I cani grossi di mio cognato.

” Li tenga ” gridava spaventata una signora ” Non sono miei” rispondevo ” aiuto ” continuava la signora. In realtà i cani non stavano facendo nulla, per fortuna comunque è arrivato il cognato.

Il cognato ha una idea tutta sua del mondo e dei cani, lui non ha paura, e quindi gli altri sbagliano ad avere paura, e non sono bastate varie denunce ai carabinieri, varie minacce telefoniche, più tutte le liti a tu per tu, e il fatto che tre persone siano finite al pronto soccorso morse dai suoi cani buonissimi, con altrettante denunce.

Il cognato continua a tenere liberi i suoi cani, certo quando sono con lui, ma lui fa sempre altro e non li guarda nemmeno, il problema è che ha tre cani di grossa taglia e soprattutto un pastore tedesco autistico, detto da lui, quindi presumo vero.

I miei rapporti con i suoi cani sono discreti, a condizioni che non provi ad entrare nel loro territorio, cioè a casa di mio cognato, quindi quando arrivo dal cancello, nonostante mi conoscano benissimo mi abbaiano in maniera cattiva, e se mio cognato non li richiama, col cazzo che entro( scusate il termine) o che esco da casa, per loro è lo stesso. Nonostante abitiamo a 50 metri vado da l cognato massimo due volte l’anno, mentre lui da me e i suoi cani è di casa, ci sono i suoceri.

Ieri notte tornato dal lavoro, li trovo tutti e tre fuori sulla strada, chiamo cognato, è al ristorante. ” guarda che hai cani fuori ” ” com’è possibile? ” mi chiede ” cazzo ne so, sono fuori ” gli dico ” prova a farli rientrare ” mi chiede.

Ora i due cani più grossi ma di indole buona mi hanno seguito, il pastore tedesco autistico man mano che mi avvicinavo a casa sua ha cambiato atteggiamento, quando ha preso la posizione del prova ad entrare che ti sbrano, sono ritornato su i miei passi ” non mi seguono” ho detto al cognato ” falli entrare da te” mi ha chiesto ” li ricupero quando rientro.

Mentre eravamo sulla strada sono passati una coppia in bici, i cani sono andati a fare conoscenza, tra il terrore palpabile dei due.” tranquilli ” ho detto ” sono bravi” ho continuato, tranquillizzati dalla mia presenza i due sono scappati via.

I due cani grossi sono entrati ed hanno iniziato a giocare col mio, il pastore tedesco autistico non c’è stato verso, lo chiamavo per nome ma lui niente, a quel punto anche gli altri due sono usciti di nuovo. ” non entrano ” ho detto” ” Lasciali fuori che tra mezz’ora siamo lì, tanto non fanno male a nessuno” mi ha detto convinto il cognato.

Il pastore tedesco autistico era stato prelevato da un canile anni fa come deterrente per i ladri, quando il cognato aveva subito un furto in casa , una settimana dopo nonostante il pastore tedesco autistico, e uno dei due cani grandi, i ladri sono entrati e usciti senza subire danno, la suocera ricorda solo un gran abbaiare, il ladro si vede che è come mio cognato non ha paura dei cani, oppure aveva sentito il cognato dire ” non fanno male a nessuno” Chi lo sa ?

7 pensieri riguardo “I cani grossi di mio cognato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...