Il marito della moglie del prete.

Ieri per caso ho rivisto Aldo ( nome di fantasia).

Aldo il marito della moglie del prete, questa definizione non è mia, gli era stata affibbiata una vita fa da un mio amico.

Il mondo in questi anni è cambiato profondamente, per cui per chi è molto giovane è difficile capire com’era il mondo fino a poco tempo fa.

Aldo è stato il mio catechista, sposato con Giulia a sua volta catechista, è stato una figura importante anche della Democrazia Cristiana nel nostro comprensorio, rivestendo anche la figura di assessore.

Quaranta anni fa e più, i partiti principali erano democrazia cristiana e partito comunista, la domenica le persone andavano a messa e le chiese erano piene, ma i comunisti la domenica giravano per il paese vendendo l’unità, altri tempi.

Aldo è una persona che oggi rivedo con profondo piacere e il tempo ha fatto in modo che lo rivalutassi come persona. I nostri sono stati rapporti buoni, poi cattivi, e adesso di nuovo buoni.

Il Prete in questione è quello che gentilmente mi ha chiesto di non frequentare più la parrocchia, avevo 16 anni, uno che sosteneva che Adamo ed Eva erano esistiti veramente, certo non era adatto ad uno come me che aveva mille domande e zero risposte, ma è lo stesso prete che quando la suocera è andata a chiedere informazioni sul sottoscritto ( una volta si faceva anche così ) ha detto che ero un bravissimo ragazzo, e che la mia era un ottima famiglia.

Aldo è il catechista che mi ha detto che farsi le seghe faceva male, e portava disturbi alla vista, oggi sembra una barzelletta ai mie tempi era la realtà .

Aldo e il prete sono quelli che hanno aperto il doposcuola, comprato il ping pong, aperto una biblioteca, ci hanno portati in giro, fatto giocare, e mille cose buone.

Il tempo mi ha fatto rivalutare molte cose, sia il prete che Aldo.

Aldo e Giulia desideravano dei figli ma al terzo aborto spontaneo hanno desistito, oggi sicuramente avrebbero potuto coronare il loro sogno.

Giulia casalinga, passava più tempo in chiesa col prete che a casa col marito che lavorava, Giulia e il prete erano sempre insieme mattina, pomeriggio, sera, il mio amico comunista e acerrimo nemico del mondo ecclesiastico aveva coniato la frase dicendo quello che tutto il paese in fondo pensava.

Il prete è morto purtroppo ancora giovane, Aldo nel frattempo è diventato diacono, Giulia continua a frequentare la chiesa mattina, pomeriggio e sera.

Aldo mi abbracciato calorosamente cosa che ho fatto anch’io, abbiamo fatto un tuffo nel passato e ricordato i vecchi tempi, e po ci siamo salutati.

PS Le seghe non fanno diventare cieco, almeno nel mio caso, come dice una mia amica di precisare sempre.

6 pensieri riguardo “Il marito della moglie del prete.

      1. credo che, pensandoci, tu abbia deciso che è meglio, se non eri convinto non l’avresti seguito il consiglio che poi consiglio non era, ma solo il mio punto di vista 😉

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...