il pene , fatto commenti espliciti ad alta voce sul peccato della perdita di così grosso – bene-, e ci hanno scherzato su , tutte sospese, perché mi domando ?

Ho capito il rispetto, ma ormai il signore era morto, e in ogni caso ne stavano parlando- bene-

L’articolo continuava dicendo che è molto comune tra le infermiere darsi il passaparola in caso d’incontro di peni di certe dimensioni…..

Ora se mi avessero dovuto sospendere per tutti i commenti che ho fatto sulle parti anatomiche delle donne che girano al delirio(lavoro), sarei rovinato a vita, meno male che al delirio per queste cose sono più tolleranti.

Ricordo di aver scritto un pezzo di quell’addetto alle camere mortuarie, che si divertiva ad abusare delle donne morte, finché una di queste, una ragazza non si era risvegliata nel mentre dell’amplesso, non era proprio morta, invece di dargli un premio per essere riuscito a resuscitarla, è stato condannato per violenza carnale. (battuta e chiedo scusa)

Io quando immagino la scena: ( scusate lo so che sono cretino , lo so che ridere su una violenza sessuale non si dovrebbe, e chiedo scusa a tutte le donne ) lui tranquillo , la ragazza doveva essere morta, e all’improvviso nel mezzo dell’amplesso la ragazza che si sveglia e comincia a gridare, non so cosa avrei pagato per vedere la faccia di lui .

Cadavere con erezione - Facciabuco.com

La foto era nell’articolo non so se fosse del signore…. in quel caso si capirebbe l’interesse delle infermiere.

(Figlia mi da il permesso di pubblicarlo. Preciso che la violenza sessuale è sempre in ogni caso vivi o morti da condannare)

44 pensieri riguardo “Poi dicono che le misure non contano

  1. Sul fatto dei commenti, chissà quanti ne faranno gli addetti alle pompe funebri che vedono cadaveri tutti i giorni… La sospensione per le infermiere mi sembra decisamente esagerata. Divertentissimo. Oggi un articolo davvero fuori misura…

    Piace a 3 people

    1. Sugli operatori delle pompe funebri non commento, ma dagli infermieri mi aspetto che si comportino in modo professionale. Sono persone a cui si insegna e si chiede, fin da subito, il rispetto per le persone che devono accudire, vive o morte che siano. Secondo me hanno fatto bene a sospenderle perché il loro comportamento può danneggiare la reputazione dell’ospedale per cui lavorano.

      Piace a 1 persona

      1. Hai sicuramente ragione sul fatto del rispetto per i defunti, ma quello che trovo ingiusto è che siano state sospese solo perché le hanno evidentemente sentite, mentre tanti altri commentano, soprattutto uomini, e nessuno si azzarda a dire nulla. A me capitò, durante una visita ginecologica, che il medico si mettesse a commentare con un collega, particolari di una paziente che aveva visitato prima di me. Lascio immaginare come mi sono sentita. Fossi stata morta, forse era meglio.

        Piace a 1 persona

      2. Sì, ha fatto apprezzamenti su una paziente che evidentemente mi aveva preceduto, senza preoccuparsi che io sentissi i commenti. La prima cosa che ho pensato è stata che avrebbero fatto gli stessi commenti su di me, non appena uscita. Non è stato piacevole.

        Piace a 1 persona

  2. Personalmente penso che sul luogo di lavoro i commenti di questo genere sono sempre da evitare, proprio perché è un luogo di lavoro e si può venire ascoltati dalla gente esterna, che esempio si dà?????
    Poi uno fuori, nel tempo libero fa quello che gli pare, anche se certi commenti li trovo alquanto di cattivo gusto sempre.

    Piace a 1 persona

      1. Io penso che troppo spesso si pensa a rispettare di più i morti che i viventi e che quindi c’è qualcosa di base che non funziona.

        La mia era una battuta, ma la nostra civiltà si basa anche sulla proverbistica, no?
        A pensar male si fa peccato, ma il più delle volte ci si azzecca.

        😉

        Piace a 1 persona

      2. Ma appunto: quale rispetto dei vivi possono avere persone incapaci di rispettare i morti? Mio padre era medico e ricordo di averlo sentito scherzare con i suoi colleghi in modo anche molto greve, ma nessuno di loro l’avrebbe mai fatto ai “danni” di un cadavere.
        Hanno fatto bene a sospendere le infermiere, visto che la cosa si è risaputa e questo può danneggiare la reputazione dell’ospedale in cui lavorano (o lavoravano: la notizia non è freschissima, risale a tre anni fa).

        Piace a 1 persona

      3. Io la vedo essattamete al contrario: non è instillando il rispetto nei morti, che si otterrà quello per i vivi, ma il contrario.
        E’ troppo “facile” rispettare il confine che divide le due realtà. Quanto è facile sparlare di un vivo, che non può difendersi tanto quanto un morto, se non sente/vede? E se lo si fa con lui, evitando di dirgli le cose in faccia, o facendolo in gruppo (bullismo), a maggior ragione lo si può fare con un cadavere, che nemmeno si lamenterà di essere preso di mira.
        Ad ogni azione corrisponde reazione, non che è la reazione che causa l’azione.

        Per la cornaca, la parte sulla necrofilia, aberrante finché si vuole, è comunque una parafilia, ovvero un problema di ordine psichiatrico, ma non ho sentito nessuno lamentarsi di aver preso in giro un malato.

        Piace a 1 persona

  3. Pare che sia rimasta soltanto Silvia a ricordare che la nostra civiltà si fonda(va), fra l’altro, sul rispetto dei defunti…

    Sei proprio sicuro di voler vedere la faccia di uno talmente incapace di trattenere le proprie “basse” pulsioni da arrivare a profanare un cadavere?

    E che cosa direbbe e farebbe tua moglie se udisse qualcuno fare analoghi commenti su di te?

    A parte questo, ricorda che gli unici autorizzati a dire che le dimensioni non contano sono quelli che ce l’hanno davvero grosso.

    "Mi piace"

    1. La faccia dello spavento e della sorpresa si.
      I defunti vanno rispettati e su questo siamo d’accordo.
      Il loro errore è di averlo fatto davanti a qualcuno che le ha denunciate, forse c’erano le telecamere.
      La notizia in se è divertente, e come sai a me piace scherzare.

      "Mi piace"

      1. Sì sì. Ho visto anche il sito web dell’ospedale di Denver dov’è successo il fattaccio tre anni fa. Comunque sia, il comportamento delle cinque infermiere è stato assai poco professionale, la sospensione di tre settimane ci sta tutta.

        "Mi piace"

  4. Pensarlo è sicuramente normale, tutti noi vedendo un qualcosa di così ‘anomalo’ ci faremmo il pensierino. La differenza sta nell’essere consapevoli di un rispetto verso il prossimo, che sia vivo o morto, e quindi tenere per noi tale pensiero. Esternarlo è veramente di una gran pochezza.

    "Mi piace"

  5. Niente, non ce la faccio, devo fare la battuta…
    Avranno mica approfittato del rigor mortis le gioviali infermiere?
    Ok, crocifiggetemi…
    Io comunque se da morto mi facessero dei complimenti sarei contento, purtroppo so già che al massimo ci sarà qualche risatina…

    "Mi piace"

  6. Ero ricoverato in ospedale quando un’infermiera a sorpresa me l’ha preso in mano per pulirmi, ho provato un imbarazzo tale da sparire sotto terra.
    Per lei era la normalità, certo l’avessi avuto come il signore morto le cose sarebbero cambiate……

    "Mi piace"

  7. Chi ha a che fare quotidianamente con la morte deve per forza esorcizzarla, se no come sopravviverebbe? E come si esorcizza la morte? Scherzandoci sopra. Non è mancanza di rispetto: è strategia di sopravvivenza; chi non la deve affrontare ogni giorno non credo abbia il diritto di giudicare una situazione che non conosce. Nelle sale operatorie durante gli interventi per esempio si sentono le cose più becere che si possano immaginare. Da radiare dall’albo invece il ginecologo che commenta le pazienti, e oltretutto in presenza di altre pazienti.

    "Mi piace"

  8. Negli USA questi sono temi molto sentiti. Nei posti di lavoro battute a fini sessuali non sono tollerate in alcun modo, a volte può essere rischioso anche solo commentare quanto stia bene l’abito ad una collega, immagino quindi che anche se si tratta di un defunto il metro di giudizio sia sempre lo stesso, quindi non mi stupisco che le infermiere siano state sospese. Al di la di tutto l’articolo ha fatto sorridere e ha sollevato un momento di riflessione … personalmente credo che il rispetto debba esserci sempre sia con i vivi che con i defunti, forse queste persone che ogni giorno hanno a che fare con la morte, la malattia il dolore andrebbero capite un pò più se si concedono un momento di leggerezza

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...