Ritratto di donna. Il cambiamento 3

Ora una cosa difficile da dire a una donna senza ferirla, non è tanto che non vuoi uscire con lei, ma che con lei non ci vuoi fare sesso.Per gli uomini è più facile, diciamo che fa parte del gioco prendere dei no, ma se una donna si offre dire no è complicato, bella o brutta che sia. Normalmente se si offre e perché tu gli hai fatto credere qualcosa, nel mio caso ero andato ben oltre.

Con P……. siamo andati a passeggiare come la sera precedente, aveva lasciato Luca con un scusa per venire da me.

Ora la cosa più semplice da fare era baciarla e finirla lì, eravamo seduti uno vicino all’altro , era una splendida notte stellata, ma perché no mi chiedevo, perché rinunciare?

Il giusto non va pari passo col piacere, o col nostro vantaggio. Seguire il giusto spesso è difficile, è rinuncia, e rinunciare al piacere non è facile, mettere un freno al nostro ego ancora più difficile. Il cambiamento era in atto, la via cominciava a delinearsi, le scelte della mia vita dovevano prendere un altra strada, la mia parte razionale stava prendendo il sopravvento, ma ci sarebbero voluti ancora mesi, mesi non facili….. dove due modi di vedere la vita si sarebbero scontrati.In questi mesi molte cose sono successe, alcune cose bruttissime, mi scoccia dirlo ma sono servite, altre bellissime solo perché c’erano state le cose bruttissime, se no non ne avrei capito l’importanza.

La via ormai mi era chiara : il giusto, è diventato il mio modo di vivere, oggi tutto va in automatico, certo qualcuno potrebbe obbiettare sul giusto….. Io non so cosa è giusto per gli altri, ma per me lo so esattamente, ho fondato la mia vita su valori sul quale non si discute: onestà a tutto tondo, correttezza, lealtà, il mio giusto è lì.

Eravamo uno vicino all’altro e gli ho spiegato il perché del mio comportamento. Ho detto che P…… era intelligente, ha capito che gli stavo offrendo qualcosa di più profondo.

La nostra amicizia dura ancora, certo le occasioni per vederci sono pochissime, ho conosciuto il marito, un medico pazzo come lei, lei ha conosciuto dolce consorte il suo esatto contrario, di Luca non ne so niente.

14 pensieri riguardo “Ritratto di donna. Il cambiamento 3

  1. Non mi è chiara una cosa: di solito racconti dei tuoi amici, colleghi e conoscenti cambiandone il nome per evitare che siano riconoscibili, invece di P hai indicato l’iniziale del nome e la professione sua, del padre e del marito; vuoi che sia riconosciuta?

    "Mi piace"

      1. Lei non frequenterà il mondo dei blog, ma può essere riconosciuta da terze persone. Hai molte amiche laureate in medicina che sono figlie di medico e mogli di medico? O anche la professione è “di fantasia” ? 🙂

        "Mi piace"

      2. Quindi avresti potuto anche indicarne il nome vero, o almeno l’iniziale vera 🙂
        A proposito di nomi. Ci sono due ragazze del mio passato che ho perso completamente di vista, non so nulla di loro da tantissimo tempo; la cosa curiosa è che entrambe si chiama(va)no Marta.

        "Mi piace"

      3. Non le cercherò.
        Diciamo che solo di una mi piacerebbe sapere che fine abbia fatto: vista l’ultima volta nel 1975, cercata su Internet a partire dall’inizio degli anni ’90 e mai trovato niente.
        Dell’altra qualche traccia nel web la si trova, ma preferisco pensare che si sia completamente dimenticata del sottoscritto.

        "Mi piace"

      4. Dimenticavo: tanto Marta1 quanto Marta2 non sono di Torino, altrimenti perderle completamente per strada non sarebbe stato possibile – dice una mia amica: il mondo è piccolo, ma Torino è uno sputo.
        Marta1 era di Roma e fino al 1975 trascorse le vacanze a Valtournenche.
        Marta2 era di Trento.

        "Mi piace"

  2. Qualche volta ho provato a scegliere scansando i miei dogmi retaggio della mia vita vissuta fin qua. Non me ne sono mai pentito e non me ne pento tutt’ora ma, il fatto curioso è che poi, la vita, mi ha riportato sul binario che avrei preso scegliendo solo razionalmente. Non dubito che se le scelte assennate si fossero succedute senza soluzione di continuità, probabilmente qualcosa sarebbe cambiato, magari oggi non mi troverei in questa esatta situazione, chi lo sa…..

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...