Il nipote Linguaaterra.

Mia madre ha vissuto oltre 40 anni al nord, ne aveva poco più di 30 quando è venuta via da un piccolo paese del sud. Mia madre aveva fatto fino alla terza elementare , una volta era quello l’obbligo scolastico , ma l’italiano non l’ha mai imparato, e dopo oltre quarant’anni al nord una parola d’italiano non la sapeva dire. Era una donna sotto molti aspetti intelligente, tanto da aprirsi una sua attività commerciale e mandarla avanti con profitto per molti anni, ogni giorno parlava anche con centinaia di persone, ma l’italiano non l’ha mai imparato. Aveva una sua lingua un misto tra dialetto meridionale ed italiano, con vocaboli assolutamente straordinari, che se anche non corretti davano comunque la giusta idea di cosa volesse dire , in ogni caso si faceva capire.

Certo per me cresciuto in casa era più facile capire le sue parole, un po come i genitori che capiscono quello che dice il bambino quando inizia a parlare, qui al contrario.

Dolce consorte, ha un dono per lingue, impara subito, a mia differenza , ho preso da mia madre in questo.

Quando mia madre parlava, diciamo che Dolce consorte capiva quasi tutto quello che diceva, sicuramente il significato del discorso.

A volte però c’erano parole che non riusciva proprio a capire, e quando eravamo soli mi chiedeva il significato, non è bello da dire, ma spesso ci facevamo un mucchio di risate per come mia madre riusciva a storpiare le parole.
Un giorno ricordo dolce consorte che per quanto si sforzasse non riusciva a seguire il discorso, c’era una parola che non riusciva proprio a capire, e quindi dare un significato al discorso.

A quei tempi nipote, figlio di sorella vicina, era andato all’estero a cercar fortuna, non è esattamente così, ma non cambia niente, quindi come detto era all’estero, e mia madre stava parlando di lui…..

Quando ho spiegato il significato della parola a Dolce consorte, ricordo che ha cominciato a ridere a ridere a ridere senza fermarsi più……..

La parola era : Linguaaterra, per me di facile interpretazione, ora riconosco di non facile interpretazione per tutti.

Visto che il nipote era in difficoltà, al Linguaaterra dolce consorte cercava di dare un significato ma non ci riusciva……

Va bene la parola è Inghilterra.

Ora dire che mia madre l’avevo corretta centinaia di volte e dir poco, certo finché il nipote non era andato in Inghilterra, mia madre non sapeva neanche che esistesse, a riprova che si può benissimo vivere sapendo poco o nulla, anzi a volte aiuta. Avevamo sillabato, e la parola veniva fuori perfetta, ma appena lasciata a se stessa mamma diceva Linguaaterra, lasciando nello stupore le persone con cui parlava, che non capivano cosa dicesse.

Una volta su un treno, stava andando nella terra natia, un viaggio lungo, nella sua carrozza c’era una signora che ha cominciato a fare delle scoregge rumorose, la signora si è giustificata dicendo che il dottore gli aveva detto che trattenersi gli faceva male. ” E così ventoliando ventoliando ci dobbiamo fare tutto il viaggio” Ha risposto mia madre, lasciando basita la signora.

Ventoliando, da vento, facendo aria.

26 pensieri riguardo “Il nipote Linguaaterra.

  1. Sono aneddoti che si ricordano con tenerezza, non con maleducazione, fanno parte della famiglia e del passato e fino a quando si ricorderanno vivranno sempre 🙂

    "Mi piace"

      1. Per ora bene direi, grazie. Devo ancora imparare bene i vari “meccanismi”, però il clima estremamente collaborativo aiuta molto e…E’ bello arrivare la mattina e vedere persone che ti salutano con il sorriso(anche quello aiuta molto!). Tu come stai? Va meglio? Ma il calcolo poi…aveva calcolato?

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...